Dental Tribune Italy

Inserimento di un impianto dentale sotto autoipnosi: «È stato facile spegnere il dolore»

By Franziska Beier, Dental Tribune International
October 04, 2021

LEIPZIG, Germania: Sdraiato fisicamente nello studio di un dentista, ma mentalmente a piedi nudi in un fiume di montagna: ecco come un paziente ha ricevuto un impianto dentale sotto autoipnosi senza anestesia. Il paziente, che si è sottoposto per la prima volta a un intervento di questo tipo in queste condizioni, è rimasto molto soddisfatto del risultato e ha riferito di non aver avvertito alcun dolore durante l’intervento.

Tutto è iniziato quando il paziente, Tomas Schröck, ipnoterapista con un proprio studio a Lipsia, ha chiesto al suo dentista, il dottor Nico Lindemann, co-proprietario dello studio dentistico Dr. Lindemann, Kurtz-Hoffmann e colleghi a Lipsia se fosse disposto a sostenerlo in un esperimento: un intervento chirurgico di implantologia eseguito sotto autoipnosi, senza analgesici o anestesia.

«Anche se avevo già avuto a che fare con l’ipnosi, visto il desiderio di autoipnosi del paziente, avrei dovuto lasciare la responsabilità dell’eliminazione del dolore esclusivamente a lui. Da un lato ero ottimista sul fatto che avrebbe funzionato. D’altra parte, mi chiedevo se potevo fidarmi abbastanza di lui da poter eseguire l’intervento come previsto», ha detto Lindemann a Dental Tribune International.

Quando gli è stato chiesto quale fosse la sua motivazione nei confronti di questo auto-esperimento, Schröck ha risposto che voleva innanzitutto sensibilizzare l’opinione pubblica sull’ipnosi e dimostrare cosa si può ottenere. Soprattutto per i pazienti che hanno paura delle cure odontoiatriche o con intolleranze ai farmaci, l’autoipnosi può essere un utile strumento di trattamento senza paura o dolore. Era anche curioso e voleva provare su se stesso ciò che insegnava ai suoi pazienti da anni.

«Durante l’auto-ipnosi, si assume sia il ruolo di ipnotizzatore che quello di ipnotizzato e ci si dà stimoli corrispondenti. A prima vista, ciò può sembrare contraddittorio. Tuttavia, una volta capito come funziona l’ipnosi, diventa più chiaro», ha spiegato Schröck. Si presume che tutti sperimentino stati di trance diverse volte al giorno, spesso senza rendersene conto. Schröck ha fatto l’esempio dei monotoni viaggi in auto, durante i quali la mente si rifugia nei pensieri quotidiani e il viaggio passa velocemente. Lo stesso vale per gli hobby, dove il tempo vola. Questi momenti, nei quali molto avviene automaticamente attraverso il subconscio, sono trance quotidiane. Questa capacità può essere utilizzata per l’auto-ipnosi. I ricordi o le immagini selezionate individualmente vengono addestrati fino a che non funzionino in gran parte automaticamente e necessitano di solo pochi stimoli da parte della coscienza.

Per l’intervento Schröck utilizzò il ricordo di aver camminato a piedi nudi in un lago di montagna ghiacciato. «Ho scelto questo ricordo per due motivi. I piedi sono fisicamente più lontani dalla bocca e quindi dal sito dell’intervento, e a questo ricordo associo una forte sensazione di euforia. Euforia e paura o dolore negativo tendono a escludersi a vicenda nel mio mondo», ha spiegato.

Ha proseguito: «L’arte dell’auto-ipnosi consiste nell’auto-regolarsi coscientemente a un livello per avere esperienze inconsce a un altro. Significa che non sei spento o completamente passivo nell’autoipnosi. Non appena sono diventato troppo consapevole di ciò che stava accadendo nella mia bocca, ho rivolto la mia attenzione nuovamente al torrente di montagna». Durante l’intervento Schröck ha avvertito solo un forte calo del dolore.

Tenere d’occhio il sanguinamento e i segnali della mano
«Il team era leggermente nervoso prima dell’operazione», ha detto Lindemann. Tutte le eventualità relative all’intervento – ad esempio, cosa accadrebbe se il paziente avesse sofferto un forte dolore – sono state prese in considerazione dall’equipe odontoiatrica, cosicché il nervosismo si è rapidamente dissipato una volta iniziato l’intervento. Quando gli è stato chiesto in che misura il team ha sostenuto il paziente durante l’intervento, Lindemann ha risposto: «Abbiamo creato un ambiente molto calmo e rilassato. Inoltre, ci siamo accordati sui segnali che il paziente avrebbe dovuto darci nel caso in cui avesse provato dolore o avesse avuto bisogno di una pausa per rientrare in uno stato di ipnosi sufficientemente profondo».

Durante il posizionamento di un singolo impianto con lieve aumento osseo nella mandibola con successiva chiusura della sutura, l’équipe odontoiatrica ha dovuto prestare particolare attenzione al comportamento emorragico, che si differenzia da quello della vasocostrizione.

Una questione di fiducia
Anche se l’ipnoterapista era convinto che il suo esperimento avrebbe avuto successo, nutriva alcuni dubbi. Nella fase preparatoria, si chiedeva se sarebbe davvero riuscito a concentrarsi per tutta la durata dell’intervento. «Sono molto soddisfatto del risultato. Col senno di poi, sono rimasto anche un po' sorpreso dalla velocità con cui è andato tutto bene e dalla facilità con cui è stato possibile alleviare il dolore», spiega Schröck.

Non è riuscito solo a controllare l’emorragia a un livello inferiore a quello che ci si aspetterebbe senza anestesia. «Ci sono abbastanza studi e casi didattici in cui cose simili sono state provate. Purtroppo, nella foga del momento, ho dimenticato di concentrarmi anche su questo». Tuttavia, egli prevede di lavorare su questo aspetto nella successiva operazione, durante la quale la vite di copertura verrà rimossa.

Secondo Lindemann, la fiducia reciproca tra il paziente e il team ha permesso di concentrarsi completamente sull’intervento. Ha concluso: «Sono grato alla mia grande squadra e per la fiducia che il nostro paziente ha riposto in me».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International