Un nuovo studio esamina il rischio professionale dei dentisti norvegesi

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

I agree(Required)
This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Durante la prima ondata di Covid-19 in Norvegia, i dentisti e gli altri operatori sanitari avevano da due a 3,5 volte più probabilità di sviluppare la malattia rispetto a tutti gli altri norvegesi in età lavorativa (Image: Matea Michelangeli/Shutterstock).
Brendan Day, Dental Tribune International

By Brendan Day, Dental Tribune International

Mon. 8. November 2021

save

OSLO, Norvegia: L’ampia disponibilità di vaccini nei paesi sviluppati ha cambiato significativamente il rischio di contrarre il SARS-CoV-2 da parte dei dentisti sul posto di lavoro. In precedenza, tuttavia, si riteneva che i dentisti e le altre professioni che normalmente comportano uno stretto contatto presentassero un rischio relativamente elevato di sviluppare il Covid-19. Un nuovo studio condotto in Norvegia ha cercato di approfondire l’idea confrontando le differenze tra le diverse professioni in merito al rischio di contagio da Covid-19 tra le due ondate che hanno colpito il paese.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Istituto norvegese di Sanità Pubblica, che hanno utilizzato i dati di un registro di preparazione alle emergenze da Covid-19 per creare uno studio osservazionale riguardante l’intera popolazione norvegese tra il 26 febbraio e il 18 dicembre 2020. I gruppi professionali prescelti – salute (compresi i dentisti), insegnamento, commercio al dettaglio, turismo e viaggi, ristorazione, tempo libero e bellezza – sono stati considerati in base alla loro elevata probabilità di contatti diretti e stretti con altre persone.

I ricercatori hanno stimato e poi confrontato il numero totale di casi confermati di Covid-19 di 1.000 persone impiegate per ciascuna delle due ondate – la prima dal 26 febbraio al 17 luglio e la seconda dal 18 luglio al 18 dicembre. Complessivamente sono stati analizzati poco più di 3,5 milioni di residenti norvegesi in età lavorativa. Al 18 dicembre, 30.003 (0,8%) avevano sviluppato il Covid-19 e 1.550 di questi pazienti (5,2%) hanno richiesto il ricovero ospedaliero.

«Per qualsiasi confronto dei nostri risultati con quelli di altri paesi, va notato che la trasmissione del Covid-19 è stata relativamente bassa in Norvegia rispetto ad altri paesi», scrivono gli autori.

Secondo i risultati dello studio, durante la prima ondata, dentisti, medici, infermieri e altri operatori sanitari avevano da due a 3,5 volte più probabilità di sviluppare il Covid-19 rispetto a tutti gli altri norvegesi in età lavorativa. Durante la seconda ondata, tuttavia, mentre i medici avevano una probabilità moderatamente maggiore di risultare positivi al SARS-CoV-2, i dentisti avevano meno probabilità di contrarre il virus rispetto al dipendente medio.

Gli autori hanno notato molteplici possibili spiegazioni per questa riduzione del rischio per gli operatori sanitari nella seconda ondata di Covid-19. Una di queste spiegazioni è stata il fatto che le differenze nei criteri di test in Norvegia hanno portato all’inclusione di casi confermati di Covid-19 più lievi durante la seconda ondata invece che solo di quelli di forma grave.

«Tuttavia, è anche possibile che il personale sanitario abbia implementato migliori misure di controllo delle infezioni, con il risultato che un minor numero di operatori sanitari (ad esempio infermieri, dentisti e altri) vengono infettati con l’avanzare della pandemia», hanno osservato gli autori.

Dentisti forse a rischio più elevato

In uno studio analogo, incentrato sugli odontoiatri del Regno Unito, i ricercatori dell’Università di Birmingham hanno scoperto che il contatto ravvicinato con i pazienti ha comportato un rischio maggiore di sviluppare il Covid-19 durante la prima ondata della pandemia. Inoltre, hanno scoperto che un gran numero di dentisti aveva anticorpi SARS-CoV-2 nel sangue.

I risultati dello studio norvegese suggeriscono che i dentisti potrebbero avere più probabilità degli altri lavoratori di sviluppare il Covid-19 in forma acuta. Nel corso della discussione, gli autori hanno scritto che, sebbene ci fossero «pochi casi e una notevole incertezza nelle nostre analisi di ricovero ospedaliero correlato al Covid-19, i nostri risultati potrebbero indicare che i dentisti corrono un rischio maggiore di contrarre il Covid-19, sollevando importanti nuove ipotesi sulla rilevanza della carica virale o delle dosi infettive nel causare malattie gravi».

Lo studio, intitolato «Occupational risk of Covid-19 in the first versus second epidemic wave in Norway, 2020», è stato pubblicato online il 7 ottobre 2021 sulla rivista Eurosurveillance.

COVID 19

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *