Dental Tribune Italy

Covid 19: La situazione degli studi dentistici nel Regno Unito e in Irlanda

By Iveta Ramonaite, DTI
May 20, 2020

LONDRA, Regno Unito: Mentre i professionisti del settore dentale di tutto il mondo sperano in un allentamento delle restrizioni di blocco e sono ansiosi di riaprire i loro studi, il governo del Regno Unito non ha ancora fornito indicazioni chiare su quando i dentisti del paese potranno tornare alla pratica generale e riprendere il normale servizio. Analogamente, l’Irish Dental Association (IDA) attende con ansia una risposta dal suo governo ed è profondamente preoccupata per l’impatto della crisi COVID-19 sulla professione odontoiatrica nel paese.

Nell’ambito della chiusura, gli studi dentistici nel Regno Unito sono fermi dal 24 marzo. L’11 maggio, il primo ministro britannico Boris Johnson ha tenuto un atteso discorso in cui ha informato la nazione sull’allentamento delle restrizioni all’isolamento. Il discorso è stato oggetto di critiche, poiché le misure proposte non avevano una guida chiara.

Commentando l’annuncio del primo ministro e le sue implicazioni per l’odontoiatria, l’amministratore delegato della British Dental Association (BDA) Martin Woodrow ha dichiarato che i consigli esistenti per gli studi dentistici nei quattro paesi del Regno Unito sono ancora validi e che gli studi continueranno a curare i pazienti fornendo consigli e prescrivendo analgesici e antibiotici, ove opportuno. Inoltre, le cure odontoiatriche continueranno ad essere gestite in diversi modalità per le cure urgenti.

L’Ufficio del CDO [Chief Dental Officer] in Inghilterra ha rafforzato il messaggio “nessun cambiamento ancora”. Woodrow ha dichiarato che «la cessazione temporanea dell’odontoiatria di routine serve per la sicurezza dei pazienti e delle équipe odontoiatriche, oltre a sostenere le misure di salute pubblica necessarie per rallentare la trasmissione nella comunità di COVID-19».

«Tuttavia, in tutto il Regno Unito sono in corso discussioni sull’odontoiatria che emergerà dal blocco. Il presidente della BDA Mick Armstrong ed io abbiamo incontrato il ministro della Salute Jo Churchill e la CDO Sara Hurley e abbiamo discusso l’approccio generale in Inghilterra, sia per il servizio sanitario nazionale che per le pratiche private. Giovedì abbiamo il primo incontro di un gruppo del NHS England che si occupa di questo aspetto in modo più dettagliato» ha continuato.

 

L’impatto di COVID-19 sugli studi dentistici in Irlanda

L’IDA ha già criticato in passato il governo per la mancanza di sostegno alla professione odontoiatrica. Durante un incontro con il Ministro della Salute Simon Harris, l’IDA ha espresso le sue preoccupazioni dell’impatto della pandemia sulla professione odontoiatrica nel suo complesso e ha chiesto assistenza finanziaria per i dentisti. Inoltre, l’IDA ha chiesto che i dentisti siano dotati di sufficienti dispositivi di protezione personale e che i pazienti abbiano accesso ai centri odontoiatrici d’emergenza del Health Service Executive.

«Abbiamo chiarito al ministro che la professione odontoiatrica non può occuparsi di COVID-19 da sola e ha urgente bisogno di assistenza da parte dello Stato, altrimenti vedremo il crollo dei due schemi odontoiatrici statali», ha detto Fintan Hourihan, CEO dell’IDA, in una dichiarazione. « La salute orale ha un impatto enorme sulla salute generale di una persona, e non possiamo avere una situazione in cui numerosi studi dentistici chiudono definitivamente, ciò significherebbe che i servizi dentistici sarebbero irraggiungibili per molte persone» ha aggiunto.

Un recente sondaggio condotto su 329 dentisti privati in Irlanda ha riportato che l’86% degli studi medici ha dovuto licenziare il personale a causa della pandemia, e l’87% degli intervistati ha ritenuto improbabile o molto improbabile ritornare ai livelli di servizio precedenti la pandemia. Circa l’80% degli intervistati ha affermato che la chiusura della pratica comportava un rischio elevato o molto elevato per la sostenibilità delle loro attività. Infine, il 93% ha affermato che la crisi avrebbe portato a una forte diminuzione del reddito e il 67% ha dichiarato di poter mantenere uno studio dentistico accessibile solo per tre mesi al massimo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International