Dental Tribune Italy

Indagine evidenzia l’impatto delle videochiamate sulla percezione del proprio sorriso

July 13, 2021

LONDRA, Regno Unito: Anche se durante la pandemia le videochiamate sono diventate parte del lavoro quotidiano di molti professionisti, la loro maggiore integrazione ha avuto alcune conseguenze indesiderate. Da una nuova indagine condotta congiuntamente dalla Oral Health Foundation (OHF) e Align Technology è emerso che più della metà (58%) degli adulti britannici ha cambiato il proprio modo di vedere il proprio sorriso grazie a queste tecnologie di videoconferenza.

L’indagine condotta su 2.009 persone ha rivelato che il 33% era più consapevole del colore dei propri denti, mentre il 24% era più consapevole dell’allineamento degli stessi. Complessivamente, l’11% degli intervistati ha dichiarato di sentirsi a disagio nel vedere il proprio sorriso durante una videoconferenza.

«Le interazioni fisiche sono state limitate negli ultimi 12 mesi, e per molti sono state sostituite da incontri online», ha dichiarato il Dr. Nigel Carter, OBE, Chief Executive dell’OHF, in un comunicato stampa.

«Questa tecnologia si è rivelata uno strumento inestimabile, sia che si tratti di facilitare incontri di lavoro o di permettere ai nonni di vedere per la prima volta i nipoti appena nati. Ci ha anche portato a vedere il nostro volto, e sorridere, molto più di quanto siamo abituati a fare», ha aggiunto.

«Il colore e la forma dei nostri denti sono le prime cose che tendiamo a notare e la sensazione di autocoscienza è abbastanza normale. Quello che dobbiamo ricordare, tuttavia, è che la parte più importante del sorriso è la sua salute», ha concluso Carter.

L’indagine ha inoltre rafforzato l’idea che l’obbligo di indossare maschere, sebbene efficace nel ridurre la diffusione della SARS-CoV-2, abbia avuto un effetto deleterio sulla capacità delle persone di stringere nuove relazioni e amicizie, con il 58% degli intervistati che ha confermato ciò.

Il boom di domande per i trattamenti ortodontici durante la pandemia

Un’indagine condotta all’inizio di quest’anno dalla British Orthodontic Society ha rilevato che l’84% degli ortodontisti aveva sperimentato un aumento dei pazienti adulti durante la pandemia. Questo dato alquanto sorprendente è dovuto, almeno in parte, all’“effetto Zoom”, e il 55% ha riferito che l’aumento delle aspettative dei pazienti e dei fattori sociali ha contribuito ad alimentare l’aumento della domanda.

L’aumento della popolarità dell’ortodonzia è sostenuto dalle cifre di vendita di Align Technology per il 2020, anno in cui l’azienda ha realizzato un record di 1,6 milioni di casi trattati con allineatori trasparenti producendo 2,1 miliardi di dollari (1,5 miliardi di sterline) di fatturato.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International