Dental Tribune Italy

I dentisti che forniscono procedure cosmetiche iniettabili esortati a essere assicurati

By Brendan Day, Dental Tribune International
August 24, 2021

LONDRA, Regno Unito: Dopo un’indagine durata un anno, l’All-Party Parliamentary Group on Beauty, Aesthetics and Wellbeing (APPG) ha pubblicato un rapporto sull’ambito normativo che circonda le procedure estetiche non chirurgiche come i filler dermici e le iniezioni di tossina botulinica: quest’ultima più comunemente nota come Botox. Poiché questi trattamenti sono sempre più frequenti negli studi dentistici del Regno Unito, la British Dental Association (BDA) ha avvertito i dentisti di verificare che siano adeguatamente assicurati per fornire questi servizi.

L’APPG ha avviato la sua indagine nel giugno 2020 in risposta alla rapida crescita di queste procedure cosmetiche negli ultimi anni, nonché a causa delle preoccupazioni per un quadro giuridico e normativo insufficiente per quanto riguarda la loro fornitura. Nella sua relazione conclusiva pubblicata il 21 luglio 2021, il gruppo ha formulato 17 raccomandazioni per il governo del Regno Unito, tra cui:

  • stabilire standard minimi nazionali per la formazione dei professionisti;
  • legiferare per introdurre un quadro nazionale delle licenze;
  • prescrivere solo filler dermici e sviluppare e imporre il pre-screening psicologico dei pazienti.

«I pazienti devono sempre venire prima di tutto e io mi impegno a proteggere la loro sicurezza, assicurandomi che le persone abbiano le informazioni giuste di cui hanno bisogno per prendere decisioni informate sulla chirurgia estetica e garantendo che la formazione di massima qualità sia accessibile a tutti i professionisti», ha commentato Nadine Dorries, Ministro britannico per la sicurezza dei pazienti.

«Questo rapporto è un contributo importante alla nostra comprensione condivisa delle conseguenze di questo tipo di trattamento e non vedo l’ora di rivedere le sue raccomandazioni su come continuare a migliorare la sicurezza delle persone», ha aggiunto.

In un contesto clinico odontoiatrico, una sostanza come il Botox può essere iniettata nei muscoli iperattivi per ridurre i loro livelli di attività. Di conseguenza, è stato utilizzato per trattare una varietà di condizioni, tra cui il bruxismo e i disturbi dell’articolazione temporomandibolare, e persino per promuovere l’osteointegrazione degli impianti dentali.

Tuttavia, il suo posizionamento come procedura puramente cosmetica è diventato sempre più comune negli ultimi anni, tanto che, l’anno scorso, il Committee of Advertising Practice e l’agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari hanno emesso un avviso di applicazione che vietava ai professionisti del settore dentale di pubblicizzare direttamente il Botox poiché è un farmaco soggetto a prescrizione medica.

In un comunicato stampa sull’argomento, il dottor Len D’Cruz, capo dell’indennità presso la BDA, ha dichiarato: «I nostri assicurati sono indennizzati per l’uso e la somministrazione di procedure iniettabili cosmetiche facciali al di sopra del bordo inferiore della mandibola».

«L’uso di trattamenti cosmetici iniettabili nella zona peri-orale è un utile complemento al trattamento odontoiatrico quando fornito da un dentista adeguatamente formato», ha aggiunto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International