Search Dental Tribune

Utilizzo del questionario SDQ per prevedere il comportamento dei bambini in prima visita

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Uno studio condotto da ricercatori dell’Università del Cairo ha trovato che almeno l’8-10% dei bambini di età inferiore ai 5 anni sperimentano problemi di salute mentale clinicamente significativi e compromettenti (Image: No-Te Eksarunchai/Shutterstock).

GIZA, Egitto: Uno studio condotto da ricercatori dell’Università del Cairo ha cercato di identificare le peculiarità psicologici nei bambini utilizzando il questionario di screening comportamentale Strengths and Difficulties (SDQ) prima del loro primo trattamento odontoiatrico. Essi hanno trovato una forte correlazione tra i punteggi derivanti dai punti di difficoltà e il comportamento del bambino e hanno concluso che l’identificazione dei disturbi psicologici aiuta i dentisti a pianificare e fornire cure pediatriche più efficaci.

Il gruppo di studio era costituito da 128 bambini di età compresa tra 4 e 7 anni, sottoposti al loro primo trattamento odontoiatrico come pazienti ambulatoriali presso le cliniche post-laurea del Dipartimento di Odontoiatria pediatrica e di salute pubblica dentale della Facoltà di Odontoiatria dell’Università del Cairo. Gli operatori sanitari hanno completato l’SDQ prima del trattamento odontoiatrico restaurativo e il comportamento dei bambini è stato valutato utilizzando la scala di valutazione del comportamento di Frankl.

I risultati dell’SDQ hanno mostrato che poco più di un quinto del campione in studio aveva problemi emotivi o comportamentali (rispettivamente 22,7% e 20,0%) e che il 9,5% aveva problemi di iperattività e tra coetanei. Problemi di tipo sociali sono stati rilevati nel 2,4%. I problemi emotivi sono più diffusi tra le ragazze (69,0% rispetto al 31,0% dei ragazzi) e i problemi comportamentali sono più prevalenti tra i ragazzi (80,0% rispetto al 19,2% delle ragazze). Secondo la scala di Frankl, l’8,6% del campione totale era estremamente negativo, il 22,7% negativo, il 44,5% positivo e il 24,2% estremamente positivo.

I ricercatori hanno scritto: «È stata trovata una forte correlazione negativa tra il punteggio emotivo, il punteggio di condotta, il punteggio di iperattività e il comportamento del bambino. Inoltre, è stata trovata una forte correlazione negativa tra il punteggio di internalizzazione, il punteggio di esternalizzazione e il comportamento del bambino. Il punteggio totale relativo ai punti di difficoltà ha mostrato una forte correlazione negativa con il comportamento del bambino».

Parlando dei risultati, i ricercatori hanno affermato che la valutazione dello sviluppo e dello stato emotivo di un bambino consente ai dentisti di pianificare e realizzare le cure dentistiche in modo più efficace. Essi hanno affermato che l’importanza della diagnosi precoce dei problemi comportamentali nei bambini è riconosciuta in tutto il mondo, ma che la ricerca sui disturbi psichiatrici infantili è carente nei paesi in via di sviluppo.

«L’elevata prevalenza di disturbi psicologici, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, è fortemente legata alle preoccupazioni per la salute e lo sviluppo dei giovani, come i bassi livelli di istruzione, la violenza, la malnutrizione e la cattiva salute somatica», hanno scritto.

I ricercatori hanno affermato che lo studio ha dimostrato che almeno l’8-10% dei bambini di età inferiore ai 5 anni soffre di problemi di salute mentale clinicamente significativi e che i risultati dello studio hanno corroborato quelli degli studi precedenti che hanno riportato una prevalenza mondiale di problemi psichiatrici tra i bambini compresa tra il 10% e il 20%. «I bambini con questi problemi, così come le loro famiglie, sperimentano angoscia e possono soffrire in modo sostanziale. Dimostrano inoltre la compromissione in più situazioni, tra cui il trattamento odontoiatrico», hanno detto i ricercatori.

Nonostante la forte correlazione riscontrata nello studio tra i punteggi dei punti di difficoltà totale e il comportamento dei bambini, i ricercatori hanno affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’idoneità del questionario a prevedere il comportamento di tutti i bambini.

Lo studio, intitolato “Assessment of child psychological attributes using strength and difficulties questionnaire for prediction of child behavior at first dental visit: A cross-sectional study”, è stato pubblicato online l’8 aprile 2022 su BDJ Open.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *