Attenti alle agevolazioni contributive in scadenza al 31 dicembre

Search Dental Tribune

Attenti alle agevolazioni contributive in scadenza al 31 dicembre

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
M. Gerardi
M. Gerardi

By M. Gerardi

gio. 22 dicembre 2016

save

In considerazione del fatto che la Legge di Stabilità in corso di approvazione per l’anno 2017 sembrerebbe prevedere esclusivamente nuovi sgravi contributivi volti a favorire, soprattutto al Sud, l’occupazione di giovani e disoccupati, ritengo opportuno ricordare e riprendere le agevolazioni contributive in scadenza al 31 dicembre per conseguire stabilizzazioni a tempo indeterminato della forza lavoro incentivate sotto il profilo economico.

Sgravio biennale L. n. 208/2015 nei limiti di euro 3.250,00 per ciascun anno: la legge n. 208/2015 ha introdotto fino al 31/12/2016 uno sgravio biennale del 40% dei contributi a carico del datore di lavoro, nei limiti di 3.250 euro annui, per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel 2016. Il beneficio (conformemente al passato) non è riconosciuto:
• per i contratti di apprendistato e per quelli di lavoro domestico;
• per le assunzioni relative a lavoratori che nei sei mesi precedenti siano risultati occupati a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro;
• per i lavoratori con i quali i datori di lavoro (considerando anche le società controllate o collegate ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile o facenti capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto) abbiano comunque già in essere un contratto a tempo indeterminato nei tre mesi precedenti la data di entrata in vigore della legge.

L’incentivo spetta a prescindere dalla circostanza che le assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato costituiscano attuazione di un obbligo stabilito da norme di legge o di contratto collettivo di lavoro.

Apprendistato professionalizzante in aziende fino a 9 addetti art. 22 L. n. 183/2011 (Legge di stabilità per l’anno 2012): per l’intera durata del rapporto di apprendistato – e per l’anno successivo alla scadenza della fase formativa in caso di prosecuzione – l’aliquota contributiva a carico del datore di lavoro è fissata al 10%. Per le aziende che occupano un numero di dipendenti inferiore a 10, l’aliquota contributiva è ulteriormente scontata all’1,5% per il primo anno e al 3% per il secondo. La legge di stabilità per il 2012 (L. n. 183/2011) ha poi previsto uno sgravio contributivo del 100% per i primi 3 anni di apprendistato, in favore dei datori che occupino meno di 10 dipendenti, con riferimento ai contratti stipulati dal 1° gennaio 2012 ed entro il 31 dicembre 2016. Deve in ogni caso essere versato all’Inps il contributo pari al’1,61% per il finanziamento della NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego). I vantaggi fiscali, infine, consistono nell’esclusione delle spese sostenute per la formazione degli apprendisti dalla base per il calcolo dell’IRAP; inoltre, per i contratti sottoscritti a partire dal 1° gennaio 2015, l’intero costo sostenuto dal datore di lavoro è deducibile dalla base imponibile IRAP.

Lavoratori assunti dalle liste di mobilità entro il 31/12/2016: sono ancora vigenti anche le agevolazioni per l’assunzione a tempo determinato (per 12 mesi) ed indeterminato (per 18 mesi) di dipendenti collocati in Cigs per almeno 3 mesi, anche non continuativi, da un’azienda che si trovi in Cigs da almeno 6 mesi, o iscritti nelle liste di mobilità. Il datore, per gli inserimenti, ha diritto allo sgravio contributivo pari a quello previsto per gli apprendisti (aliquota contributiva del 10%), per 12 mesi (18 nel caso di mobilità), a cui si aggiunge il contributo mensile pari alla metà dell’indennità di mobilità che sarebbe spettata al lavoratore. Nell’ipotesi di assunzione a tempo determinato di un lavoratore in mobilità, lo sgravio contributivo è sempre parificato a quello degli apprendisti per la durata di 12 mesi.

È importante sapere che nel caso di stabilizzazione del lavoratore nel corso del 2017, non ci sarà più lo sgravio che veniva concesso fino al 31/12/2016 e prorogabile di ulteriori 12 mesi, perdendo altresì il diritto all’incentivo economico.
 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

advertisement
advertisement