Dental Tribune Italy

Una rotazione più lenta delle frese per rendere gli studi odontoiatrici più sicuri

By Jeremy Booth
January 14, 2021

LONDRA, Regno Unito: le procedure odontoiatriche sono state ritenute sin dall’inizio della pandemia di SARS-CoV-2 come ad alto rischio di diffusione del virus. Le severe misure di controllo delle infezioni in atto presso le cliniche odontoiatriche hanno contribuito a prevenire la diffusione del virus in ambito odontoiatrico; tuttavia, i ricercatori dell’Imperial College London e del King’s College London hanno scoperto che un’attenta selezione e l’utilizzo di trapani dentali potrebbe ridurre ulteriormente il rischio di trasmissione.

I ricercatori delle università hanno misurato e analizzato la generazione di aerosol durante le procedure odontoiatriche e hanno suggerito cambiamenti nell’uso delle frese dentali per prevenire la trasmissione della SARS-CoV-2 e la contaminazione nelle cliniche odontoiatriche.

Secondo un comunicato stampa congiunto, i suggerimenti includono un’attenta selezione e controllo delle velocità di rotazione delle frese che utilizzano solo acqua come refrigerante ed evitare l’uso di frese dentali che utilizzano una miscela di acqua e aria come refrigeranti per abrasione. Lo studio ha identificato parametri che consentirebbero di eseguire procedure odontoiatriche, come le ricostruzioni dentali, con una produzione di gocce di aerosol 60 volte inferiore.

I ricercatori hanno riscontrato che l’utilizzo di trapani a turbina d’aria - il tipo più comune di trapano dentale - crea dense nubi di gocce di aerosol che si diffondono velocemente fino a 12 m/s e possono contaminare rapidamente un’intera sala di trattamento. Solo 1 ml di saliva di pazienti infetti contiene fino a 120 milioni di copie del virus, ognuna delle quali ha la capacità di infettare.

Hanno testato un trapano a micromotore elettrico ad alta coppia sia con che senza l’uso di acqua e flussi d’aria. Hanno scoperto che l’utilizzo di questo tipo di trapano senza flusso d’aria a velocità inferiori a 100.000 giri/min. ha prodotto 60 volte meno gocce di quelle prodotte dai trapani a turbina. Oltre a fattori quali il posizionamento del paziente e la presenza di sistemi di ventilazione, hanno riscontrato che il tipo di strumento da taglio e la quantità e il tipo di acqua di raffreddamento utilizzata influivano sulla diffusione della concentrazione di aerosol nelle sale di trattamento.

I ricercatori hanno sottolineato che il tempo di maggese richiesto tra un trattamento odontoiatrico e l’altro limita l’accesso dei pazienti e hanno commentato che lo studio potrebbe aiutare i dentisti a capire come ridurre la quantità di aerosol che viene generata, consentendo loro potenzialmente di trattare più pazienti.

«Questo importante lavoro descrive i meccanismi di base che portano alle caratteristiche degli aerosol dentali che al momento consideriamo ad alto rischio», ha affermato il Prof. Owen Addison della Facoltà di Odontoiatria, Oral and Craniofacciale del King’s College London, coautore dello studio. Questo ci ha permesso di scegliere i parametri di perforazione per proteggere i nostri pazienti e l’equipe odontoiatrica in questo momento difficile. Anche se non possiamo fornire tutte le procedure, perché rallentare le nostre esercitazioni è molto meno efficiente, ora abbiamo le basi per fare di più di quanto abbiamo fatto negli ultimi sei mesi».

Addison ha aggiunto: «A causa della pandemia COVID-19, l’odontoiatria è diventata una pratica ad alto rischio, ma la necessità di cure non è scomparsa. I nostri suggerimenti potrebbero aiutare ad aprire di nuovo l’odontoiatria ai pazienti».

Lo studio, intitolato “Mechanisms of atomization from rotary dental instruments and its mitigation”, è stato pubblicato online il 16 dicembre 2020 sul Journal of Dental Research, prima di essere inserito in un numero. I suggerimenti dei ricercatori sono stati inclusi nel documento di valutazione delle prove Rapid Review of Aerosol Generating Procedures in Dentistry, pubblicato il 25 settembre 2020 dallo Scottish Dental Clinical Effectiveness Programme.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International