Dental Tribune Italy

L’estrazione del terzo molare può avere un effetto positivo sul senso del gusto

By Franziska Beier, Dental Tribune International
August 03, 2021

PHILADELPHIA, U.S.: I disturbi del gusto e altri difetti neurosensoriali sono stati riportati, a seguito dell’estrazione dei terzi molari, da un certo numero di pazienti sottoposti a questa pratica chirurgica. Sebbene si preveda generalmente che i deficit del gusto si risolvano entro un anno, gli effetti a lungo termine di questa procedura chirurgica rimangono sconosciuti.

Un recente studio, condotto da ricercatori dell’University of Pennsylvania a Filadelfia, ha sfidato l’idea che l’estrazione del terzo molare abbia solo effetti negativi sul gusto, poiché ha scoperto che i pazienti sottoposti a procedura dentale avevano migliorato le loro capacità gustative decenni dopo l’intervento.

«Studi precedenti hanno indicato solo effetti negativi, correlati al gusto, dopo l’estrazione e si è generalmente creduto che tali effetti si dissipassero nel tempo», ha affermato l’autore principale, il dott. Richard L. Doty, direttore dello Smell and Taste Center dell’Università, in un comunicato stampa. «Questo nuovo studio ci mostra che la funzione del gusto può effettivamente migliorare leggermente tra il momento in cui i pazienti si sottopongono a un intervento chirurgico e fino a 20 anni dopo. È una scoperta sorprendente ma affascinante che merita ulteriori indagini per capire meglio questo miglioramento e cosa può significare clinicamente».

I ricercatori hanno confrontato i dati di 891 pazienti che avevano subito estrazioni del terzo molare (in media due decenni prima) con i dati di 364 individui che non avevano subito la procedura chirurgica.

Tutti i partecipanti sono stati testati per la funzione chemiosensoriale presso il Centro dell’olfatto e del gusto dell’università nel corso degli ultimi 20 anni. Il test comprendeva presentazioni di cinque diverse concentrazioni di saccarosio, cloruro di sodio, acido citrico e caffeina. I partecipanti dovevano indicare se le soluzioni di prova avevano un sapore dolce, salato, acido o amaro.

È stato riscontrato che i partecipanti che avevano subito l’estrazione del terzo molare hanno mostrato un punteggio complessivo del test migliore in tutti e quattro i gusti rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, le donne hanno superato gli uomini in entrambi i gruppi e la funzione del gusto generalmente è diminuita con l’età.

«Lo studio suggerisce fortemente che l’estrazione del terzo molare ha un effetto positivo nel lungo termine, anche se minimo, sulla funzione delle vie gustative linguali di alcune persone», ha detto il coautore Dane Kim, uno studente del terzo anno dell’università School of Dental Medicine.

Il meccanismo rimane sconosciuto
Secondo i ricercatori, ci sono due possibili spiegazioni per il miglioramento del senso del gusto. In primo luogo, il fatto che l’ipersensibilità possa manifestarsi dopo una lesione del nervo periferico causata da un intervento chirurgico come un’estrazione è già stato documentato in altri contesti. In secondo luogo, il danno, causato dall’estrazione del dente, ai nervi che irrorano le papille gustative nella regione anteriore della bocca può causare l’inibizione dei nervi che irrorano le papille gustative nella regione posteriore, con conseguente aumento della sensibilità del bocca intera.

«Sono necessari ulteriori studi per determinare il meccanismo o i meccanismi alla base del miglioramento correlato all’estrazione sulla funzione del gusto», ha affermato Doty. «Gli effetti sono minimi, ma possono fornire informazioni su come il miglioramento a lungo termine della funzione neurale può derivare dall’alterazione dell’ambiente in cui si propagano i nervi».

Lo studio, intitolato “Positive long-term effects of third molar extraction on taste function”, è stato pubblicato il 23 giugno 2021 su Chemical Senses.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International