Dental Tribune Italy

Il dott. Miguel Stanley parla dell’importanza di praticare la “Slow Dentistry”

By Iveta Ramonaite
December 09, 2020

Molti professionisti del settore dentale equiparano il successo commerciale alla redditività. Purtroppo, questo può portare a volte ad affrettare gli appuntamenti odontoiatrici e a trattamenti di scarsa qualità. Nel suo webinar realizzato il 4 dicembre, il dottor Miguel Stanley, direttore clinico della White Clinic con sede a Lisbona in Portogallo e appassionato sostenitore delle cure dentali di alta qualità, ha illustrato come la Slow Dentistry dovrebbe essere un diritto umano fondamentale. Ha anche spiegato perché è più importante che mai seguire le migliori pratiche di disinfezione in una clinica odontoiatrica.

Cosa devono sapere i professionisti del settore odontoiatrico sulla Slow Dentistry e come è nato il concetto?

Viviamo in un mondo odontoiatrico in cui molte cose sono state accelerate attraverso la tecnologia, i software e i nuovi flussi di lavoro. I dentisti hanno goduto di un’industria in piena espansione nel corso degli anni, e coloro che hanno investito nei loro studi hanno beneficiato di tutti i nuovi sistemi per praticare l’odontoiatria. Tuttavia, l’odontoiatria è per lo più di proprietà o di gestione privata.

C’è una crescente consapevolezza all’interno della comunità odontoiatrica che molti di questi studi privati e gestiti da società si concentrano troppo sul profitto piuttosto che sull’eccellenza clinica. Comprendiamo perfettamente la necessità di vivere in modo equo attraverso il vostro mestiere, ma non può andare a scapito della sicurezza pubblica e dell’ignoranza. Ci sono vari modi per risparmiare denaro quando si gestisce uno studio dentistico. Tuttavia, poiché l’odontoiatria è un mercato estremamente competitivo, di solito viene praticata a spese di materiali o stipendi di qualità e della durata degli appuntamenti.

Inutile dire che gli stipendi variano da paese a paese, e controllare la qualità dei materiali è un compito impossibile. Tuttavia, noi di Slow Dentistry, crediamo che il tempo sia un vettore universale di eccellenza e che sia spesso trascurato e sottovalutato. C’è una crescente convinzione nelle cliniche di tutto il mondo che, per aumentare i profitti, bisogna cercare di inserire il maggior numero possibile di appuntamenti nell’agenda giornaliera. C’è anche la convinzione di un pubblico ignaro che una breve consultazione sia qualcosa di positivo, quando in realtà sappiamo che i dentisti non sono mai stati formati per lavorare velocemente; sono stati formati per fornire un servizio di qualità con lo scopo di raggiungere i migliori risultati.

L’intera filosofia alla base di Slow Dentistry è la comunicazione di quattro capisaldi fondamentali che non possono essere contestati da nessun dentista al mondo. Questi capisaldi non si basano su alcuna tecnologia e non richiedono un’istruzione speciale. Sono onnipresenti e globalmente accettati come veri. Quando vengono applicati, garantiscono che i pazienti saranno trattati in un riunito disinfettato, che riceveranno una spiegazione in termini di ciò che verrà loro fatto dal punto di vista medico, che la loro esperienza sarà indolore e che una diga dentale verrà utilizzata in tutte le procedure canalari e nella maggior parte dei lavori odontoiatrici restaurativi. Troviamo che questi siano diritti universali che devono essere sempre presenti durante una visita dal dentista.

Questo concetto è nato molti anni fa perché vedevo molti esempi di fallimenti odontoiatrici, per lo più canali radicolari mal eseguiti, e non riuscivo a capire perché così tanti odontoiatri facessero un lavoro così scadente. In seguito mi sono reso conto che ciò era dovuto soprattutto al tempo che il paziente passava sulla poltrona e non necessariamente al fatto che i dentisti non erano bravi nel loro lavoro; le cliniche erano semplicemente gestite in questo modo. Avendo circa 16 appuntamenti al giorno, i dentisti avevano poco tempo per risolvere tutti i problemi.

Gli studi dentistici che lavorano con compagnie assicurative o che firmano accordi sovvenzionati con organizzazioni finanziarie non vengono generalmente stimati in base alla qualità del loro lavoro o al tempo necessario per completare un intervento, ma in base alla tecnicità del loro lavoro. Ritengo che ciò sia inaccettabile per l’opinione pubblica.

L’obiettivo della Slow Dentistry è quello di migliorare gli standard di cura a livello globale attraverso la sensibilizzazione dell’opinione pubblica. La gente deve argomentare a favore di una maggiore qualità del tempo trascorso sulla poltrona. Comprendiamo che questo creerà costi più elevati per la pratica, ma questo è qualcosa che non è negoziabile. Questi capisaldi fondamentali devono essere accettati e implementati a livello globale. Tutti li imparano durante gli studi in odontoiatria, ma troppe persone li dimenticano quando gestiscono un’attività.

Perché, secondo lei, i dentisti dovrebbero praticare la Slow Dentistry?

A mio parere, e questo potrebbe sembrare un po’ aggressivo, gli studi odontoiatrici che non praticano lo Slow Dentistry non dovrebbero essere autorizzati a operare. È un diritto umano fondamentale di ogni paziente essere curato su una poltrona adeguatamente disinfettata secondo i protocolli di gold standard. Come puoi farlo se il tuo tempo di rientro è inferiore a 20 minuti? Ho avuto diverse conversazioni con molti dentisti nel Regno Unito, i quali mi hanno detto che nelle cliniche del National Health Service il tempo medio di risposta è di 15 minuti. Tenendo presente questo, come si potrebbe investire il tempo necessario per disinfettare la sedia tra un appuntamento e l’altro e fornire comunque un’assistenza di qualità, umana ed etica? Come si può accettare che la diga dentale non venga utilizzata in tutte le procedure del canale radicolare?

Questo paradigma deve cambiare. Tuttavia, il cambiamento non proverrà dall’industria in quanto incide direttamente sulla redditività. Ecco perché puntiamo su queste semplici e facilmente identificabili basi nei confronti del grande pubblico, sperando che esercitino pressioni sui loro dentisti.

Vi sfido a trovare uno specialista che dica che è impossibile praticare questi quattro semplici capisaldi. L’unico impedimento è il tempo alla poltrona, che non va tolto al paziente, ma che i dentisti devono investire nella cura del paziente.

La Slow Dentistry non dovrebbe essere necessaria, ma, purtroppo, l’intera industria non ha quasi nessuna regolamentazione. Non è riuscita a regolamentarsi e spetta quindi ai pazienti imporre tali regole. Tuttavia, al momento i pazienti non ha idea dei propri diritti durante un appuntamento. Secondo alcuni dei più importanti dentisti del mondo, queste quattro pietre miliari sono riconosciute a livello mondiale come profondamente importanti per stabilire fiducia, igiene e sicurezza durante una visita dentale. Solo le cliniche che desiderano risparmiare tempo per aumentare i profitti non praticherebbero in questo modo, e crediamo che il pubblico abbia il diritto di sapere quali cliniche sono.

Il 4 dicembre, ha realizzato il suo primo webinar sul DT Study Club su questo argomento. Cosa ha illustrato ai partecipanti nella sua presentazione?

Sono stato il rappresentante di tutti i nostri ambasciatori globali e dei clinici di tutto il mondo che condividono gli stessi valori per raggiungere l’eccellenza in odontoiatria. L’eccellenza non significa soltanto un lavoro di qualità, ma anche di elevata sicurezza. Questa pandemia ci ha insegnato che la sicurezza dei pazienti è una questione che non può essere negoziata. Siamo alla vigilia del 2021, e dobbiamo ancora sostenere che un paziente dovrebbe sempre ricevere una diga dentale per la cura del canale radicolare e per la maggior parte dei lavori di restauro, anche sapendolo da anni.

Durante il webinar, ho mostrato ai partecipanti l’intero processo per associarsi e ho spiegato come la Slow Dentistry sia passata a un’organizzazione no-profit gestita da una fondazione svizzera che mira a concentrarsi sul miglioramento dell’odontoiatria a livello globale. Spero di aver spiegato ai partecipanti che le loro sottoscrizioni annuali sarebbero, in realtà, donazioni che aiuteranno la fondazione a guadagnare capitale e contribuiranno a condividere i nostri valori con i pazienti di tutto il mondo. Più cliniche associate abbiamo, maggiore sarà il capitale finanziario che la fondazione avrà per svolgere il proprio lavoro e raggiungere un pubblico più ampio. Inoltre speriamo di poter coinvolgere anche i media tradizionali.

Ho avuto modo di introdurre anche il nuovo sito web che sarà lanciato nel 2021 con molte più funzionalità. Il sito è destinato alle cliniche e ai terapisti membri, nonché alle aziende che desiderano sostenere questo movimento. Abbiamo già ricevuto generose donazioni da aziende tecnologiche leader che desiderano sostenere la nostra causa.

Inoltre, ho illustrato alcuni nuovi badge che potranno essere sbloccati nel 2021, come il badge digitale e il badge per il proprietario di una piccola impresa. Ciascuno di questi badge si basa sui quattro capisaldi base e può essere acquistato dai nostri membri dopo aver soddisfatto determinati criteri. Ciò consentirà al grande pubblico di distinguere i medici e gli studi che fanno il possibile per mantenere uno studio odontoiatrico di alta qualità, ben gestito e sicuro.

 

Nota editoriale: Il webinar, dal titolo " Slow Dentistry", è stato realizzato in diretta venerdì 4 dicembre, alle ore 5.00 EST.

È possibile rivederlo cliccando QUI.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International