Intervista al Dr. Richard Price: L’importanza di una lampada fotopolimerizzante di elevata qualità

Search Dental Tribune

Il Dr. Price è protesista e direttore del dipartimento di odontoiatria digitale presso la Dalhousie University di Halifax in Canada. (Image: Richard Price)
Ivoclar Vivadent

By Ivoclar Vivadent

mar. 4 gennaio 2022

save

Le nuove lampade Bluephase PowerCure e Bluephase G4 di Ivoclar Vivadent offrono più di quanto la maggior parte degli odontoiatri si aspetti da una lampada fotopolimerizzante ad elevate prestazioni. Oltre ai brevi tempi di polimerizzazione, a partire da soli 3 secondi di Bluephase PowerCure quando utilizzata con Tetric PowerFill o Tetric PowerFlow, queste due lampade supportano gli odontoiatri offrendo prestazioni di polimerizzazione affidabili grazie alla tecnologia Polyvision integrata, che funge da assistente personale nella fotopolimerizzazione. Come sottolineato dal Dr. Richard Price, professore di prostodonzia alla Dalhousie University Halifax di Nova Scotia in Canada ed esperto in polimerizzazione intraorale, l’ampio spettro di irraggiamento delle lampade fotopolimerizzanti della linea Bluephase attiva la polimerizzazione di tutte le resine dentali conosciute. 

Dr. Price, lei è stato determinante nella ricerca sulle tecnologie fotopolimerizzanti. Potrebbe esporci la sua opinione sulla polimerizzazione insufficiente ed i relativi potenziali effetti sull'esito clinico?
Ringrazio dell’opportunità di parlare della polimerizzazione insufficiente delle resine dentali. Il problema, a mio avviso, è che alla maggior parte degli odontoiatri non è mai stata evidenziata l'importanza di un'adeguata fotopolimerizzazione o cosa cercare in una buona lampada fotopolimerizzante. Anche la lampada più economica e la tecnica più scarsa produrranno un restauro in resina duro al tatto. Il problema è che l’odontoiatra non è in grado di determinare se la base o l'interno del restauro siano stati adeguatamente polimerizzati. Un restauro non sufficientemente polimerizzato è più debole e più soggetto a fratture, la forza di adesione al dente naturale è ridotta o addirittura inesistente, si verifica una sensibilità post-operatoria, la stabilità del colore della resina è compromessa e dalla resina parzialmente polimerizzata vengono rilasciate diverse sostanze chimiche nel corpo. Queste sono tutte conseguenze assolutamente indesiderabili di una fotopolimerizzazione inadeguata e nessuna di esse dovrebbe verificarsi. 

Bluephase PowerCure. (Image: Ivoclar Vivadent)

Quali sono le caratteristiche fondamentali delle lampade fotopolimerizzanti che gli odontoiatri dovrebbero considerare?
Le lampade fotopolimerizzanti sono definite come dispositivi medici e sui pazienti devono essere utilizzati solo dispositivi medici approvati. Se consideriamo le lampade fotopolimerizzanti di Ivoclar Vivadent, non solo sono dispositivi medici omologati, ma sono anche funzionali, ergonomici, affidabili e accuratamente testati secondo gli standard internazionali. Inoltre, l'ampio spettro di irraggiamento delle lampade Bluephase implica la capacità di polimerizzazione di tutte le resine dentali ed i bonding conosciuti. 

Quali sono le caratteristiche fondamentali di Bluephase PowerCure che gli odontoiatri troveranno utili?
Oltre alla nuova tecnologia Polyvision, l'elevata potenza e l'irraggiamento della lampada sono in grado di polimerizzare i restauri diretti e indiretti. A seconda dello spessore del restauro indiretto, la lampada può fotopolimerizzare il cemento in resina utilizzato per legare la maggior parte dei restauri indiretti al dente naturale. Personalmente, preferisco usare le impostazioni di potenze elevate per fotopolimerizzare la resina nei restauri indiretti e le impostazioni di potenze standard nei restauri diretti. 

La tecnologia brevettata Polyvision è stata descritta come sistema di assistenza alla polimerizzazione. Come funziona?
La tecnologia Polyvision dovrebbe aiutare gli odontoiatri ad ottenere risultati di polimerizzazione affidabili, rilevando automaticamente il movimento involontario di allontanamento dal dente del puntale della lampada. Quando rileva un movimento, la lampada avvisa l'operatore tramite una vibrazione o un segnale acustico e aumenta o interrompe automaticamente il ciclo di polimerizzazione. 

«Quando rileva un movimento, la lampada avvisa l'operatore tramite una vibrazione o un segnale acustico e aumenta o interrompe automaticamente il ciclo di polimerizzazione»

Gli odontoiatri dovrebbero misurare regolarmente l'emissione di luce dalle loro lampade fotopolimerizzanti? è utile un radiometro integrato?
I produttori spesso affermano che le loro lampade possiedono un elevato irraggiamento. Questo può essere vero, ma la potenza potrebbe essere piuttosto bassa. Come può essere? Penso che il modo in cui sono scritti gli standard internazionali sia la causa di un problema significativo nella descrizione delle lampade. Questi standard richiedono che il produttore misuri la potenza totale della lampada e poi divida questa potenza per l'area del puntale della lampada. Ciò significa che per fornire lo stesso irraggiamento, una lampada con un puntale di 7 mm di diametro deve produrre solo la metà della potenza di una lampada con un puntale di 10 mm di diametro (l'area di un puntale di 7 mm di diametro è la metà di quella di un puntale di 10 mm).  Inoltre, questo metodo fornisce un singolo valore di irraggiamento, che è un valore medio attraverso il puntale; tuttavia, ci sono spesso punti caldi di elevato irraggiamento ed aree in cui l'irraggiamento è piuttosto basso attraverso il puntale della lampada. Questo lo vedo sempre accadere nelle lampade economiche. 

Al contrario, l'attuale gamma di lampade Bluephase offre un irraggiamento eccezionalmente uniforme. Alcuni modelli di lampade Bluephase includono anche un radiometro nella base di ricarica e un tester integrato, rendendo facile testare la lampada ogni giorno. So che ad alcuni potrebbe sembrare inutile, ma se provi la tua lampada solo una volta alla settimana o una volta al mese, cosa farai quando la lampada non supererà il test? Perché ad un certo punto questo accadrà. Richiamerai i pazienti e rifarai tutti i restauri che hai realizzato dall'ultimo test positivo? 

Dr. Richard Price. (Image: Ivoclar Vivadent)

Può consigliare agli odontoiatri la corretta tecnica di fotopolimerizzazione?
Durante la fotopolimerizzazione, consiglio i seguenti passaggi: 

  1. Per prima cosa, leggere le istruzioni d'uso della lampada fotopolimerizzante e della resina che stai utilizzando. Ad esempio, il tempo di esposizione di 3 secondi di Bluephase PowerCure deve essere utilizzato solo con le resine Tetric PowerFill e Tetric PowerFlow di Ivoclar Vivadent. La modalità di esposizione 3s non si applica a tutte le resine.  
  2. Identificare cosa si vuole polimerizzare. So che sembra ovvio, ma ho visto spesso l'assistente tenere la lampada fotopolimerizzante sul dente sbagliato, almeno per una parte del tempo di esposizione. 
  3. Posizionare il puntale della lampada perpendicolarmente e direttamente sopra il restauro, non ad angolo. La luce viaggia in linea retta: non compensa magicamente eventuali errori di angolazione del puntale della luce. 
  4. Per un restauro diretto, iniziare a fotopolimerizzare a pochi millimetri dalla superficie per non appiattire la bellezza anatomica. Poi, poiché la superficie sarà indurita dopo appena 1 secondo, avvicinare il più possibile il puntale della lampada al restauro e tenerlo sopra. Se necessario, utilizzare due mani per mantenere il puntale della lampada sul restauro. 
  5. Mentre si esegue il lavoro, indossare occhiali protettivi arancioni o una visiera e mantenere il puntale della lampada sul restauro. 
  6. Seguire le istruzioni del produttore della resina e fotopolimerizzare per il tempo di irraggiamento consigliato. 

Ha altri suggerimenti utili da dare agli odontoiatri durante l’esecuzione della fotopolimerizzazione?
Per le situazioni di Classe II, polimerizzo anche le aree buccali e linguali dopo la rimozione della matrice.  

Uso la stessa tecnica per i restauri indiretti, ma di solito uso prima il puntale orientato verso le eccedenze del cemento per poi eliminarle, successivamente fotopolimerizzo in modo definitivo con il puntale a contatto con il restauro indiretto. 

Disinfetto la lampada utilizzando il disinfettante consigliato dal produttore. Alcuni disinfettanti possono danneggiare la lampada. 

Controllo che l'estremità del puntale della lampada fotopolimerizzante sia pulita e non presenti scheggiature, crepe o resina polimerizzata. L'uso di una guaina protettiva sopra la lampada aiuta a prevenire le infezioni ed impedisce alle resine di incollarsi alla lampada. Tuttavia, per il funzionamento ottimizzato della tecnologia Polyvision, è necessario prestare particolare attenzione quando è presente la guaina protettiva sul puntale luminoso delle lampade Bluephase PowerCure e G4. In questi casi, l'opzione migliore è usare due mani e tenere il puntale della lampada sul restauro, osservando che cosa si sta facendo con quel puntale. 

Nota editoriale: Il Dr. Price è un protesista e direttore di odontoiatria digitale presso la Dalhousie University di Halifax in Canada. Ha ricevuto il suo BDS dall'Università di Londra in Inghilterra nel 1979 e il suo DDS dalla Facoltà di Odontoiatria di Dalhousie nel 1988. Ha completato la sua formazione specialistica presso l'Università del Michigan nel 1984 ed il dottorato in Tecnologia Orale e Materiali Dentali presso l'Università di Malmö in Svezia nel 2001. È attivamente coinvolto nell'insegnamento della fotopolimerizzazione e nella ricerca sulle resine dentali ed è autore di oltre 190 articoli sottoposti a revisione dei colleghi e co-autore del capitolo sulla fotopolimerizzazione nella settima edizione del libro di testo di Sturdevant, Arte e Scienza dell'Odontoiatria Operativa. 

Il Dr. Price organizza simposi sulla fotopolimerizzazione in odontoiatria. Le linee guida indicate in questi simposi supportano gli odontoiatri a fornire i migliori restauri dentali ai loro pazienti e sono state pubblicate in inglese, francese, tedesco, spagnolo e portoghese. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

advertisement