La tecnica di preservazione crestale associata alla chirurgia guidata per la sostituzione di un dente gravemente compromesso

Search Dental Tribune

La tecnica di preservazione crestale associata alla chirurgia guidata per la sostituzione di un dente gravemente compromesso

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Valutazione istologica della lesione cistica.
R. Rossi, G. Picciocchi

By R. Rossi, G. Picciocchi

mer. 25 maggio 2016

save

La paziente in questione si presenta alla nostra attenzione nell’estate 2014: donna di 47 anni con anamnesi negativa. La bocca era in buone condizioni di salute, il livello di igiene orale e gli indici parodontali (placca e sanguinamento) erano inferiori al 20%.

Il chief complaint della paziente riguardava il secondo premolare superiore destro e clinicamente mostrava una vecchia corona in ceramica con una recessione gengivale di 2 mm (Fig. 1). La RX periapicale metteva in evidenza un’ampia lesione cistica che si estendeva nella parte mesiale, in prossimità del primo premolare e in quella distale vicino al molare; nella porzione mesio-palatale il sondaggio parodontale era di 13 mm (Fig. 2).
Per questa ragione il dente veniva considerato irrecuperabile. La paziente veniva premedicata con amoxicillina 2 gr/die a partire dal giorno antecedente all’intervento. Il giorno dell’intervento, dopo anestesia locale con articaina 1:200.000, il dente veniva delicatamente rimosso, e così tutto il sacco cistico ad esso associato (Fig. 3), residuando una cavità profonda oltre 15 mm e larga 11 mm nella porzione più apicale (Fig. 4). La lesione cistica veniva rimossa, fotografata, misurata e inviata in formalina al dipartimento di patologia orale per una valutazione istologica (Fig. 5). La diagnosi di cisti odontogena di natura epiteliale fu poi confermata dall’esame eseguito. L’alveolo fu lavato con soluzione fisiologica, irrigato con clorexidina 0,12% e innestato con un biomateriale di origine xenologica collagenato (MP3 Osteobiol, Coazze, TO) (Fig. 6). Un innesto epitelio-connettivale prelevato dal tuber serviva come sigillo per la zona innestata.
L’alveolo, poi, mostrava un’immagine ove si notavano i confini della lesione e il riempimento ottenuto con l’innesto (Fig. 7). A distanza di 2 settimane, i tessuti molli si mostravano disinfiammati e si notava un certo mantenimento della festonatura gengivale (Fig. 8). A distanza di 10 mesi i margini della lesione cistica non erano più visibili ed era altresì interessante notare come l’innesto mostrasse un buon livello di mineralizzazione, indicando che buona parte di esso era stato sostituito da osso rigenerato (Fig. 9).
I tessuti molli mostravano perfetta stabilità e integrità (Fig. 10). A questo punto si procedeva alla presa di un’impronta digitale (Figg. 11, 12) e a una ceratura virtuale.

 

Leggi l'articolo completo nella sezione CLINICAL > IMPLANTOLOGY

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

advertisement
advertisement