Dental Tribune Italy

Gli inserti ultrasonici perio anatomici: L’avanguardia a vantaggio di pazienti e igienisti

By Dental Tribune Italia
November 09, 2018

Laurea specialistica in “Scienze delle professioni Sanitarie Tecnico Assistenziali” a Pisa, Master in “Economia Pubblica e Gestione dei Servizi Sanitari” alla Sapienza, un altro in “Patologie gengivali non indotte da placca batterica” all’Università di Torino e tanta voglia di innovare la professione. Questo un breve ritratto di Igor De Pasquale, igienista affermato intervistato da Dental Tribune.

Lei dice sempre “Non avere paura del cambiamento”. Che cosa intende con tale espressione?
È la sfida per rendere all’avanguardia e sempre più vicina alla “customer satisfaction” la terapia dell’igiene dentale che da qualche anno, grazie all’aumento degli investimenti di numerose aziende di settore in ricerca e sviluppo, può contare su strumenti più innovativi e a misura di paziente.

Un esempio concreto?
Un “angolo” di avanguardia, nel settore, è rappresentato da uno dei primi studi autonomi ed esclusivamente dedicati alla prevenzione orale nati in Italia: il Centro “SorprenDenti” con sede a Messina, avviato nel 2011.

Dica quali sono i vantaggi di recenti innovazioni terapeutiche
I vantaggi sono dimostrati da numerosi sondaggi condotti consultando igienisti dentali e, soprattutto, pazienti. Scegliendo, tra l’altro, una metodologia di divulgazione scientifica che consente l’interazione multimediale con l’utenza interessata.

Lei personalmente come ha messo in pratica l’innovazione
Ho varato un webinar informativo che traccia un bilancio delle tecniche e degli strumenti di detartrasi sulla base di diverse “case stories”.

Qual è la maggior spinta al cambiamento, secondo lei?
La necessità di adottare strategie sempre più individuali e personalizzate sui pazienti e ad un approccio alla terapia nettamente diverso rispetto al passato.

Esempio?
Le evoluzioni compiute da numerose aziende (es. la ligure Mectron esportatrice in 60 paesi) hanno consentito agli igienisti dentali di ampliare la gamma di strumentazioni disponibili adeguandosi sempre più agli standard auspicati dai pazienti che richiedono prestazioni di qualità con timing sempre più ridotti.

Può indicare in dettaglio alcune sue procedure d’avanguardia?
Sulla base delle evidenze individuate in uno dei miei ultimi corsi ho scelto di valutare le maggiori differenze tra l’utilizzo di curettes, piuttosto che di inserti perio anatomici (ipa) nel trattamento parodontale non chirurgico, rilevando che l’uso di questi ultimi, ancora non molto diffuso tra i professionisti, comporta numerosi benefici per il paziente ma anche per gli igienisti.

Che cosa si evince in primo luogo dai suoi corsi?
Che, seppur l’utilizzo delle curettes consente di operare in profondità nelle tasche parodontali, la scelta terapeutica degli ipa garantisce non soltanto la possibilità di un accesso ottimale a zone difficili, ma anche un miglior confort per il paziente, maggior rispetto dei tessuti duri e molli, irrigazione delle tasche anche con soluzioni antisettiche, timing ridotto e un minore affaticamento dell’operatore.

Tragga le conclusioni
Nel trattamento parodontale gli inserti ultrasonici perio anatomici rappresentano forse la soluzione più efficace ed efficiente per il paziente e per un vero igienista 3.0.

 

Clicca QUI e iscriviti gratuitamente al webinar del dr. Igor De Pasquale

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2019 - All rights reserved - Dental Tribune International