Dental Tribune Italy

Intervista: “Nel campo delle risorse rinnovabili crediamo che Orsing sia all’avanguardia”

Image: DirectaDentalGroup
By Monique Mehler, Dental Tribune Internatio
May 05, 2021

Dal 1° ottobre 2020, l'azienda svedese Orsing ha smesso di produrre il classico aspirasaliva a chiocciola Hygoformic in polietilene (PE) e polipropilene (PP) per sostituirlo con il nuovo Hygoformic Bio in PE Verde venduto in confezioni in bioplastica compostabile e biodegradabile. In un'intervista con Dental Tribune International, Patrizia Mattiucci, Clinical Relations Manager presso la società madre della Orsing, DirectaDentalGroup, ci parla dei motivi dietro questo cambiamento, delle difficoltà di produzione affrontate e della provenienza delle materie prime. Ci spiega inoltre le attività poste in essere dalla Orsing per aiutare gli studi odontoiatrici a comunicare le loro scelte ambientali ai loro pazienti.

L’aspirasaliva Hygoformic e le cannule della Orsing sono ora realizzati in PE Verde derivato dalla canna da zucchero. Che tipo di materiale veniva usato prima e perché l'azienda ha attuato questo cambiamento?
L'Hygoformic originale era prodotto in una miscela di PE e PP, che è, di per sé, una plastica relativamente pulita nel senso che la sua combustione genera solo vapore innocuo, senza fumi pericolosi; tuttavia, deriva dal petrolio fossile. Abbiamo iniziato a studiare materiali con emissioni di gas serra ridotte. Abbiamo scoperto che la plastica di origine biologica, non biodegradabile, ha proprietà identiche alla plastica fossile, ma può essere molto più efficiente! Mentre sono necessari 0,25 l di petrolio per produrre una bottiglia d'acqua da 1,00 l, 1 ettaro di terra produce abbastanza canna da zucchero per ben 1,8 milioni aspirasaliva Hygoformic Bio. Non c'è davvero paragone. Sostituendo PE/PP nella sola produzione di Hygoformic diminuiremo la nostra produzione di anidride carbonica nell'atmosfera di 385 tonnellate all'anno. Piuttosto sorprendente per un solo prodotto!

Immagine: DirectaDentalGroup

Quali sono state le maggiori sfide nel passare al Green PE per l'intera linea di produzione?
Le sfide sono state molteplici e sono stati necessari alcuni anni di ricerche approfondite per arrivarci. Avevamo bisogno di un materiale che si comportasse come il PE/PP, sia durante la produzione che durante l'uso. Era necessario un materiale sicuro e di alta qualità che non si deteriorasse rapidamente, quindi i materiali biodegradabili erano una buona scelta per l'imballaggio ma non per il prodotto vero e proprio. Gli aspirasaliva usati sono da considerare rifiuti contaminati, pertanto l'unico riciclo sensato è la combustione in impianti energetici (dove disponibili) per creare nuova energia. Un'altra sfida è che la materia prima è naturalmente più costosa: quanto siamo disposti a spendere di più come consumatori per un prodotto più verde? Passare l'intera linea di produzione dei nostri aspirasaliva più venduti al PE Verde è stata una scelta audace, ma un passo necessario per offrire ai nostri clienti prodotti sostenibili a un prezzo sostenibile. La reazione positiva del mercato dimostra che era la cosa giusta da fare.

Il vostro PE è fatto di canna da zucchero coltivata in Brasile. Come influisce la produzione di etanolo da canna da zucchero sulla foresta pluviale?
L'origine del materiale è una questione delicata; bisogna davvero scegliere bene il proprio fornitore. Innanzitutto, le piantagioni si trovano nel centro-sud e nel nord-est del Brasile, a 2.000 km dalla regione amazzonica, e attualmente occupano solo l'1,5% della terra arabile brasiliana. L'espansione delle aree utilizzate per piantare la canna da zucchero è regolata dalla Sugarcane Agroecological Zoning, un quadro normativo federale che vieta di piantare in aree ad alta biodiversità. L'etanolo è acquistato da diversi fornitori selezionati secondo un codice di condotta per i fornitori di etanolo. Il codice di condotta copre aspetti legati al rispetto della legge brasiliana sul lavoro e al rispetto della biodiversità. Hygovac Bio e Hygoformic Bio sono prodotti con materiale proveniente da fornitori che aderiscono rigorosamente a questo codice di condotta.

A differenza del polietilene convenzionale, che utilizza materie prime fossili come il petrolio e il gas naturale, la canna da zucchero è una risorsa completamente rinnovabile e, pertanto, contribuisce a ridurre il livello di anidride carbonica nell'atmosfera. (Immagine: DirectaDentalGroup)

Anche se è molto importante minimizzare il più possibile il livello di anidride carbonica nell'atmosfera scegliendo opzioni di materiali più sostenibili, ciò non riduce la quantità di rifiuti che gli articoli monouso producono in generale. Ogni giorno lo studio dentale medio usa e getta centinaia di materiali di consumo essenziali come gli aspirasaliva. Ci sono piani per sviluppare prodotti autoclavabili/riutilizzabili nel prossimo futuro?
Gli aspirasaliva e le cannule di aspirazione autoclavabili sono già ampiamente disponibili. Alcuni dei nostri materiali di consumo sono autoclavabili prima dell'uso, ma comunque monouso. Esistono anche prodotti che commercializzati come sterilizzabili in autoclave più volte; purtroppo, non crediamo negli aspirasaliva riutilizzabili per motivi di controllo delle infezioni. Inoltre non crediamo che sia più ecologico lavare e riutilizzare gli aspirasaliva, specialmente quando l'aspirasaliva è fatto di materiale privo di risorse fossili. Quello che vorremmo vedere è una maggiore combustione nelle centrali termiche che riciclano i rifiuti dentali pericolosi per creare elettricità.

A proposito di prassi rispettose dell'ambiente, come si valuta Orsing rispetto alle altre aziende del settore?
Nella sostituzione delle materie prime di origine fossile con risorse rinnovabili crediamo che Orsing sia all'avanguardia. La linea senza risorse fossili è in rapida espansione e comprende diversi modelli di cannule di aspirazione e bicchieri per il paziente. La gamma di prodotti confezionati in bioplastica compostabile e biodegradabile si amplia continuamente, e tutti gli articoli fabbricati dalla Orsing vengono spediti in scatole di cartone certificate dal Forest Stewardship Council. Il trasporto avviene prevalentemente via mare e via terra. Aiutiamo inoltre gli studi odontoiatrici a comunicare le loro scelte ambientali ai loro pazienti. Tutti gli studi che acquistano prodotti ecologici della Orsing ricevono su richiesta il “Certificato Studio Ecocompatibili" da esporre nello studio e possono richiedere di essere elencate sul sito web della Orsing.

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International