Dental Tribune Italy

Una nuova ricerca potrebbe accelerare l’odontoiatria rigenerativa

By Dental Tribune International
October 14, 2020

STOCCOLMA, Svezia: la comprensione dei tipi di cellule e dei meccanismi di crescita dentale è essenziale per la ricostruzione e la rigenerazione dei denti. Pertanto, i ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma hanno studiato la composizione cellulare nei topi e nei denti umani durante la fase di crescita e non, credono che i nuovi risultati potrebbero accelerare gli sviluppi nell’odontoiatria rigenerativa e nel trattamento della sensibilità dei denti.

Anche se i principali tipi di cellule dentali sono stati identificati da tempo, lo spettro di varie cellule dentali e staminali, la loro differenziazione e le interazioni che consentono la crescita dei denti rimangono ancora poco conosciuti. I denti si sviluppano attraverso un processo complesso in cui il tessuto molle, insieme al tessuto connettivo, i nervi e i vasi sanguigni, viene legato con tre diversi tipi di tessuto duro in una parte del corpo funzionale.

A differenza degli esseri umani, i cui denti sono completati prima dell’età adulta, i topi e molte altre specie hanno denti che continuano a crescere per tutta la vita. La popolazione di cellule staminali degli incisivi nei topi si autorinnova continuamente e ricostituisce il tessuto che si perde a causa dell’attività di rosicchiamento, rendendo questo caso interessante per gli studi sulla generazione di cellule staminali e sulla rigenerazione indotta dalle lesioni.

Mappatura delle popolazioni di cellule dentali
Utilizzando un metodo di sequenziamento dell’RNA a cellula singola e il tracciamento genetico, i ricercatori hanno esaminato le caratteristiche degli incisivi dei topi in crescita, li hanno confrontati con i molari dei topi non in crescita e hanno valutato la misura in cui il modello sui topi riflette la crescita dei denti umani. In questo modo, i ricercatori del Karolinska Institutet, in collaborazione con l’Università di Medicina di Vienna e l’Università di Harvard negli Stati Uniti, hanno identificato e caratterizzato tutte le popolazioni cellulari nei denti di topo, nei giovani denti umani in crescita e nei denti umani adulti.

«Dalle cellule staminali alle cellule adulte completamente differenziate siamo stati in grado di decifrare i percorsi di differenziazione degli odontoblasti, che danno origine alla dentina e agli ameloblasti che danno origine allo smalto» ha detto in un comunicato stampa l’autore senior dello studio, il dott. Igor Adameyko, ricercatore senior presso il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia presso il Karolinska Institute e il coautore il dott. Kaj Fried, professore senior presso il Dipartimento di Neuroscienze.

Secondo loro hanno anche scoperto nuovi tipi di cellule e strati cellulari che possono svolgere un ruolo sulla sensibilità dei denti. Inoltre, i risultati potrebbero spiegare aspetti complessi del sistema immunitario dei denti e aiutare a comprendere la formazione dello smalto dei denti. «Speriamo e crediamo che il nostro lavoro possa costituire la base di nuovi approcci all’odontoiatria di domani. In particolare, potrà accelerare il campo dell’odontoiatria rigenerativa» hanno aggiunto gli autori.

Lo studio, intitolato “Dental cell type atlas reveals stem and differentiated cell types in mouse and human teeth” è stato pubblicato online il 23 settembre 2020 su Nature Communications.

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 10, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International