Dental Tribune Italy

In che modo il team odontoiatrico può aiutare a ridurre l’ansia del paziente?

By Brendan Day, Dental Tribune International
April 02, 2021

GOTHENBURG, Svezia: sebbene le sue cause possano essere poco chiare e multiformi, gli effetti dell’ansia dentale nei pazienti sono ben compresi. Man mano che aumenta, i pazienti possono evitare appuntamenti e cure dentistiche, trascurando la loro salute orale. In Svezia, uno studio condotto presso l’Università di Göteborg, per una tesi di dottorato, ha rilevato che i livelli di ansia dentale nella nazione sono diminuiti in modo significativo negli ultimi decenni, evidenziando i benefici determinati da un approccio preventivo alla salute orale.

La dott.ssa Lisa Svensson ha condotto uno studio nazionale su adulti svedesi selezionati casualmente e ha scoperto che i livelli di ansia dentale erano diminuiti notevolmente dagli anni ‘60. (Immagine: University of Gothenburg).

Lo studio a livello nazionale su 3.500 adulti selezionati casualmente dalla popolazione svedese è stato condotto dalla dott.ssa Lisa Svensson, un dentista del servizio dentistico pubblico svedese, come parte della sua ricerca per un dottorato in scienze odontoiatriche presso l’Università di Göteborg. Degli intervistati, il 4,7% ha riferito di avere una grave ansia dentale, il 4,5% ha affermato che era a un livello moderato e il 9,8% ha classificato il proprio livello di ansia dentale come basso. Il restante 80,9% non ha riportato ansia dentale, una cifra sorprendente se confrontata con uno studio simile condotto nel 1962 che ha rilevato che questa cifra era solo del 38,5% per la popolazione adulta svedese.

Secondo Svensson, non esiste un’unica risposta chiara sul motivo per cui i livelli di ansia dentale sono diminuiti nel paese nordico. «Si può ipotizzare che i progressi tecnici e una maggiore attenzione ai valori soggettivi si siano sviluppati in odontoiatria negli ultimi decenni, così come una maggiore attenzione alla cura preventiva», ha detto Svensson a DTI.

«Una grande percentuale della popolazione vede i dentisti anche in tenera età: in Svezia, questo avviene già all’età di 3 anni, quando i problemi di salute orale sono generalmente rari. La popolazione odierna ha anche una salute orale migliore rispetto alla popolazione di 50 anni fa, il che si traduce in un trattamento dentale meno invasivo, e una parte significativa della popolazione esegue cure odontoiatriche per anni prima che sia necessario il trattamento, il che può prevenire l’ansia dentale».

 Controllare i fattori scatenanti dell’ansia dentale

Nel suo studio, Svensson ha scoperto che il dolore e la mancanza di controllo erano gli stimoli più temuti riportati da individui con grave ansia dentale. Data la relativa facilità con cui i dentisti possono spesso controllare questi fattori scatenanti, spetta alla professione impegnarsi in misure preventive e trattamenti per ridurre l’ansia dei pazienti, ha osservato Svensson.

«Sii generoso con gli anestetici locali e gli analgesici generali, se necessario, e dai ai pazienti la possibilità di interrompere la procedura dentale se ne sentono la necessità», ha detto a DTI.

«Informare i pazienti sulla procedura, cosa faremo, perché e quando, anche durante la procedura, darà anche ai pazienti un senso di controllo».

Mentre Svensson ha ammesso che i pazienti adulti con grave ansia dentale «possono essere indirizzati a cliniche specializzate» per il trattamento psicologico comportamentale, i dentisti devono comunque essere in grado di gestire questi pazienti, poiché «da un punto di vista clinico, le persone con grave ansia dentale frequentano comunemente cliniche dentali non specializzare nel trattamento dell’ansia». «I dentisti incontrano e trattano questi pazienti su base giornaliera, e quindi devono essere attenti al fine di identificare i pazienti con elevata ansia dentale», ha detto.

Per quanto riguarda l’impatto del COVID-19 sull’ansia dentale, Svensson ha indicato che è potenzialmente ancora un po’ troppo presto per determinarlo. «Lo sviluppo dell’ansia dentale è un processo lungo, ma le persone con ansia dentale spesso evitano le cure dentistiche e la pandemia da COVID-19 è una buona scusa per non frequentare le cure dentistiche e quindi ritardare i trattamenti dentali necessari», ha concluso.

La tesi di dottorato, intitolata "Dental Anxiety: Prevalence, Measurements and Consequences", è stata pubblicata nel novembre 2020 dalla Sahlgrenska Academy presso l’Università di Göteborg.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International