Le organizzazioni mediche UK collaborano per la consapevolezza della sovraprescrizione antibiotica

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

I agree(Required)
This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Le statistiche indicano che i dentisti inglesi hanno prescritto il 17,6% in più di antibiotici nel 2020 rispetto al 2019 (Immagine: Fahroni/Shutterstock).
Brendan Day, Dental Tribune International

By Brendan Day, Dental Tribune International

Fri. 26. November 2021

save

LONDRA, Regno Unito: La resistenza agli antibiotici è una delle principali sfide che i professionisti del settore sanitario dovranno affrontare nei prossimi decenni, ma le sue cause e il suo significato rimangono relativamente sconosciuti. Per suscitare l’interesse dell’opinione pubblica su questo tema, diverse organizzazioni mediche con sede nel Regno Unito, guidate dalla British Dental Association (BDA), hanno unito le loro forze per sottolineare il messaggio che «gli antibiotici non curano il mal di denti». La campagna è stata lanciata in concomitanza con la Settimana mondiale di sensibilizzazione antimicrobica dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che si svolge ogni anno dal 18 al 24 novembre.

Secondo il recente aggiornamento del programma inglese di sorveglianza sull’utilizzo e la resistenza antimicrobica, i dentisti inglesi hanno prescritto nel 2020 il 17,6% di antibiotici in più rispetto al 2019. Ciò contrasta con il periodo 2016-2019, durante il quale si è registrata una diminuzione cumulativa del 18,4% delle prescrizioni di antibiotici per i pazienti odontoiatrici.

Questo aumento del numero di prescrizioni è particolarmente preoccupante perché, secondo la BDA, il numero di pazienti che hanno avuto accesso ai servizi odontoiatrici inglesi nel 2020 è stato meno della metà di quello registrato nel 2019 a causa della pandemia COVID-19. Inoltre, uno studio pubblicato nel 2020 sul British Dental Journal ha rilevato che, anche prima della pandemia, l’80% degli antibiotici prescritti dai dentisti nel Regno Unito e negli Stati Uniti risultavano non essere necessari e conformi alle linee guida generali.

La dottoressa Wendy Thompson, odontoiatra generica e capofila del College of General Dentistry (CGDent) per la prescrizione e la gestione di antimicrobici, ha scritto in un editoriale per il College come l’aumento della prescrizione di antibiotici negli ambienti odontoiatrici sia in gran parte il risultato delle restrizioni all’accesso alle visite personali.

«Il blocco del COVID-19 ha drasticamente ridotto l’accesso alle cure dentistiche urgenti in modo improvviso e quasi totale», ha osservato. «Per un po' di tempo, l’assistenza a distanza attraverso consigli, analgesici e antimicrobici (ove appropriato) è diventata la guida di emergenza per farci uscire da un buco in cui non c’erano sufficienti cure. Non sorprende che durante questo periodo, i tassi di prescrizione piuttosto che le procedure siano aumentati drammaticamente».

Nel suo articolo, la dott.ssa Thompson ha guidato i lettori verso il libro pubblicato dalla Faculty of General Dental Practice (UK) Antimicrobial Prescribing in Dentistry – dal titolo “Good Practice Guidelines”, la cui terza edizione è stata pubblicata alla fine del 2020.

I dentisti devono impegnarsi a ridurre l’uso di antibiotici

Come la ricerca ha dimostrato, una prescrizione attenta e giudiziosa di antibiotici può svolgere un ruolo fondamentale nel rallentare lo sviluppo della resistenza antimicrobica (AMR). Un rapporto del 2018 del Comitato per la Salute e l’Assistenza Sociale del governo britannico ha spiegato che, se non si interviene per affrontare questo urgente problema, entro il 2050 circa 10 milioni di persone moriranno ogni anno a causa della AMR.

Per combattere questa preoccupazione, il BDA, il CGDent e l’Association of Clinical Oral Microbiologists, così come numerose altre associazioni, hanno invitato i professionisti del settore odontoiatrico e pazienti a ricordare che «gli antibiotici non curano il mal di denti». Inoltre, essi hanno consigliato alle équipe odontoiatriche di seguire le migliori prassi e di prescrivere antibiotici solo come terapia aggiuntiva al trattamento clinico e solo quando raccomandato dalle linee guida nazionali.

 

Antibiotic Resistenza agli antibiotici

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *