La malattia parodontale aumenta il rischio di sviluppare malattie croniche, compresa la malattia mentale

Search Dental Tribune

La malattia parodontale aumenta il rischio di sviluppare malattie croniche, compresa la malattia mentale

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
In uno dei più grandi studi epidemiologici di questo tipo, i ricercatori britannici hanno scoperto che i pazienti con una storia documentata di malattia parodontale corrono un rischio maggiore di sviluppare ulteriori patologie (Immagine: Kasama Kanpittaya/Shutterstock).
Iveta Ramonaite, Dental Tribune International

By Iveta Ramonaite, Dental Tribune International

mer. 12 gennaio 2022

save

BIRMINGHAM, Regno Unito: In un recente studio, i ricercatori dell’Università di Birmingham hanno esaminato le cartelle di pazienti con una storia di malattia parodontale, tra cui gengivite e parodontite. Essi hanno riferito che la malattia parodontale è associata a malattie croniche come malattie cardiovascolari, cardiometaboliche, autoimmuni e mentali. Lo studio sottolinea l’importanza di applicare approcci preventivi per la gestione delle patologie parodontali e la necessità di migliorare la comunicazione tra personale medico e odontoiatrico al fine di ridurre al minimo il rischio di sviluppare malattie.

La ricerca è stata in parte finanziata dal Medical Research Council Versus Arthritis Centre for Musculoskeletal Ageing Research dell’Università di Birmingham e sostenuta dal National Institute for Health Research (NIHR) Birmingham Biomedical Research Centre.

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato i registri di 64.379 pazienti con anamnesi registrata di malattia parodontale, inclusi 60.995 pazienti affetti da gengivite e 3.384 pazienti affetti da parodontite. Le cartelle cliniche dei pazienti sono state quindi confrontate con quelle di 251.161 pazienti senza precedenti per patologia parodontale, al fine di stabilire quanti di essi con patologia parodontale e quanti senza continuino a sviluppare patologie cardiovascolari, disturbi cardiometabolici, patologie autoimmuni e mentali, tra cui depressione, ansia e gravi malattie mentali, in media nell’arco di tre anni.

Malattia parodontale e aumento della morbilità cronica
I risultati hanno fornito dati cruciali che hanno contribuito a confermare e rafforzare il legame tra la malattia parodontale e altre malattie croniche, in particolare la salute mentale.

Secondo i dati, i pazienti con una storia documentata di malattia parodontale all’inizio dello studio avevano una probabilità quasi doppia di sviluppare malattie mentali, pari al 37%. Inoltre, il 33% dei pazienti presentava un rischio maggiore di sviluppare patologie autoimmuni, il 18% in più di sviluppare patologie cardiovascolari e il 7% in più di avere un disturbo cardiometabolico. Tra i disturbi cardiometabolici, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 era molto più elevato (26%).

Commentando lo studio, il co-autore Dr Joht Singh Chandan, docente universitario NIHR di salute pubblica presso l’Istituto di Ricerca sulla Salute Applicata dell’Università di Birmingham, ha dichiarato in un comunicato stampa: «La cattiva salute orale è estremamente comune, sia qui nel Regno Unito che a livello globale». Ha aggiunto: «Quando la malattia orale progredisce, può portare a una qualità di vita sostanzialmente ridotta. Tuttavia, finora non si sa molto sull’associazione tra la cattiva salute orale e molte malattie croniche, in particolare i disturbi mentali».

Il dott. Chandan ha inoltre spiegato che la prevalenza della malattia parodontale è relativamente elevata e che il fatto che essa possa mettere le persone a maggior rischio di sviluppare altre malattie croniche può costituire un grave problema di salute pubblica.

Krish Nirantharakumar, autore senior dell’Istituto di Ricerca sulla Salute Applicata dell’Università, ha osservato che, alla luce dei risultati, vi è una forte necessità di costruire rapporti tra medici e odontoiatrici: «Un’implicazione importante delle nostre scoperte è la necessità di una comunicazione efficace tra i dentisti e gli altri operatori sanitari per assicurare ai pazienti un piano di trattamento efficace mirato sia alla salute orale che alla salute generale per ridurre il rischio di future malattie».

Lo studio è solo uno dei tanti ad associare la malattia parodontale ad altre patologie, e i risultati confermano l’importanza della prevenzione, dell’individuazione precoce e del trattamento della parodontite.

Malattia parodontale come fattore di rischio per l’artrite
Secondo il Global RA Network, oltre 350 milioni di persone soffrono di artrite a livello globale. Il National Health Service ha dichiarato che, nel Regno Unito, oltre dieci milioni di persone hanno l’artrite o una patologia simile che colpisce le articolazioni e che l’osteoartrite e l’artrite reumatoide sono i due tipi più comuni di artrite nel paese. Come accennato in precedenza nello studio, un terzo dei pazienti affetti da patologia parodontale è risultato essere più a rischio di sviluppare l’artrite, un risultato che sembra piuttosto allarmante per la Dott.ssa Caroline Aylott, responsabile della ricerca presso la Versus Arthritis.

«Alcune delle sfide più grandi dell’artrite, in particolare le patologie autoimmuni come l’artrite reumatoide (AR) che colpiscono 400.000 persone nel Regno Unito, consistono nel sapere chi è più a rischio di svilupparla e nel trovare il modo di prevenirla», ha commentato in un comunicato stampa.

Secondo la dott.ssa Aylott, studi precedenti hanno dimostrato che le persone affette da AR avevano quattro volte più probabilità di sviluppare la malattia parodontale rispetto alle persone prive di AR e che le manifestazioni della malattia erano spesso più gravi. Pertanto, ha consigliato agli operatori sanitari di esaminare attentamente i primi segni di malattia parodontale nei pazienti e di considerare l’adozione di un approccio olistico durante il loro trattamento.

Lo studio, intitolato «Burden of chronic diseases associated with parodontal disease: a backsptive coort study using UK primary care data», è stato pubblicato online il 19 dicembre 2021 su BMJ Open.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

advertisement
advertisement