Dental Tribune Italy

Gli scienziati esaminano l’alitosi nei pazienti Covid-19

By Dental Tribune International
January 15, 2021

BRNO, Repubblica Ceca: Un recente studio condotto dagli scienziati dell'Università Masaryk di Brno ha suggerito che potrebbe esserci un legame tra l'alitosi di nuova insorgenza e il decorso di un'infezione da SARS-CoV-2. Il dottor Abanoub Riad, ricercatore presso il Czech National Center for Evidence-Based Healthcare and Knowledge Translation (CEBHC-KT), ha parlato della ricerca con Dental Tribune International. In accordo con lui, il Dott. Riad e il suo team erano consapevoli del fatto che la cavità orale fornirebbe un habitat ideale per la SARS-CoV-2 da marzo 2020.

Una ricerca condotta da scienziati cinesi a febbraio ha già dimostrato che la xerostomia (secchezza anormale nel bocca) e ageusia (perdita delle funzioni gustative della lingua) sono tra i sintomi inaspettati ma prevalenti del Covid-19. Tra maggio e agosto 2020, un totale di 18 pazienti ha richiesto cure a causa di "un cattivo odore orale che ha provocato loro un notevole disagio psicosociale". L'intensità dell'alitosi è stata misurata oggettivamente con uno strumento ampiamente utilizzato per l'analisi e il trattamento dell'alitosi cronica. Questo dispositivo conta la quantità di composti solforati volatili in parti per miliardo. “Abbiamo valutato due volte l'intensità dell'alitosi: alla visita iniziale e dopo un mese. La nostra analisi statistica ha rivelato che c'è stata una diminuzione significativa dell'intensità dell'alitosi nel tempo nella stragrande maggioranza dei pazienti ", ha affermato Riad. Questi risultati sono rilevanti per la ricerca futura, ha detto Riad. "I nostri risultati supportano l'ipotesi che la SARS-CoV-2 sia in grado di innescare alterazioni epiteliali del dorso della lingua a causa dell'elevata espressione dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2. Questa ipotesi potrebbe spiegare perché il flusso salivare è disturbato nei pazienti Covid-19, in particolare in quelli che hanno riportato xerostomia. Sebbene non siamo sicuri del motivo per cui l'alitosi sia emersa e sia diminuita in concomitanza con il decorso del Covid-19, questo interessante fenomeno supporta la relazione causale tra queste due entità secondo i criteri di Bradford Hill " ha commentato. "Non potevamo escludere il ruolo dei farmaci, in particolare quello degli antibiotici prescritti o consumati senza necessità, e l'impatto psicologico della pandemia Covid-19 sul comportamento correlato alla salute, inclusa l'igiene orale. Sebbene i comportamenti di mascheramento universale siano una priorità di sopravvivenza, possono indirettamente portare ad alitosi di nuova insorgenza ". Poiché il gruppo campione di pazienti era piuttosto piccolo, Riad ha aggiunto: "Vorrei sfruttare questa opportunità per invitare tutti i ricercatori e professionisti dentali in tutto il mondo a unire le forze e allocare risorse per condurre studi epidemiologici più ampi per le manifestazioni orali di Covid-19 , in particolare i sintomi mucocutanei".

Lo studio, intitolato "Halitosis in Covid-19 patients", è stato pubblicato il 29 novembre 2020 su Special Care in Dentistry.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International