Sostenibilità ambientale in endodonzia

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

I agree(Required)
This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Immagine PopTika/Shutterstock.
Monique Mehler, Dental Tribune International

By Monique Mehler, Dental Tribune International

Wed. 10. November 2021

save

Nel corso degli anni, i ricercatori hanno studiato l’impronta di carbonio totale annua dei servizi odontoiatrici in diversi paesi. Attualmente, presso la Facoltà di Odontoiatria dell’Università di Malmö, in Svezia, è stata condotta una valutazione del ciclo di vita (LCA) al fine di studiare e valutare l’impatto ambientale di un trattamento del canale radicolare svolto in due sedute. In un’intervista con Dental Tribune International, i tre autori principali Linnea Borglin, i dottori Hal Duncan e Brett Duane hanno condiviso alcuni approfondimenti sui risultati.

Cosa ha ispirato il vostro team di ricerca ad analizzare l’uso globale delle risorse e l’impatto ambientale della procedura endodontica?
Borglin
: Questo studio è nato da una tesi di laurea presso l’Università di Malmö.
Duane: Stephanie Pekarsi, la nostra co-autrice, Linnea e io abbiamo pensato a tre procedure odontoiatriche che richiedono un impiego piuttosto intensivo di risorse e abbiamo considerato un trattamento parodontale, un esame e una procedura endodontica. Questo articolo deriva dal terzo studio.

Ci sono state delle sfide che avete dovuto affrontare durante la LCA? Se sì, quali erano?
Duane
: Una sfida è stata misurare tutti gli elementi. Anche cercare di trovare lo specifico uso di energia delle apparecchiature, ad esempio l’autoclave e il detersivo per il lavaggio degli indumenti odontoiatrici!

Perché avete deciso di non includere i viaggi da e per la clinica dentale nella sua metodologia di valutazione? Le ricerche indicano che gli spostamenti del personale e dei pazienti costituiscono la percentuale più significativa delle emissioni di anidride carbonica.
Duane
: Gli spostamenti sono stati fondamentale per i primi studi inglesi e scozzesi. In questo studio abbiamo voluto concentrarci sui materiali e sui processi sui quali abbiamo un maggiore controllo; per questo abbiamo escluso i viaggi.
Borglin: In questo modo, potremmo concentrarci sull’identificazione di altri processi dannosi per l’ambiente più specifici in una procedura endodontica.

Ho condotto alcune ricerche sull’odontoiatria ecocompatibile, e la mia sensazione è che la sostenibilità non sia una priorità assoluta per il dentista medio. Siete d’accordo con questa conclusione? E se sì, quali pensiate siano le ragioni principali che impediscono ai dentisti di ridurre la loro impronta di carbonio?
Duane
: Molti dentisti stanno cercando di sopravvivere finanziariamente e di destreggiarsi con i costi di tutte le protezioni aggiuntive necessarie per i pazienti, così quando si parla di sostenibilità, sgranano gli occhi. Penso che non fosse affatto una priorità, diciamo 5 anni fa, ma c’è un numero crescente di dentisti, soprattutto tra i giovani, che si rendono conto dell’importanza e della rilevanza di questo aspetto in ambito odontoiatrico. Ci sono così tanti ostacoli al coinvolgimento dei dentisti nella sostenibilità e poche facilitazioni. Abbiamo bisogno di un ampio programma di istruzione e di incentivi; in sostanza, la sostenibilità deve essere normalizzata e integrata in tutto ciò che facciamo.

Avete qualche consiglio per il team endodontico su come ridurre l’impatto ambientale di queste cure?
Duncan
: Dato che la moderna terapia del canale radicolare utilizza un gran numero di strumenti come i file, che in molte giurisdizioni sono considerati monouso, la spinta verso un’endodonzia più sostenibile dovrebbe innanzitutto mirare a ridurre il numero di visite ai pazienti. Il trattamento con una sola visita riduce fattori quali il numero di file, i costi di sterilizzazione e il tempo del paziente e dell’operatore. Un secondo modo per migliorare la sostenibilità consisterebbe nel limitare l’esposizione e nel prendere in considerazione il trattamento della polpa vitale nei casi che presentano sintomi di pulpite. L’impiego, ove possibile, di tecniche minimamente invasive riduce i tempi di trattamento, i costi e l’uso degli strumenti e, di conseguenza, l’impatto ambientale. Infine, se le norme locali lo consentono e se è possibile garantire il rispetto delle norme in materia di infezione incrociata, gli strumenti dovrebbero essere riutilizzati.

Nota editoriale: Lo studio, intitolato «Environmental sustainability in endodontics. A life cycle assessment (LCA) of a root canal treatment procedure», è stata pubblicata il 1 dicembre 2020 su BMC Oral Health.

 

L’articolo è stato pubblicato su Roots international magazine of endodontics 1/21.

Endodonzia Sostenibilità

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *