Dental Tribune Italy
La vitamina D ha un ruolo ben consolidato nella salute delle ossa, tra gli altri, e ora nuove ricerche suggeriscono che può anche aiutare a prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 e alleviare i sintomi di COVID-19 (Immagine: Grisha Bruev/Shutterstock).

Vitamina D e Covid-19: esiste una correlazione?

By Iveta Ramonaite, Dental Tribune International
October 28, 2020

LEIPZIG, Germania. La vitamina D, detta anche vitamina del sole, è sempre più difficile da ottenere dalla sola esposizione al sole. L’aumento del numero di persone che oggi lavorano negli uffici ha drasticamente ridotto l’accesso alla luce diretta del sole. Le severe misure di confinamento adottate in tutto il mondo per rallentare la diffusione della SARS-CoV-2 non possono che aver peggiorato questa situazione.

La carenza di vitamina D è stata associata al fallimento dell’impianto dentale e a complicanze. Inoltre, l’aumento delle prove suggerisce che livelli inadeguati di vitamina D nel sangue potrebbero giocare un ruolo importante nella suscettibilità e negli esiti della SARS-CoV-2.

La vitamina D supporta il sistema immunitario ed è fondamentale per lo sviluppo di ossa e muscoli sani e per il rafforzamento dello smalto dei denti. Eppure, secondo un articolo pubblicato all’inizio di quest’anno dal National Center for Biotechnology Information, circa un miliardo di persone in tutto il mondo soffre di carenza di vitamina D e il 50% della popolazione mondiale soffre di insufficienza di vitamina D.

Un recente articolo pubblicato dal Dental Tribune International (DTI) ha riportato studi precedenti che hanno evidenziato l’impatto della carenza di vitamina D sull’osteointegrazione e il fallimento degli impianti a carico immediato. Inoltre, una dieta ottimale ricca di vitamina D è stata associata alla riduzione della gengivite e DTI ha precedentemente riportato uno studio che ha dimostrato che l’integrazione di vitamina D durante la gravidanza ha migliorato la salute orale della prole durante l’infanzia.

Il ruolo della carenza di vitamina D nell’infezione da SARS-CoV-2
La vitamina D ha dimostrato di avere un impatto benefico nella prevenzione delle infezioni da malattie batteriche e virali. In un recente studio condotto dall’University Hospitals Birmingham NHS Foundation Trust nel Regno Unito, i ricercatori hanno analizzato campioni di sangue di 392 operatori sanitari reclutati nel maggio 2020, testando la presenza di anticorpi SARS-CoV-2 e stabilendo la concentrazione di vitamina D nel loro sangue.

Hanno scoperto che il 15,6% dei partecipanti infettati con SARS-CoV-2 erano carenti di vitamina D. Inoltre, coloro che erano carenti di vitamina D tendevano a segnalare dolori al corpo e febbre, ma non i sintomi respiratori associati con COVID-19, come l’affanno o tosse continua. I ricercatori hanno notato che la maggior parte dei lavoratori con un basso livello di vitamina D proveniva da neri, asiatici e minoranze etniche o giovani medici. I livelli di vitamina D erano più bassi nei partecipanti più giovani e nei partecipanti maschi, così come in quelli con un alto indice di massa corporea.

I risultati hanno anche suggerito un aumento nello sviluppo di anticorpi rilevabili della SARS-CoV-2 nel 72% degli operatori sanitari con carenza di vitamina D rispetto al 51% senza carenza. Dati questi risultati, i ricercatori hanno concluso che livelli più bassi di vitamina D nei partecipanti avrebbero potuto aumentare la loro suscettibilità al virus.

«Il nostro studio ha dimostrato che c’è un aumento del rischio di infezione da Covid-19 negli operatori sanitari che sono carenti di vitamina D», ha detto in un comunicato stampa il coautore, il dott. David Thickett, professore di medicina respiratoria presso l’Institute of Inflammation And Ageing dell’Università di Birmingham nel Regno Unito.

«I nostri dati si aggiungono alle prove emergenti da studi condotti nel Regno Unito e in tutto il mondo che mostrano come gli individui colpiti da una forma acuta di Covid-19 sono più carenti di vitamina D rispetto a quelli colpiti da una forma lieve. Infine, i nostri risultati, combinati con le prove esistenti, dimostrano ulteriormente i potenziali benefici dell’integrazione di vitamina D in individui a rischio di carenza di vitamina D o che hanno dimostrato di essere carenti, come modo per alleviare potenzialmente l’impatto di Covid-19», ha aggiunto.

Uno studio simile condotto presso l’Università di Medicina di Chicago negli Stati Uniti ha esaminato 489 pazienti, i cui livelli di vitamina D sono stati misurati entro un anno prima di essere testati per la SARS-CoV-2. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti che avevano una carenza di vitamina D non trattata, cioè meno di 20 ng/ml di vitamina D nel sangue, avevano quasi il doppio delle probabilità di risultare positivi alla SARS-CoV-2 rispetto ai pazienti che non soffrivano di carenza di vitamina D.

«La vitamina D è importante per la funzione del sistema immunitario e gli integratori di vitamina D hanno dimostrato in precedenza di abbassare il rischio di infezioni virali delle vie respiratorie», ha commentato in un comunicato stampa l’autore principale Dr David Meltzer, Fanny L. Pritzker professore di medicina presso l’Università di Medicina di Chicago. «La nostra analisi statistica suggerisce che questo può essere vero per l’infezione da Covid-19».

«Comprendere se il trattamento per la carenza di vitamina D cambi il rischio di contagio da Covid-19 potrebbe essere di grande importanza a livello locale, nazionale e globale», ha detto e ha aggiunto che la vitamina D è efficiente in termini di costi e generalmente considerata sicura da assumere.

L’assunzione di integratori di vitamina D è necessaria?
Esperto in farmaceutica per anziani, il dottor William Simonson del College of Pharmacy dell’Oregon State University di Corvallis, negli Stati Uniti, ha osservato in un recente articolo che, essendo la SARS-CoV-2 un nuovo virus, il legame tra la vitamina D e la prevenzione dalla SARS-CoV-2 è ancora altamente speculativo, come nel caso di altri trattamenti. Tuttavia, egli ritiene che ci sia «un valido ragionamento dietro questa speculazione».

Organismi come il Comitato Consultivo Scientifico sulla Nutrizione del Regno Unito, il National Institute for Health and Care Excellence e la Royal Society hanno recentemente pubblicato rapporti in cui si consiglia di aderire alla corrente raccomandazione di assunzione giornaliera di vitamina D per la salute generale e come possibile precauzione contro il virus. Per mantenere il livello ottimale di vitamina D nel sangue, il Servizio Sanitario Nazionale consiglia di assumere un supplemento di 10 µg di vitamina al giorno.

Lo studio britannico, intitolato “Vitamin D status and seroconversion for COVID-19 in UK healthcare workers who isolated for COVID-19 like symptoms during the 2020 pandemic”, è stato pubblicato online il 6 ottobre 2020 su medRxiv.

Lo studio statunitense, intitolato “Association of vitamin D status and other clinical characteristics with COVID-19 test results”, è stato pubblicato online il 3 settembre 2020 su JAMA Network Open.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 11, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International