Un nuovo approccio alla terapia parodontale non chirurgica: intervista alla Prof.ssa Genovesi

Search Dental Tribune

Un nuovo approccio alla terapia parodontale non chirurgica: intervista alla Prof.ssa Genovesi

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Prof.ssa Annamaria Genovesi
Redazione Tueor Servizi

By Redazione Tueor Servizi

lun. 14 novembre 2022

save

L’evoluzione nelle conoscenze sul microbiota e sulle problematiche orali ha cambiato radicalmente i piani di trattamento nelle varie tipologie di pazienti. Nell’approccio parodontale un ruolo fondamentale viene rivestito dall’Igienista dentale che deve conoscere a fondo gli aspetti biologici e le tecnologie disponibili così da poter assicurare una corretta terapia e un corretto mantenimento.

Per poter gestire in maniera adeguata la salute orale e generale del paziente parodontale, l’Istituto Stomatologico Toscano in collaborazione con la Saint Camillus International University of Health and Medical Sciences di Roma, portano avanti un Master Universitario di I livello dedicato alla figura dell’igienista dentale. L’anno accademico 2022/2023 prenderà il via il 16 dicembre.

Il percorso di formazione, della durata di un anno, sarà composto da 11 moduli che analizzeranno:

  • Razionale biologico dei tessuti parodontali: gli spetti clinici e la salute;
  • Terapia parodontale non chirurgica e classificazione della malattia parodontale: test diagnostici e strumentali;
  • La ricerca e le nuove frontiere nel paziente parodontale e peri-implantare;
  • Valutazione anamnestica del paziente in rapporto alla salute orale;
  • L'utilizzo della tecnologia dell'igienista dentale per la risoluzione dell’infiammazione con un approccio mini-invasivo: dalla diagnosi alla terapia;
  • Il paziente parodontale e altre patologie correlate: il mantenimento implantare;
  • Terapia re-attiva e pro-attiva;
  • Ozono terapia in igiene orale;
  • Ultrasuoni e polveri nella malattia parodontale e peri-implantare;
  • Terapie personalizzate in base alla tipologia di paziente: fattori di rischio cardiovascolari;
  • Mantenimento della salute orale e il paziente ortodontico parodontale.

In vista dell’imminente chiusura delle iscrizioni, fissata per il 30 novembre, abbiamo il piacere di poter intervistare la prof.ssa Annamaria Genovesi, direttore del Master.

Buon giorno Professoressa, quali sono stati i motivi che vi hanno spinti a realizzare questo Master?
La nostra professione di igienista dentale, ma anche l’odontoiatria e la medicina si mettono sempre in discussione quando si parla di salute e di nuovi approcci terapeutici, obiettivi e tecnologie. Il nostro obiettivo, oggi, non può più limitarsi, meramente a rimuovere il tartaro o a ridurre i batteri presenti nel cavo orale, ma piuttosto a ripristinare la salute, ovvero “riabilitare” un microambiente per renderlo favorevole all’individuo e ai microorganismi presenti. Mantenere una buona igiene orale è fondamentale per una buona salute generale e psicologica. La figura dell’igienista dentale lavora a 360° ed è per questo che da più di 10 anni organizziamo master per questa figura professionale in cui crediamo molto. Proviamo a mostrare ai corsisti la nostra filosofia di lavoro, il nostro approccio diagnostico e terapeutico e miglioriamo anche noi attraverso i loro feed-back importanti e pieni di passione e voglia di crescere.

Quali sono i focus su cui si concentrerà il Master e quali saranno le competenze che i partecipanti riusciranno ad acquisire?
Puntiamo molto sul cambio di approccio dell’igienista dentale nella terapia parodontale non chirurgica del paziente parodontale che deve essere personalizzata in base ai fattori di rischio sistemici, locali per eventuali terapie ortodontiche o implantari. I precedenti corsisti sono sempre stati entusiasti dall’apprendere l’utilizzo di tecnologie come il laser, l’ozono o l’uso delle polveri applicate in una terapia che noi dividiamo in fase re-attiva e pro-attiva. Approfondiamo quindi sia la terapia parodontale che il mantenimento implantare e le correlazioni con la salute generale.

Il master è teorico o prevede anche delle parti pratiche? Come saranno affrontate?
Il master è in parte in presenza e in parte online in modalità webinar per adeguarci al mondo in continua evoluzione e per andare in contro ai bisogni dei corsisti che spesso sono anche lavoratori. Le lezioni online sono ovviamente teoriche, negli incontri in presenza sono organizzate anche delle sessioni pratiche su modelli e su pazienti.

A chi consiglierebbe di frequentare il Master?
Abbiamo la fortuna di essere una bella squadra, quindi i corsisti sono seguiti passo passo per lo sviluppo di una tesina conclusiva e per eventuali necessità di apprendimento differenti, per questo consigliamo il corso sia a chi si è appena laureato per iniziare ad apprendere nozioni aggiuntive ed impostare, sin da subito, un certo modo di lavorare, sia ai professionisti di ogni età che vogliono essere tali, quindi aggiornarsi per il proprio lavoro e per il bene dei nostri pazienti che devono sempre essere al primo posto in quello che facciamo.

 

Per informazioni e iscrizioni clicca QUI.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

advertisement
advertisement