“Se è meglio per il corpo, è meglio per il paziente”

Search Dental Tribune

“Se è meglio per il corpo, è meglio per il paziente”

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
La Dott.ssa Meetu Ralli Kohli ha insegnato ai partecipanti del ROOT SUMMIT i vantaggi dell'utilizzo della bioceramica nelle lora pratica (Immagine: DTI).

ROOTS SUMMIT 2022 è stato un evento di profondo apprendimento, che ha illustrato le ultime novità metodologiche e tecnologiche nel campo dell’endodonzia. Dental Tribune International ha incontrato un relatore particolarmente apprezzato, la Dott.ssa Meetu Ralli Kohli, che ha tenuto una lezione stimolante dal titolo «Bioceramica in Endodonzia» La dott.ssa Kohli ha spiegato perché le bioceramiche dovrebbero essere valutate dai medici che vogliono il meglio per i loro pazienti e dato alcuni suggerimenti su come i clinici interessati possono diventare più favorevoli nella transizione dalle resine alla bioceramica.

Dott.ssa Kohli, tutti qui sono venuti per un motivo, quindi cosa offre loro? Perché è emozionata?
Faccio il dentista da 26 anni, quindi l’evoluzione dei sigillanti e dei materiali che ora abbiamo disponibili sono la cosa più importante insieme alla biocompatibilità della bioceramica, quali l’aggregato minerale di triossido, e la capacità del corpo di adattarsi a questo materiale. Come dentisti, mettiamo così tante materiali nel dente e nel corpo che più sono accettati e più siamo entusiasti. Direi che questa è l’emozione. Le bioceramiche non sono molto nuove, quindi siamo certi della bioattività del materiale. Penso che sia una cosa importante!

Cosa vorresti che tutti portassero a casa da questo evento?
Vorrei che facessero un cambiamento verso i sigillanti bioceramici. Presumo che la maggior parte delle persone qui lo faccia regolarmente. Credo sia giunto il momento di passare a materiali a base bioceramica e allontanarsi da materiali a base di resina. Non che l’uso della resina sia sbagliato, ma l’utilizzo di materiale bioceramico è un piccolo passo verso un materiale migliore, istologicamente parlando.

Hai qualche suggerimento per i praticanti che si sentono sopraffatti dal cambiamento? Cosa diresti per convincerli a passare alla bioceramica?
Due cose. Il primo è leggere e guardare la letteratura, e quelli di noi che sono coinvolti nel mondo accademico sono più che disposti a condividere i sei o sette articoli chiave che si dovrebbero leggere per sentirsi a proprio agio nel fare un cambiamento. La mia seconda raccomandazione, che ho condiviso anche nella mia presentazione, è di fare pratica con i denti estratti e vedere se sì è in grado di fare un buon lavoro con questo nuovo materiale. Rende più facile il cambiamento.

C’è qualcos’altro che vorresti condividere con i nostri lettori su di te o sulle tue iniziative?
La mia principale iniziativa, mentre parlo con le persone e faccio le conferenze, è di ricordare loro di tornare alla biologia e di riflettere sul perché facciamo quello che facciamo. Penso che dobbiamo allontanarci dalla tecnica. Dobbiamo capire perché facciamo determinate procedure e allora l’applicazione delle tecniche ha senso. Penso che sia molto importante tornare a studiare. Quando siete nel vostro studio privato e siete immersi costantemente nel vostro lavoro, dimenticate il motivo per cui a volte lo fate. Penso che sia un bene tornare a imparare le basi.

Ogni volta che trovi 50 stand fuori da una conferenza, come decidi? Non sei in grado di prendere una decisione se non sai cosa stai cercando di ottenere. Quando si sa che cosa si sta cercando di raggiungere, allora si può guardare un prodotto e ci si può chiedere se questo ci aiuterà a raggiungere gli obiettivi biologici e quindi si potrà effettuare la giusta scelta. Questo aiuta ad andare nella giusta direzione: "se è meglio per il corpo, è meglio per il paziente".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

advertisement