Dental Tribune Italy

Costruire un rapporto tra odontotecnici e dentisti in tempi di Covid-19

By Iveta Ramonaite, Dental Tribune International
November 10, 2020

Romeo Giuseppe è un odontotecnico e titolare di un laboratorio di protesi dentistiche a Torino. In questa intervista parla con Dental Tribune International di come il COVID-19 abbia influenzato il suo lavoro in laboratorio e dell’impatto che la pandemia ha avuto sulla sua vita personale e professionale.

Romeo, può raccontarci un po’ del suo lavoro in generale e cosa l’ha spinto a diventare odontotecnico?
La mia situazione è insolita perché risiedo a Torino, ma sono nato a New York e sono cittadino americano. Ho vissuto negli Stati Uniti per i primi cinque anni della mia vita. Poi ci siamo trasferiti in Italia perché i miei genitori hanno deciso di tornare qui. Ho ricevuto la mia formazione odontotecnica in Italia e dopo aver terminato i cinque anni di scuola mi sono trasferito in Svizzera e ho conseguito un master di due anni all’Università di Ginevra. Durante questo periodo ho avuto l’opportunità di lavorare con il Dott. Pascal Magne, il Prof. Dott. Uls Belser e Didier Dietschi, e di lavorare nel laboratorio di Michel Magne. Michel non era solo il mio professore, ma anche il mio mentore, il mio insegnante. Ho lavorato con lui per dieci anni. Dopo di che, mi sono trasferito di nuovo negli Stati Uniti e sono rimasto a Los Angeles per cinque anni, lavorando all’Università della California del Sud per tre anni.

Durante il mio soggiorno negli Stati Uniti ho avuto l'opportunità di diventare assistant clinical professor in Restorative Science. E poi, all'inizio del 2015, sono tornato in Italia. Ho dovuto riaprire il mio laboratorio e ora lavoro con dentisti di alto livello in tutto il mondo.

Sono diventato un odontotecnico perché non sono riuscito a diventare un dentista. Il mio sogno era diventare dentista, ma dato che durante la propria vita succedono tante situazioni e devi cambiare i tuoi piani, ho iniziato a lavorare come odontotecnico e lo sono diventato. Ma a causa della mia passione per il settore dell’odontoiatria, mi sono concentrato sull’area estetica e su come aumentare la qualità in questa zona. Sono cresciuto anche grazie ai dentisti che mi hanno addestrato ampiamente in tutte le procedure cliniche e mi hanno insegnato a lavorare insieme per raggiungere il risultato estetico finale. È molto importante. Ho visto che gli odontotecnici hanno solitamente solo due o tre anni di scuola. Poi iniziano a stratificare la ceramica, pensando che la ceramica stratificata definisca il lavoro di un odontotecnico, ma non è così.

Bisogna familiarizzare con la scienza dei materiale, l'occlusione, il lato clinico del lavoro. Bisogna sapere qual è il prossimo passo da compiere nella clinica per evitare errori e danni biologici. E questa è una delle cose su cui focalizzo sempre la mia attenzione. Sono stato addestrato per essere unico nel modo in cui lavoro in laboratorio, lavorando con un microscopio per ottenere precisione per tutta la durata del trattamento.

Si può dire con certezza che il COVID-19 ha sorpreso tutti e che la sua imprevista comparsa non abbia lasciato tempo per prepararsi. Qual è stata la sua risposta iniziale alla pandemia e alle misure di confinamento ordinate dalle autorità?
Sì, è stato un momento strano anche per me. Sono rimasto del tutto sorpreso dalla pandemia che si sta verificando in tutto il mondo. Ho smesso subito di viaggiare ed è stato un grande cambiamento. Mi piace viaggiare e vado a trovare pazienti e dentisti in diversi Paesi. Qui in laboratorio abbiamo dovuto prestare molta attenzione alle procedure di sanificazione adeguate e imparare come consegnare al meglio i casi. Fortunatamente, non tutti i dentisti con cui lavoro hanno dovuto chiudere i loro studi. Ho continuato a lavorare in laboratorio durante il blocco in Italia. Tutto doveva essere personalizzato, ben disinfettato e confezionato in modo diverso rispetto al passato.

Ritiene di aver ricevuto un sostegno sufficiente dal governo e dalla professione dentale durante la crisi?
No, non in Italia. Non abbiamo avuto abbastanza supporto. Sono contento che sia stato concesso un sostegno economico a quelle persone con lavori molto umili, ma non è stato così per il mio laboratorio. Ho dovuto prelevare dalla banca denaro che avevo risparmiato per poter pagare le spese e affrontare la realtà – ma era un’emergenza. La situazione cambierà prima o poi.

La pandemia sta lentamente rimodellando gli studi dentistici di tutto il mondo. Di recente ha notato qualche tendenza emergente nel campo dell'odontotecnica?
No, finora no. Ho visto che l’industria è stata molto colpita a causa della pandemia, soprattutto nel campo della tecnologia odontoiatrica. Gli odontotecnici hanno smesso di investire in tecnologie come le fresatrici e gli scanner a causa della devastante situazione economica in tutto il mondo.

C’è ancora molta incertezza sull'era post-COVID-19 in odontoiatria. Come odontotecnico, si sente ottimista riguardo ai cambiamenti a lungo termine che la pandemia può produrre nei laboratori odontotecnici e nel settore dentale in generale?
So che la maggior parte degli studi dentistici non hanno ancora lo stesso volume di lavoro, poiché non possono vedere lo stesso numero di pazienti al giorno. Questo numero ridotto di pazienti ha successivamente ridotto la quantità di lavoro e questo si è riflesso sul laboratorio odontotecnico. I laboratori odontotecnici hanno lo stesso problema perché sono lo specchio dello studio odontoiatrico, allo stato attuale delle cose. Nel mio caso, poiché sono specializzato nelle faccette e nella zona estetica, utilizzando la precisione del microscopio, avevo ancora alcune richieste in arrivo perché alcuni pazienti e dentisti apprezzano ancora la qualità del mio lavoro.

Rispetto ai grandi laboratori, il COVID-19 non ha influito molto sul mio lavoro. I grandi laboratori si concentrano sui volumi di produzione. Il mio è un piccolo laboratorio – siamo in tre, a volte in quattro – e quindi la quantità e la qualità del lavoro sono completamente diverse da quelle dei grandi laboratori.

 Al momento si discute molto sulla salute mentale dei dentisti e degli odontotecnici. La pandemia l'ha colpita personalmente?
Posso dirvi che ho un sacco di difetti come persona, ma una delle mie forze è che cerco sempre di affrontare le sfide della vita e che penso sempre positivamente. Cerco di parlare con i dentisti e altre persone e di rimanere attivo nel mio lavoro e nel mio rapporto con i dentisti e i loro pazienti. Per questo non credo che il COVID-19 possa influenzarmi in futuro, perché lavoro ancora ogni giorno e vedo il risultato.

Questo è ciò che dobbiamo affrontare in questo momento e dobbiamo rimanere umili. Dobbiamo combattere ogni giorno e non possiamo arrenderci. Penso che possiamo trovare una soluzione perché i dentisti vogliono avere una conversazione con gli odontotecnici per capire e affrontare la situazione. Devo ammettere che ho dovuto abbassare il prezzo per alcuni casi, ma non è stato dannoso per me. Mi ha aiutato ad avere un rapporto migliore con il dentista e con il paziente. Quindi, quando dentisti e pazienti si rendono conto che un odontotecnico è aperto a creare qualcosa per il futuro, penso che ci sia una buona possibilità per una migliore cooperazione futura.

 

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International