La forza di una professione sta nel riunirsi come comunità

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

I agree(Required)
This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Dr. Les Joffe, CEO e segretario esecutivo dell’EAS. (Image: Mauro Calvone)
Nathalie Schüller, DTI

By Nathalie Schüller, DTI

Tue. 2. November 2021

save

Dopo tre rinvii dovuti alle restrizioni sul coronavirus, il terzo congresso della European Aligner Society (EAS) si è finalmente tenuto dal 7 al 9 ottobre. Nathalie Schüller di Dental Tribune International ha partecipato all’evento a Malta dove ha parlato con il Dr. Les Joffe, CEO di EAS e Segretario Esecutivo. Ora in pensione, concentra le sue energie sull’EAS e sul suo sviluppo. Ha condiviso i suoi pensieri, le sue idee sull’EAS e i suoi sentimenti sul congresso.

Dottor Joffe, lei ha avuto l’idea dell’EAS e ne è stata il segretario fin dall’inizio, sette anni fa. Cosa l’ha spinta a fondare la società?
È stata una conversazione risalente al 2014. All’epoca ero uno dei principali opinion leader di Invisalign e ci siamo incontrati ad Amsterdam. Stavo parlando con l’allora addetto al marketing, Ritesh Sharma, e gli ho detto che le difficoltà di Invisalign erano che la maggior parte delle persone lo vedeva come un problema commerciale. Gli ho detto che in realtà non stavano facendo nulla per educare i dentisti sul trattamento con gli allineatori e per aiutarli a sviluppare la loro pratica usando questi dispositivi. Ho spiegato la mia sensazione e, come questo fosse qualcosa di necessario che dovesse comprendere tutti i sistemi di allineamento e che, per me, un’associazione potesse essere il modo migliore per farlo. Lo sapevo perché ero stato tesoriere e poi amministratore delegato della Società Ortodontica Britannica per sette anni e avevamo un comitato per la formazione. Ritesh ha pensato che l’idea fosse buona e mi ha chiesto di mettere insieme una presentazione per i principali opinion leader. Il giorno dopo ho presentato le mie idee: gli allineatori erano parte del futuro, e potevamo usare la società per parlare non solo degli allineatori, ma anche di cosa fare con loro: educare.

Il feedback è stato molto positivo. Subito dopo la presentazione, mentre ero seduto a scrivere alcuni appunti, Francesco Garino e Tommaso Castroflorio mi si sono avvicinati e mi hanno offerto il loro aiuto. Poi, mentre andavo all’aeroporto, ho parlato con Graham Gardner, e anche lui voleva salire a bordo.

Era un ortodontista praticante all’epoca?
Sì. Era il 2014, e sono andato in pensione nel 2016.

È contento di questo nuovo capitolo della tua vita, dirigere la Società?
Sì. Adoro gestire la Società. Ripenso a come abbiamo iniziato: non avevamo soldi, non avevamo una costituzione, sono tornato ai miei vecchi registri e documenti e ho raggruppato un insieme di regole e tutto il necessario per un’associazione. Ho incontrato un amico avvocato per assicurarmi che fosse tutto a posto, e poi abbiamo contattato le aziende per una sponsorizzazione.

Ho parlato con espositori, delegati e presentati e ho riscontrato come tutti concordino sulla necessità di eventi in presenza, sul fatto che le conferenze ibride o virtuali non possono compensare l’incontro faccia a faccia e lo scambio personale che si ottiene da un evento in presenza. Cosa ne pensi?
Gli eventi virtuali vanno bene; è un po' come leggere un libro. Un incontro faccia a faccia è diverso. Impari un po' e poi inizi a parlare con le persone e le tue idee cominciano ad allargarsi; inizi a parlare di una serie di argomenti diversi, cosa che non si fa in un incontro virtuale – è troppo ristretto e limitato.

Quando abbiamo iniziato a lavorare a questo congresso, ricorderete sicuramente che si sarebbe dovuto svolgere nel marzo del 2020, e all’epoca avevamo circa 600 delegati registrati. Poi abbiamo dovuto rimandare il congresso all’ottobre 2020 e poi al marzo 2021 e infine all’ottobre 2021. La maggior parte della gente è rimasta confermata fino a circa luglio, che era la scadenza data per disiscriversi e per sapere quanti partecipanti ci saremmo potuti aspettare. A luglio, circa 50-60 persone si sono cancellate. Ho continuato ad allungare la data di cancellazione per dare la possibilità alle persone di vedere come le restrizioni avrebbero potuto consentire loro di decidere partecipare. Perciò, la data finale di cancellazione valida per poter ottenere un rimborso completo è stata posticipata a una settimana prima dell’inizio del congresso. A quel punto, abbiamo avuto probabilmente circa 160-180 cancellazioni e circa 80 persone confermate, ma ancora circa 300 persone che non avevano cancellato o confermato.

Dipendevamo anche dalle regole del coronavirus, e come sapete, questa situazione può cambiare molto rapidamente. Due settimane prima dell’inizio del congresso, sono state fissate le norme sanitarie maltesi che ci hanno impedito di avere più di 100 persone in una sala, di avere catering all’interno del centro espositivo, di avere più di sei posti al tavolo per i workshop, etc. Non sapevo cosa fare e ho deciso di contare su circa 150 persone che sarebbero venute e di elaborare la logistica basata su quel numero.

Il numero dei partecipanti è aumentato dal primo al secondo congresso. Ma senza il coronavirus, questa cifra sarebbe aumentata di nuovo. Alla fine hanno partecipato 221 persone, ben oltre la metà dei partecipanti all’ultimo congresso, provenienti da 27 paesi. Sei contento di aver deciso di tenere il congresso?
Parte del motivo per cui abbiamo deciso di confermare l’evento è stata ovviamente la logistica. Avevamo già rinviato e anticipato i pagamenti per i servizi necessari. Ovviamente volevamo che il congresso si tenesse, e per me era il momento migliore per farlo. Se l’inverno dovesse andare male e dovessimo avere un’altra epidemia, il prossimo marzo anche il nostro congresso di primavera potrebbe essere annullato, e quindi la decisione di tenere il nostro terzo congresso è stata confermata.

Sono contento perché 221 partecipanti, considerando tutti i regolamenti e le restrizioni che la pandemia ha portato, sono un buon numero. Naturalmente sono triste per gli espositori; non è stato un bene per loro, con un numero di partecipanti inferiore a quello che speravamo.

Uno dei fattori che hanno ridotto il traffico verso il padiglione espositore è stato anche dovuto alle restrizioni imposte dalle autorità sanitarie a causa del coronavirus. Come sapete, a Venezia i partecipanti dovevano attraversare l’area espositiva per recarsi nella sala conferenze, e i coffee-break – che qui non potevamo avere – erano anch’essi nella sala espositori per generare per permettere ai partecipanti di prendersi del tempo per visitare gli espositori.

Il dottor Castroflorio nelle sue considerazioni conclusive ha annunciato che il vostro spring meeting si terrà il 6 e 7 maggio 2022 a Oporto in Portogallo, quindi l’EAS è motivata ad andare avanti e anche una minore partecipazione al congresso di quest’anno non è stata una battuta d’arresto?
Non è facile pianificare un evento del genere. Ora procediamo e pensiamo in modo positivo a programmare il nostro prossimo spring meeting a Oporto. Vogliamo tenere il nostro quarto congresso EAS a Torino nel maggio 2023. Non potevamo sapere cosa sarebbe successo qui a Malta. Negli ultimi due anni abbiamo vissuto un periodo insolito, ma direi che il prossimo congresso, sempre che non si sia ancora coinvolti nella pandemia, sarà un grande evento per la partecipazione di delegati ed espositori, che mi auguro siano noi.

Ora sto pianificando cosa faremo per lo spring meeting e ho anche preso in considerazione l’idea di un autumn meeting l’anno prossimo. Penso anche a collaborazioni con altre società per lo spring meeting. Stiamo realizzando una collaborazione didattica con Invisalign e stiamo lanciando una commissione di allineatori ortodontici e una commissione di certificazione. Queste iniziative sono importanti per me. Speriamo che nel prossimo gennaio o febbraio non si debbano più affrontare le restrizioni imposte dalla pandemia. Probabilmente non si tornerà più alla situazione pre covid, ma speriamo in una migliore normalità.

Nota editoriale: Il dott. Les Joffe ha completato la formazione odontoiatrica e la formazione ortodontica post-laurea presso l’Università del Witwatersrand di Johannesburg in Sudafrica. Dal 1998 al 2008 è stato senior tutor clinico onorario presso il dipartimento di ortodonzia post-laurea dell’Eastman Dental Institute dell’University College London a Londra. Nel 2000, Joffe e alcuni suoi colleghi hanno fondato Orthoworld 2000 per fornire un ambiente aziendale per la gestione delle pratiche ortodontiche. Orthoworld ha introdotto Invisalign nel Regno Unito nel 2001. Nello stesso anno Joffe ottenne la certificazione Invisalign e iniziò ad effettuare trattamenti di allineamento utilizzando una varietà di sistemi di allineatori. Dal 2012 al 2015 è stato membro del comitato consultivo europeo di Invisalign Europe. Nel 2017 si è ritirato dalla pratica clinica per assumere la direzione a tempo pieno della European Aligner Society. È membro della Società Ortodontica Britannica e della Federazione Mondiale degli Ortodontisti. Ulteriori informazioni sull’EAS sono disponibili all’indirizzo www.eas-aligners.com.

 

Allineatori EAS Ortodonzia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *