Dental Tribune Italy

Tutti i Paesi del mondo cercano di ridurre il consumo di zucchero

By Dental Tribune International
March 24, 2020

LEIPZIG, Germania: La problematica globale riguardo l’obesità mostra pochi segni di riduzione e numerosi Paesi di diverse regioni hanno introdotto politiche volte a ridurne l’impatto. Uno di questi paesi è il Cile, la cui adozione di un rigoroso sistema di etichettatura di alimenti e bevande ricche di zuccheri, grassi o sale ha ridotto gli acquisti di questi prodotti di quasi un quarto in un periodo di 18 mesi, secondo un recente studio.

Nel 2016 il Cile ha attuato la legge sull’etichettatura e sulla pubblicità degli alimenti. Comprende una serie di politiche che sottopongono alimenti e bevande non salutari a determinate restrizioni di marketing, in particolare in relazione alla pubblicità rivolta ai bambini. Inoltre, il regolamento vieta la vendita di tali alimenti e bevande nelle scuole e include un sistema obbligatorio di etichette e avvertenze sull’imballaggio che indichino chiaramente, con l’assistenza di segnali di stop neri, se un prodotto contiene quantità eccessive di zucchero, sodio, saturi grassi o energia.

Secondo i risultati dello studio, l’introduzione del regolamento ha portato a una riduzione del 23,7% negli acquisti di bevande zuccherate (SSB) nel paese, mentre è stato registrato un aumento del 5% nelle vendite di acqua in bottiglia, bibite dietetiche e succhi di frutta senza zucchero aggiunto. Inoltre, un altro studio pubblicato su Public Health Nutrition ha rilevato che l’esposizione dei bambini cileni a pubblicità di cibi e bevande malsane è diminuita in media del 58%.

«Un effetto così grande a livello nazionale nel primo anno è incredibile», ha detto al New York Times la dott.ssa Lindsey Smith Taillie, autrice principale dello studio ed epidemiologa della nutrizione presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill. «È un segnale molto promettente per una serie di politiche che si rafforzano a vicenda. Questo è il modo in cui abbiamo bisogno che il mondo vada per iniziare a combattere davvero le malattie predicibili come l’obesità, l’ipertensione e il diabete», ha aggiunto.

Sebbene l’approccio del Cile abbia finora dimostrato di essere estremamente fruttuoso, non è l’unico Paese che tenta di gran lunga di ridurre l’assunzione di zucchero e altri ingredienti malsani da parte della popolazione. In Inghilterra, l’introduzione di una tassa per l’industria delle bevande analcoliche nell’aprile 2018, comunemente nota come tassa sullo zucchero, è stato il principale fattore responsabile di una riduzione del 28,8% del contenuto di zucchero ogni 100 ml di bevande gassate. Allo stesso modo, l’attuazione del 2014 di un’imposta sugli SSB in Messico ha comportato una riduzione del 6,3% negli acquisti di SSB e un aumento del 16,2% negli acquisti di acqua in bottiglia, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition.

Il successo dell’introduzione della legge in Cile ha portato la New Zealand Dental Association (NZDA) a chiedere al governo del suo Paese di adottare politiche simili. «L’idea di un prelievo fiscale sulle bevande zuccherate è ampiamente discussa, ma ciò che questo studio dimostra è che anche altre misure possono avere un impatto sul consumo di bevande zuccherate», ha affermato il portavoce del NZDA Dr Rob Beaglehole.

«Il successo riguarda anche le avvertenze sulle etichette, quali un’icona di un cucchiaino che mostra il numero di cucchiaini di zucchero in una bevanda, sia le etichette con avvertenze che evidenziano come le bevande ad alto contenuto di zucchero possono contribuire alla carie, all’obesità e al rischio di diabete, che può indurre a un minor consumo di queste bevande e al loro danno», ha aggiunto.

«L’Australian Dental Association [ADA] appoggia l’uso di una tassa sulle bevande zuccherate», ha dichiarato a Dental Tribune International il dott. Michael Foley, presidente del comitato per la salute orale dell’ADA. «L’ADA sostiene qualsiasi misura di sanità pubblica progettata per ridurre l’elevato consumo di zucchero in Australia. Forti misure di sanità pubblica, tra cui l’imposta sulle sigarette, l’imballaggio sostenibile e l’imposta sull’alcool, hanno dimostrato di influenzare gli acquisti, e, prove in tutto il mondo, suggeriscono altrettanto per l’imposta sulle bevande dolcificate con zucchero» ha concluso Foley.

Lo studio, intitolato “An evaluation of Chile’s law of food labeling and advertising on sugar-sweetened beverage purchases from 2015 to 2017: A before-and-after study”, è stato pubblicato online l’11 febbraio 2020 su PLOS Medicine.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International