Dental Tribune Italy

Covid-19: cliniche dentali più sicure grazie ai test per pazienti

By Jeremy Booth, DTI
May 27, 2020

LANSING, Michigan, Stati Uniti: consentire ai dentisti di effettuare il test per SARS-CoV-2 ai propri pazienti ridurrebbe l’elevato rischio di trasmissione del virus negli studi odontoiatrici. Inoltre, ai dentisti di alcune giurisdizioni viene ora impedito di eseguire un trattamento elettivo se i loro pazienti non sono risultati negativi per il virus. Dental Tribune International (DTI) ha parlato con un ricercatore della Michigan State University (MSU) che ha sviluppato un kit di test point-of-care adatto alle strutture odontoiatriche.

I dentisti in Giappone hanno ora l’autorizzazione a prendere i tamponi di naso e gola in modo che i pazienti possano essere testati per SARS-CoV-2 e le organizzazioni dentali statunitensi hanno richiesto di avere urgentemente il kit di test nelle cliniche in tutto il paese.

Mentre questa storia è andata in stampa, un mandato per riavviare le cure mediche elettive in Alaska ha effettivamente escluso l’ampia raccomandazione delle cure dentistiche elettive perché ha dichiarato che i pazienti devono restituire un risultato di test negativo per SARS-CoV-2 entro 48 ore prima di una procedura che genera aerosol. Il Board of Dental Examiners dell’Alaska ha chiesto ai regolatori statali per i dentisti di fare affidamento invece su rigorosi protocolli di screening dei pazienti, ma questo è stato respinto dal capo medico dello stato, la dott.ssa Anne Zink. «È sempre più difficile identificare i pazienti COVID», ha detto all’emittente radiofonica locale KTOO. «Questa è una malattia incredibilmente subdola che sembra essere più contagiosa nelle persone pre-sintomatiche o sintomatiche prima con sintomi che possono assomigliare quasi a qualsiasi altra cosa».

L’Alaska è uno dei primi stati degli Stati Uniti a riaprire i servizi sanitari non di emergenza, ma potrebbe non essere l’ultima giurisdizione a porre i suoi dentisti in una situazione paradossale che non permetterà di trattare i pazienti senza il risultato negativo del test, non essendo però nella posizione di poter gestire autonomamente i test stessi.

Kit di test SARS-CoV-2 per il team odontoiatrico
L’urgente necessità di tali kit di test ha portato a un’attività frenetica da parte di sviluppatori di test, come il Dr. Brett Etchebarne, che gestisce il laboratorio Etchebarne presso il MSU College of Osteopathic Medicine, dove è anche professore assistente di medicina d’emergenza. Etchebarne ha sviluppato un test diagnostico in vitro, una variante sviluppata per adattarsi alle pratiche sanitarie più piccole come le cliniche odontoiatriche e potrebbe essere facilmente somministrata dai team dentali.

«Credo che esista la possibilità per il dentista e il suo staff di prelevare un campione da un paziente mentre si sta preparando per il trattamento nell’area di attesa», come riferito dal Dr. Brett Etchebarne, assistente professore di medicina d’urgenza, MSU.

«I dentisti hanno le attrezzature di protezione necessarie per cominciare e lavorano già nell’area dell’igiene orale, quindi tutto si adatta abbastanza facilmente», ha spiegato Etchebarne. «I dentisti dispongono già di autoclavi e eseguono già un numero limitato di analisi. Credo che il rapido processo in cui è possibile completare il mio test consenta a un professionista, o un tecnico, di prendere facilmente il tampone e lisare facilmente il campione in modo che non sia più un patogeno infettivo e pericoloso. Tale campione può quindi essere analizzato utilizzando una tecnica molecolare che può essere eseguita su un’app di azionamento digitale o su una piastra riscaldante, che è possibile lavorare facilmente in una clinica o studio dentistico. Quindi, credo che esista la possibilità per il dentista e il suo staff di prelevare un campione da un paziente mentre nella zona di attesa si sta preparando per il trattamento».

Il test di reazione a catena della polimerasi per trascrizione inversa viene somministrato utilizzando un tampone e i risultati possono essere pronti entro 15-20 minuti, consentendo ai pazienti di procedere con il loro appuntamento, ha detto Etchebarne. Con maschere e altri articoli che scarseggiano, la capacità di gestire i test nelle cliniche dentali richiederebbe un equipaggiamento protettivo personale minimo aggiuntivo. Etchebarne ha commentato che i campioni sono disattivati nel supporto utilizzato per l’analisi, il che significa che i campioni potrebbero essere gestiti in modo sicuro utilizzando dispositivi di protezione standard. «Qui i dentisti sono già ben protetti, quindi non stiamo cercando di aggiungere altro. Tutte le apparecchiature utilizzate per i test sarebbero consumabili e usa e getta, in modo tale che il rischio di un’ulteriore trasmissione dell’infezione sia davvero ridotto».

Etchebarne e il suo team hanno sviluppato varianti del test che utilizzano tamponi rinofaringei o orofaringei e stanno lavorando a un metodo di campionamento della saliva che eliminerebbe del tutto la necessità di un tampone. Quando il 28 aprile DTI ha parlato con Etchebarne, lui ha dichiarato di essere in attesa di un’autorizzazione di emergenza da parte della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il test.

«Spero che tutto si sbloccherà nelle prossime settimane e che, una piattaforma completamente nuova sarà disponibile per le persone, penso sarà abbastanza eccitante, sulla base delle nostre analisi e di tutto ciò che stiamo ascoltando dai vari collaboratori e aiutanti che abbiamo avuto per rendere disponibile questo prodotto», ha affermato.

Quali metodi di test sono disponibili?
Attualmente, ci sono quattro approcci principali per i test per SARS-CoV-2. I test di reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR) si basano su campioni respiratori ottenuti attraverso metodi come l’assunzione di tamponi rinofaringei. Se il virus è progredito dalla gola ai polmoni, si raccomandano campioni di espettorato. Questo metodo è ampiamente utilizzato nei paesi interessati e il tempo necessario ai laboratori per restituire risultati dalla RT-PCR varia da poche ore a due giorni.

Almeno un test di amplificazione isotermica è stato approvato dalla FDA e i ricercatori della Corea del Sud hanno scoperto che l’amplificazione isotermica può fornire risultati più rapidi grazie alla capacità di eseguire i test in strutture decentralizzate.

I test dell’antigene rilevano le proteine dalla superficie del virus – in genere i picchi sulla superficie – dai campioni raccolti nella cavità nasale. La scalabilità dei test sugli antigeni, relativamente alla RT-PCR o ai metodi di amplificazione isotermica, ha comportato la propagazione di questo metodo come soluzione per i test di massa nei paesi coinvolti prima di poter riaprire completamente le loro economie e i sistemi di istruzione. Questi test possono essere meno efficaci nel testare individui asintomatici.

I test sierologici rilevano gli anticorpi in un campione di sangue che il corpo produce per combattere il virus. Questo metodo di test potrebbe essere utile per misurare la percentuale di una popolazione che ha contratto il virus e può quindi essere immune.

La richiesta di kit di test SARS-CoV-2 ha portato alla nascita improvvisa di un mercato commerciale di test kit che il direttore esecutivo dell’American Dental Association Dr. Kathy O’Loughlin ha soprannominato Wild West. A metà aprile, O’Loughlin ha commentato che «tutti i dentisti hanno bisogno di un rapido test point-of-care che preveda accuratamente la presenza o l’assenza del virus COVID-19 in tempo reale. Sfortunatamente, pochissimi test hanno raggiunto uno standard elevato di specificità e sensibilità, il che significa potenziale alti tassi di falsi negativi e falsi positivi», ha avvertito.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 6, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International