Dental Tribune Italy

COVID-19. Le associazioni in USA chiedono il kit per il test SARS-CoV-2 negli studi dentistici

By Jeremy Booth, DTI
May 05, 2020

WASHINGTON, USA: Un consorzio di organizzazioni odontoiatriche statunitensi ha chiesto l'autorizzazione federale per i dentisti abilitati ad effettuare i test SARS-CoV-2 nelle loro cliniche utilizzando i kit approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Mentre gli odontoiatri dello Utah tornano al lavoro, le organizzazioni hanno sostenuto che i dentisti hanno le competenze per effettuare i test rapidi consentendo loro di ridurre le infezioni e riducendo la pressione sul sistema sanitario.

In una lettera al Dott. Brett P. Giroir, assistente segretario per la salute presso il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, le organizzazioni dentali hanno sottolineato che, mentre i dentisti effettuano i test sui loro pazienti per i sintomi COVID-19, le loro cliniche rimangono ad alto rischio di diffusione del SARS-CoV-2 a causa della natura delle procedure dentali e del rischio presentato dai pazienti asintomatici. "Dato l'elevato rischio di esposizione a COVID-19 negli ambienti odontoiatrici e l’importanza di tenere i pazienti odontoiatrici non infetti lontani dai pronto soccorso dell'ospedale, vi esortiamo a usare la vostra autorità discrezionale nell’estendere ai dentisti la concessione federale tra i “punti autorizzati ai test Covid-19”. Ciò ridurrà la necessità per i pazienti odontoiatrici di cercare altri punti autorizzati per il test, ad eccezione dei “referral” medici appropriati quando indicato” si legge nella lettera.

Una carenza nazionale di kit di test SARS-CoV-2 ha portato le aziende produttrici ad introdurre sul mercato kit di test prima previa approvazione della FDA. Le organizzazioni ne hanno riconosciuta la mancanza, ma hanno sottolineato che solo i kit dei test approvati dalla FDA sarebbero affidabili nel prevenire la diffusione del virus negli ambienti dentali. "Riconosciamo che i kit di test COVID-19 sono attualmente scarsi e concordiamo sul fatto che dovrebbero essere disponibili quando e dove sono maggiormente necessari (ad esempio, i dipartimenti di emergenza dell'ospedale, ecc.). Vale la pena notare, tuttavia, che esiste un'opportunità per alleviare l'onere dei test sui pronto soccorso, effettuando i test sugli oltre 27 milioni di persone che visitano un dentista ogni anno, ma non un medico. Ognuno di queste visite dentali è un'opportunità per lo screening dei pazienti per COVID-19 ".

I dentisti autorizzati dovrebbero essere classificati come "covered persons" ai sensi del Public Readiness and Emergency Preparedness Act, in modo da garantire loro la protezione dalla responsabilità associata all'amministrazione dei test, hanno sottolineato le organizzazioni. La lettera del 22 aprile è stata sottoscritta da 16 organizzazioni dentistiche, tra cui l'American Dental Association (ADA), l'Accademia di Odontoiatria Generale, l'American Association for Dental Research e l'American Association of Women Dentists. La richiesta delle organizzazioni è stata successivamente sostenuta da due membri del Congresso, entrambi odontoiatri. Il rappresentante repubblicano degli Stati Uniti, Brian Babin del Texas, ha dichiarato a Hill, l'organizzazione dei media con sede nel Distretto di Columbia, di aver affrontato il problema con i funzionari della Casa Bianca. "Vorremmo avere la capacità di effettuare i test sui nostri pazienti in modo da sapere con chi abbiamo a che fare e poter stabilire quale tipo di procedura adottare e quali precauzioni prendere", ha detto Babin. Ha ammesso che la richiesta alla fine "si è ridotta a quanti di questi kit di test e DPI (dispositivi di protezione individuale) sono disponibili." Il rappresentante repubblicano degli Stati Uniti, Mike Simpson dell'Idaho, ha dichiarato a Hill che la messa a disposizione dei kit di test per i dentisti aiuterebbe anche il Paese a riaprire la propria economia in modo più sicuro. Ha commentato che “i dentisti sono ben attrezzati per aiutare il nostro Paese a raggiungere la capacità di test necessaria per combattere la diffusione di COVID-19. Questo ci aiuterà anche a riaprire attentamente l'economia mantenendo al sicuro sia i pazienti che il personale sanitario coinvolto”.

I dentisti hanno esortato a essere cauti sulla riapertura delle cliniche dentali nello Utah

 Ai dentisti dello Utah è stato dato il via libera per riaprire le loro cliniche il 22 aprile, ma i pazienti devono farsi misurare la temperatura prima di entrare nelle cliniche. Nell'annunciare le misure, il governatore dello Utah, Gary Herbert, ha affermato che sarebbero state messe in atto misure precauzionali più rigide negli ospedali e nei centri di chirurgia, compresi i test SARS-CoV-2 obbligatori per tutti i pazienti sottoposti a chirurgia.

 

"Negli stati che stanno prendendo in considerazione la riapertura, l'ADA ritiene che i dentisti debbano esercitare un giudizio professionale e considerare attentamente la disponibilità di DPI adeguati"

- American Dental Association

Al momento in cui scrivevamo, i funzionari del Texas stavano discutendo se anche le cliniche dentali nel loro Stato avrebbero riaperto e i dentisti hanno riferito che i servizi dentali nello stato potrebbero riprendere regolarmente dopo il 21 aprile. In un bollettino online, l'ADA ha esortato i suoi membri a prestare attenzione: “Negli Stati che stanno prendendo in considerazione la riapertura, l'ADA ritiene che i dentisti debbano esercitare un giudizio professionale e considerare attentamente la disponibilità di DPI adeguati per ridurre al minimo le possibilità di contagio. Secondo i dati raccolti dall'ADA Health Policy Institute (HPI) nella settimana del 6 aprile, nessuno studio odontoiatrico nello Utah aveva aperto come di consueto: il 5,4% delle cliniche era aperto ma con un volume di pazienti inferiore, l'89,2% delle cliniche era chiuso e trattava solo i casi di emergenza e il 5,4% delle cliniche era completamente chiuso. In Texas, il 16,8% delle cliniche è stato chiuso completamente e il 79,3% delle cliniche è stato chiuso ma ha trattato casi di emergenza. Entro il 26 aprile, nello Utah sono stati segnalati 3.800 casi confermati di SARS-CoV-2 e sono stati segnalati 36 decessi associati; e il Texas aveva 25.000 casi confermati e 651 morti associati secondo i dati della Johns Hopkins University.

I dati HPI hanno mostrato che negli Stati Uniti le chiusure totali di studi odontoiatrici avevano questa distribuzione: Vermont (38,5%), in Arkansas (31,1%), in Pennsylvania (29,4%), nel New Jersey (26,6%), a New York (26,6%) e in California (26,7%).

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 10, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International