Dental Tribune Italy

Dentista accusato di aver fatto pressioni per far fare il vaccino Covid-19

By Franziska Beier
January 19, 2021

PFAFFENHOFEN AN DER ILM, Germania: gli operatori sanitari di tutto il mondo hanno iniziato a somministrare il tanto atteso vaccino Covid-19. In molto Paesi i team odontoiatrici sono stati inclusi nel primo gruppo selezionato per riceverlo. Recentemente un dentista della Bavaria ha fissato appuntamenti a tutto il personale del suo studio per la vaccinazione. Ha anche minacciato conseguenze negative per chiunque avesse rifiutato di essere vaccinato. Poiché in Germania non è stata ancora stabilita alcuna base giuridica per tale requisito, il dentista è stato segnalato alle autorità.

Molte associazioni odontoiatriche in tutto il mondo si stanno battendo affinché le équipe odontoiatriche siano incluse nella prima fase di vaccinazione per poter proteggere il personale degli studi durante i trattamenti odontoiatrici. Il Donaukurier, quotidiano locale bavarese, ha riportato il caso di un dentista che aveva programmato di far vaccinare tutti i suoi dipendenti per la protezione del team dello studio e dei pazienti. Tuttavia, ha anche annunciato che chiunque si fosse rifiutato di farsi vaccinare sarebbe stato sospeso dal lavoro. Dopo questa dichiarazione è stato fortemente criticato e ora potrebbe dover affrontare conseguenze legali.

Anche se il dentista ha ammesso al giornale che è stato fraintesa la formulazione della sua dichiarazione, è ancora convinto che il suo approccio sia stato giustificato. “Se uno dei miei pazienti contrae la SARS-CoV-2, ne sono responsabile, ha dichiarato al Donaukurier. “Sostengo fortemente questa campagna vaccinale. Chiunque voglia lavorare in ambito medico, in futuro, dovrà essere vaccinato. L’essenza è che tutti i dipendenti ottengano la migliore protezione” ha aggiunto.

Si aspettava che i suoi dipendenti reagissero positivamente e ha aggiunto che è disposto ad andare in tribunale.

Ci sarà una vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari?

Il dott. Markus Soder, ministro e presidente della Baviera, ha sostenuto un dibattito relativo alla vaccinazione obbligatoria parziale con l’obiettivo di aumentare il numero di vaccinazioni. La vaccinazione obbligatoria sarebbe per gli operatori sanitari che lavorano nelle case di riposo e di cura. “Se sono disposti a vaccinarsi solo pochissimi dipendenti, la questione dovrebbe essere discussa” ha detto a Nordbayern. “Il Consiglio Etico tedesco dovrebbe esaminare questo aspetto” ha aggiunto. Tuttavia, Soder ha sottolineato che non ci sarà alcuna campagna vaccinale obbligatoria a livello generale.

Secondo il prof. Nikolaus Knoepffer, teologo e filosofo, membro del Consiglio Etico bavarese, i medici e gli infermieri che rifiutano la vaccinazione violano il loro dovere morale. “Secondo me, se qualcuno lavora in ambito medico e infermieristico, viola questo dovere morale in diversi modi” ha detto a Donaukurier. “Coloro che rifiutano la vaccinazione non svolgono la loro funzione di modello che dovrebbe incoraggiare gli altri a farsi vaccinare, facendo ciò, mettono a rischio gli altri” ha spiegato.

Per i dipendenti del settore sanitario, la vaccinazione dovrebbe essere un requisito fondamentale anche in assenza di una vaccinazione generale obbligatoria, ha dichiarato a Donaukurier Peter Betz, avvocato del lavoro. “Anche l’introduzione di un requisito vaccinale generale per questi gruppi professionali non è fuori discussione. Dopotutto, esiste già un requisito di vaccinazione generale per altre infezioni. Ad esempio, la vaccinazione obbligatoria contro il morbillo recentemente introdotta per alcuni gruppi di persone e industrie” ha continuato.

Tuttavia, al momento i datori di lavoro non possono richiedere la vaccinazione dei loro dipendenti contro la SARS-CoV-2 poiché ciò interferirebbe con il diritto generale all’integrità personale e fisica, diritto tutelato dalla costituzione tedesca. Se un datore di lavoro minacciasse conseguente legate al diritto del lavoro senza appellarsi ad una base giuridica, questo sarebbe considerato coercizione, ha concluso Betz.

Conseguente legali e personali

Il dentista bavarese deve ora affrontare un’accusa penale. L’ufficio del pubblico ministero sta attualmente indagando se vi siano prove sufficienti di un reato penale.

Secondo Donaukurier “il dentista e il suo staff stanno affrontando una massiccia ostilità soprattutto sui social media”. Per questo motivo, il giornale ha mantenuto anonimo il professionista.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International