Dental Tribune Italy

Le associazioni odontoiatriche forniscono una guida per ridurre il contagio da COVID-19

By Brendan Day, DTI
April 06, 2020

SYDNEY, Australia: Sebbene la loro distanza geografica dall'Europa e dall'Asia si sia rivelata in qualche modo un vantaggio nel controllo della SARS-CoV-2, sia l'Australia che la Nuova Zelanda hanno registrato negli ultimi giorni un notevole aumento dei casi di COVID-19. La crescente presenza della pandemia ha indotto gli enti sanitari e odontoiatrici di ogni nazione a fornire una guida per i professionisti del settore odontoiatrico, in modo da ridurre al minimo la trasmissione del virus.

In Australia, le preoccupazioni per la crescente carenza di maschere protettive si sono in qualche modo attenuate l'8 marzo, quando il ministro federale della sanità Greg Hunt ha annunciato che i professionisti del settore medico e odontoiatrico avrebbero ricevuto 54 milioni di maschere in più. Secondo l'Associazione dentale australiana (ADA), il personale dentale del Paese utilizza circa 9,5 milioni e mezzo di maschere facciali al mese. «L'uso delle maschere è una componente standard del controllo delle infezioni e della prevenzione nella pratica odontoiatrica», ha detto la Prof. Sharon Liberali, presidente del Comitato per il controllo delle infezioni dell'ADA, al Dental Tribune International.

Secondo Liberali, i professionisti del settore odontoiatrico dovrebbero mantenere un elevato standard di controllo dell'infezione, anche ritardando eventuali appuntamenti odontoiatrici non urgenti per i pazienti sospettati di aver contratto COVID-19 o che sono stati in contatto con un caso confermato nei 14 giorni precedenti. «L'ADA ha consigliato ai suoi membri di sottoporre a screening i pazienti che potrebbero aver viaggiato di recente nelle regioni colpite e raccomanda di ritardare le cure dentali non urgenti per questi pazienti» ha sotenuto.

In Nuova Zelanda, il Ministero della Salute ha un sito web dedicato agli aggiornamenti sulla situazione attuale di COVID-19. Inoltre, il Dental Council of New Zealand (Te Kaunihera Tiaki Niho) ha realizzato una pagina guida COVID-19 che delinea una serie di standard di prevenzione e controllo delle infezioni che i professionisti della salute orale devono seguire, tra cui «l'uso di maschere, la pulizia delle mani attraverso sfregamenti delle mani con disinfettanti a base di alcol, il ritrattamento di oggetti riutilizzabili e la pulizia di tutte le superfici, attrezzature e strumenti». Ai professionisti del settore odontiatrico in Nuova Zelanda si consiglia inoltre di «comunicare in modo proattivo con i pazienti quando richiedono appuntamenti», in modo che i pazienti possano essere consapevoli dei segni e dei sintomi di COVID-19 e di incoraggiare fortemente i pazienti che mostrano questi sintomi a non visitare il loro studio.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 9, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International