Dental Tribune Italy
I professionisti del settore dentale sono molto stressati nel loro lavoro quotidiano. Durante una crisi di salute pubblica come la pandemia COVID-19 in corso, è più importante che mai attuare misure preventive per proteggere il benessere psicologico (Immagine: eamesBot/Shutterstock).

La salute mentale nella professione odontoiatrica durante la pandemia COVID-19

By Monique Mehler, Dental Tribune International
August 28, 2020

LEIPZIG, Germania: Anche se milioni di persone soffrono di ansia e depressione, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i disturbi psichiatrici spesso rimangono sottoriconosciuti e sottodiagnosticati. La persistenza della stigmatizzazione dei problemi di salute mentale esacerba il problema, poiché coloro che soffrono si vergognano e si sentono colpevoli in aggiunta alla loro condizione attuale e possono quindi non cercare l’aiuto appropriato. A causa dello stress cronico associato alla loro professione, i dentisti sono particolarmente esposti al burn-out e alla depressione professionale, come hanno dimostrato diversi studi. Ora, con la diffusione del SARS-CoV-2, c’è un peso fisico e psicologico ancora maggiore tra i professionisti dentali.

La professione di odontoiatra ha da tempo affermato di avere un alto tasso di suicidio a causa di una serie di fattori di stress fisici e mentali. Un articolo dell’ortodontista Dr. Randy Lang del 2007 riassume le statistiche che ha raccolto da diversi studi che indicano come i professionisti del settore dentale sono effettivamente a più alto rischio di malattie fisiche e mentali legate allo stress. Per esempio, Lang ha dichiarato che «i dentisti soffrono di disturbi psico-neurotici ad un tasso di 2,5 volte superiore a quello dei medici» e che «le malattie coronariche e l’ipertensione arteriosa sono oltre il 25% più diffuse tra i dentisti che nella popolazione generale».

In un’indagine più recente, un articolo della Vice Media ha riportato la significativa pressione legata all’occupazione sotto forma di «problemi economici, stress fisico ed emotivo, isolamento e la percezione sfavorevole del pubblico nei loro confronti in generale».

Conseguenze della pandemia di coronavirus
Oltre ai fattori di stress preesistenti, i professionisti del settore dentale sono stati particolarmente gravati dalle sfide derivanti dalla SARS-CoV-2. L’odontoiatria è stata riconosciuta come una delle occupazioni a più alto rischio per quanto riguarda il potenziale di infezione, dal momento che il virus si trasmette per via aerea e i dentisti lavorano in prossimità dei loro pazienti. Inoltre, gli studi sono stati costretti a chiudere durante le serrate in molti paesi, aggiungendo un’immensa pressione finanziaria e portando in alcuni casi al ridimensionamento del personale.

In un recente articolo, la dott.ssa Andrea Vergara Buenaventura e il suo team di ricerca dell’Universidad Cientifica del Sur di Lima, in Perù, hanno fornito una rassegna completa delle conseguenze delle epidemie passate per la salute mentale e hanno valutato gli aspetti che potrebbero essere associati alle implicazioni mentali per i dentisti a causa della pandemia COVID-19.

In un’intervista al Dental Tribune International, Vergara Buenaventura ha condiviso come l’idea dell’articolo sia nata durante una videochiamata con i colleghi che condividevano tutti preoccupazioni e paure simili. «All’inizio, quando abbiamo iniziato con la revisione della letteratura, avevamo solo pochi riferimenti su COVID-19 e sulla salute mentale e ancora meno sulla salute mentale nei dentisti. Abbiamo appena trovato dati su epidemie passate, ma era esattamente la stessa cosa; sono state riportate le stesse sensazioni», ha spiegato. Le indagini condotte in India e in Israele, ad esempio, confermano il disagio psicologico che i professionisti del settore dentale stanno vivendo in risposta alla pandemia COVID-19.

Nonostante le sfide, Vergara Buenaventura spera che questa pandemia «ci rafforzi come individui e come sistema. Nel mio paese, il Perù, questa pandemia ha fatto emergere le debolezze del sistema sanitario peruviano e ha dimostrato che i dentisti devono far parte del sistema. Gli odontoiatri devono essere pronti a svolgere un ruolo più critico e a combattere le malattie emergenti che mettono a rischio la vita», ha concluso.

Le sfide ad oggi
La dottoressa Sujata Basawaraj gestisce uno studio privato a Lewisville in Texas negli Stati Uniti e ha esperienza diretta delle sfide poste dal SARS-CoV-2. «Mentalmente, lavorare durante una pandemia è stato molto stressante e faticoso a causa del numero di compiti aggiuntivi che vedono la creazione di un ambiente sicuro per me, i dipendenti e i pazienti nel mio studio. Dobbiamo curare ogni paziente con la possibilità che abbia contratto il SARS-CoV-2», ha spiegato a Dental Tribune International. Ha continuato: «Sento che un livello comunicativo fondamentale per gli odontoiatri sia stato eliminato a causa delle nuove protezioni che dobbiamo indossare. Non è così facile parlare con i pazienti, ma alla fine ritengo che la sicurezza di tutti debba essere la prima cosa da perseguire».

Nonostante le difficoltà che ha incontrato, Basawaraj rimane positiva e si prende cura della sua salute mentale nel miglior modo possibile: «Al momento, passare il tempo con la mia famiglia, cucinare, fare passeggiate nel parco indossando una mascherina e mantenere la distanza sociale [...] sono stati il mio modo di alleviare un po’ dello stress che deriva dal lavoro durante questa pandemia [...]. Tutto quello che possiamo fare a questo punto è sperare per il meglio».

Creare un ambiente di lavoro più sano
Uno studio condotto da ricercatori di Londra ha indagato sulla salute mentale del personale medico e degli operatori sanitari affiliati durante la pandemia COVID-19 e su come possono essere sostenuti. Gli autori riferiscono che «l’accesso rapido alla consulenza, alla psichiatria e alle possibilità di tempo libero» è importante, ma «la prevenzione e la mitigazione sono molto più importanti della cura».

Gli esperti di diverse università statunitensi hanno pubblicato un documento di revisione in cui riferiscono che la flessibilità psicologica e l’autosufficienza sono aspetti fondamentali della salute psicologica in generale. Inoltre, esercitarsi regolarmente ha un effetto positivo sul benessere generale, secondo i ricercatori italiani che hanno studiato in modo specifico come i livelli di attività nella popolazione siano cambiati durante la pandemia. A causa dell’isolamento fisico e del distanziamento, possono sorgere sentimenti di solitudine e ansia, che vanno affrontati. È fondamentale contattare la famiglia e gli amici in modo sicuro, ad esempio mantenendo il contatto telefonico o videochiamate.

Nel perseguimento della salute psicologica, dovrebbe rendersi conto che la pandemia COVID-19 è senza precedenti e che ogni singolo individuo sperimenta e reagisce in modo molto diverso. Per queste ragioni, andare al proprio ritmo e prendersi cura di se stessi il più possibile è assolutamente fondamentale.

Molte associazioni odontoiatriche offrono risorse, supporto e consulenza ai professionisti del settore  che sono colpiti dal lavoro e dallo stress personale. Ad esempio, la British Dental Association dà ai suoi membri l’accesso alla consulenza e al supporto emotivo 24 ore su 24 tramite la linea telefonica di assistenza Health Assured, mentre l’American Dental Association offre risorse per la salute mentale COVID-19 sul suo sito web. Un altro strumento utile è una piattaforma chiamata Confidental, che mira a fornire un primo soccorso emotivo ai dentisti britannici in difficoltà.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 9, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International