Dental Tribune Italy

Il fumo di tabacco è associabile allo sviluppo della tasca parodontale

By Jeremy Booth, Dental Tribune International
May 28, 2021

KUOPIO, Finlandia: Uno studio condotto da ricercatori finlandesi e britannici ha riscontrato che i fumatori abituali avevano una maggiore incidenza di tasche periodontali profonde rispetto a coloro che non avevano mai fumato. Lo studio ha anche esaminato l’accuratezza del consumo di fumo di tabacco auto-riportato valutando i livelli sierici di cotinina e ha trovato un’associazione positiva tra questi livelli e lo sviluppo di tasche parodontali.

È noto che il fumo di tabacco ha un effetto causale sulla progressione della malattia parodontale. Secondo lo studio condotto da ricercatori dell’Università della Finlandia orientale di Kuopio, dell’Oulu University Hospital in Finlandia e del King’s College London nel Regno Unito, le autodichiarazioni sul consumo di fumo da tabacco sono il metodo più comune per valutarne l’uso di una persona; tuttavia, una comunicazione errata dello stato di tabagismo e del livello di consumo di tabacco può portare a dati non validi negli studi che esaminano gli effetti dello stesso. Insieme all’incidenza di tasche periodontali profonde, i ricercatori hanno quindi valutato i livelli sierici di cotinina dei partecipanti allo studio. La cotinina sierica è il principale metabolita della nicotina e la sua misurazione costituisce un biomarcatore quantitativo affidabile per l’esposizione ai tabacchi lavorati contenenti nicotina.

Nell’analisi sono stati inclusi complessivamente 294 partecipanti e lo stato di tabagismo è stato valutato tramite interviste a domicilio, classificando i partecipanti nei seguenti gruppi: fumatori giornalieri, fumatori occasionali, fumatori che stanno cercando di smettere e non fumatori. I livelli sierici di cotinina sono stati misurati utilizzando la metodologia del saggio radioimmunologico su fase liquida ed è stato eseguito un esame clinico orale di follow-up, in cui la profondità delle tasche parodontali è stata determinata utilizzando la sonda parodontale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sono stati valutate le covariate, compresi i fattori socio-demografici dei partecipanti – come l’istruzione – e il comportamento dentale e l’igiene orale.

«I partecipanti che hanno sviluppato tasche parodontali dopo quattro anni erano maggiormente maschi, meno istruiti, fumatori giornalieri con livelli sierici di cotinina ≥ 42,0 μg/L», hanno scoperto i ricercatori. Dopo l’aggiustamento per i fattori confondenti, è stato osservato un tasso di incidenza (IRR) di 1,59 per i fumatori giornalieri rispetto ai non fumatori. È stato riscontrato un rischio pressoché assente per lo sviluppo della tasca parodontale per i fumatori occasionali e per i fumatori che stavano smettendo.

È stato riscontrato che la quantità di fumo era associata allo sviluppo di tasche periodontali più profonde in modo dipendente dall’esposizione.

Nel valutare l’accuratezza dello stato di fumo auto-riportato, i ricercatori hanno trovato una forte correlazione nei fumatori giornalieri tra i livelli di cotinina sierica e il numero di sigarette fumate. «Questo studio rivela che il fumo è correlato al deterioramento della salute parodontale indipendentemente dal fatto che la misurazione del fumo sia basata su auto-riporti o sul livello di cotinina sierica», hanno scritto i ricercatori, notando che il fumo auto-riportato era coerente con i livelli di cotinina sierica riscontrati nei partecipanti allo studio.

Lo studio, intitolato «Effect of smoking on periodontal health and validation of self-reported smoking status with serum cotinine levels», è stato pubblicato online l’8 maggio 2021 su Acta Odontologica Scandinavica, prima di essere incluso in un numero.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International