Dental Tribune Italy

Uno studio apre la strada alla terapia mirata della parodontite

By Franziska Beier, Dental Tribune International
March 29, 2021

HALLE (SAALE) / LEIPZIG, Germania: un nuovo approccio al trattamento della parodontite potrebbe rendere obsoleto l’uso di antibiotici, poiché prende di mira solo i batteri che causano la malattia, risparmiando quelli innocui. È stato sviluppato come risultato di una collaborazione tra l’Università Martin Luther di Halle-Wittenberg (MLU), l’Istituto Fraunhofer per la terapia cellulare e l’immunologia IZI di Lipsia e il PerioTrap Pharmaceuticals di Halle. I ricercatori si aspettano che il nuovo metodo di trattamento causi pochi effetti collaterali.

Ad oggi il trattamento della parodontite ha riguardato principalmente l’utilizzo di antibiotici ad ampio spettro che combattono tutti i batteri presenti nel cavo orale. Tuttavia, secondo uno degli autori principali dello studio, il dottor Mirko Buchholz di PerioTrap Pharmaceuticals, ciò presenta alcuni svantaggi. «Un effetto collaterale del trattamento è che distrugge anche tutti i batteri innocui o benefici nella cavità orale. Inoltre, i batteri possono finire per sviluppare una resistenza agli antibiotici», ha spiegato in un comunicato stampa della MLU.

Al fine di trovare un metodo per eliminare solo i batteri nocivi, il team di ricerca ha sviluppato una sostanza di prova che combatte la glutaminil ciclasi, un enzima specifico dei batteri che svolge un ruolo importante nel metabolismo. L’idea di fondo era che l’inattivazione dell’enzima avrebbe danneggiato i batteri e avrebbe impedito lo sviluppo della parodontite.

La sostanza sviluppata è stata testata per l’efficacia in diverse cliniche e università in Svizzera, Polonia e Stati Uniti e si è scoperto che sopprime con successo la crescita di batteri patogeni.

Il Prof. Milton T. Stubbs, l’altro autore principale dello studio e biotecnologo presso MLU, ha spiegato le diverse varianti dell’enzima ricercato: «Il nostro obiettivo, la glutaminil ciclasi, è disponibile in due diverse varianti. Normalmente, piante e batteri hanno una variante dell’enzima e i mammiferi un’altra. Le due varianti funzionano in modo simile, ma differiscono in modo significativo nella loro struttura. È un po’ come i cacciaviti a punta piatta rispetto ai cacciaviti Phillips».

Con sorpresa dei ricercatori, i batteri che causano la parodontite possiedono la variante mammifera dell’enzima. «Questo è fondamentale per il nostro approccio perché ci fornisce un possibile bersaglio, quindi uccidiamo solo i batteri patogeni e lasciamo intatti quelli innocui», ha detto Buchholz. Secondo Stubbs, il team di ricerca ha trovato piccole ma significative differenze tra gli enzimi batterici e la variante umana. Queste differenze sono probabilmente sufficienti affinché la nuova sostanza non influisca sugli enzimi umani, motivo per cui sono previsti solo effetti collaterali minori.

I ricercatori hanno concluso che i risultati dello studio dimostrano che la glutaminil ciclasi è un obiettivo promettente per lo sviluppo di farmaci da utilizzare nel trattamento della parodontite e delle malattie associate. Sono necessari ulteriori studi in vitro e in vivo e, pertanto, potrebbero essere necessari alcuni anni prima che la ricerca si traduca in un farmaco commercializzabile.

Lo studio, intitolato “Mammalian-like type II glutaminyl cyclases in Porphyromonas gingivalis and other oral pathogenic bacteria as targets for treatment of periodontitis”, è stato pubblicato online il 5 gennaio 2021 sul Journal of Biological Chemistry, prima dell’inclusione in un numero.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International