Dental Tribune Italy

Intervista a Gerald Böse: “Noi e Colonia tutta non vediamo l’ora che inizi IDS”

By Dental Tribune International
February 27, 2019

Rispetto al precedente evento 2017 l’IDS 2019 dovrebbe essere ancora più ampio e più internazionale. Mentre il mondo dell’odontoiatria è in procinto di muoversi per l’evento di Colonia, Gerald Böse, CEO della Koelnmesse, incontrato da DTI per un’intervista, dice che nuovi sviluppi della manifestazione daranno luogo ad un’esperienza fieristica più intensa.

Il 2017 è stato un anno record per la Koelnmesse, con oltre 43.000 espositori e oltre 2,1 milioni di visitatori ospitati in tutto il mondo nelle sue rassegne. Che ruolo ha avuto IDS in questo successo?
Sì, è vero, per quanto riguarda le fiere, il 2017 è stato un anno di grande successo. Non solo abbiamo raggiunto i nostri ambiziosi obiettivi di crescita, ma addirittura superati. Nel 2017, abbiamo registrato un fatturato di 357,9 milioni di euro, ospitato 43.000 aziende espositrici provenienti da 119 paesi e accolto oltre 2,1 milioni di visitatori da 218 paesi nelle nostre 82 fiere ed esposizioni. Come fiera leader nel settore dell’odontoiatria internazionale, IDS svolge un ruolo molto importante nel nostro portafoglio fieristico.

 IDS 2017 ha ricevuto oltre 155.000 visitatori specializzati, con un incremento del 12% rispetto al 2015. Che cosa prevede, in termini di visitatori, nella prossima trentottesima edizione?
Gli sviluppi osservati negli ultimi anni e le risposte ai nostri sondaggi tra i visitatori indicano che possiamo aspettarci un ulteriore aumento nel 2019. Crediamo di poter superare il tetto degli oltre 155.000 visitatori della fiera nel 2019.

Ci sono modifiche fatte nei saloni, alle strutture o ai servizi sulle quali vorrebbe mettere al corrente i nostri lettori?
Con l’integrazione del Padiglione 5, IDS ha nuovamente e notevolmente ampliato lo spazio. L’evento ne coprirà ora uno totale di oltre 170.000 m². L’integrazione del padiglione 5 dà la possibilità di rispondere in maniera adeguata alla richiesta elevata di espositori e visitatori; qui vi troveranno, tra gli altri, spazio numerosi grandi fornitori di prodotti per la profilassi del consumatore. Il padiglione 5 si adatta bene al flusso naturale della fiera, essendo ben collegato all’ingresso del boulevard tra i padiglioni 5 e 10, che verrà reso operativo come gli ingressi sud, est e ovest. Inoltre, l’integrazione del padiglione 5 costituirà motivo per i visitatori di IDS di una miglior visita: nel padiglione 5.1 sarà presente una nuova area ristoro, mentre ampie corsie e passaggi inondati di luce contribuiscono ad una circolazione e una miglior disposizione. Inoltre, l’accesso più agevole per i visitatori garantirà una distribuzione più uniforme in tutte le sale dell’esposizione.

IDS 2019 offre un ulteriore servizio ai visitatori per facilitare il trasporto in fiera rendendolo meno costoso. Per il prossimo evento, l’e-ticket IDS include infatti un biglietto di trasporto gratuito che consente ai titolari di utilizzare i trasporti pubblici nella regione di Colonia: per la prima volta, possono viaggiare anche nell’intera regione metropolitana della Renania-Ruhr. Ciò significa che i visitatori che arriveranno dall’area metropolitana di Düsseldorf, Duisburg, Essen, Gelsenkirchen, Mülheim e Dortmund, che abbiano prenotato un alloggio in quelle zone o che volino a Düsseldorf, possono recarsi alla fiera di Colonia utilizzando treni espressi regionali e altre opzioni di trasporto locali gratuiti.

Un’agevolazione che verrà certamente apprezzata. Koelnmesse ha recentemente riportato un aumento significativo dei numeri di espositori internazionali. Cosa puoi dire su questa tendenza?
Oltre all’ampliamento dello spazio espositivo, ci aspettiamo che circa 2.300 espositori provenienti da oltre 60 paesi presentino le attuali tendenze del dentale. Di questi, oltre 300 aziende all’altezza dei rigorosi criteri di partecipazione IDS prenderanno parte all’evento di Colonia per la prima volta. Noi - la VDDI / GFDI [Associazione dell’industria dentale tedesca e Gesellschaft zur Förderung der Dental-Industrie] e la Koelnmesse, attribuiamo gran valore ad una crescita sana e accurata dell’IDS. La qualità degli espositori e dei visitatori, nonché la quantità e l’attualità delle innovazioni in mostra, ne fanno la vetrina più completa e il mercato più vivace e più significativo del dentale.

IDS 2017 si è concentrata sulla produzione digitale e sui metodi di diagnosi. Ci sarà un’accentuazione in questo senso, quest’anno? Quali altri aspetti dell’odontoiatria, secondo lei, emergeranno?
Il miglioramento dei flussi di lavoro digitali e della “produzione additiva” sono alla base dello sviluppo internazionale in odontoiatria. La digitalizzazione avanza a un ritmo sostenuto. In quanto tale, i cicli di innovazione stanno diventando sempre più brevi. Il potere innovativo del settore diventa particolarmente chiaro e la digitalizzazione si sta estendendo a tutti i segmenti del mondo dentale.

 Guardando all’attuale contesto del mercato, cosa gli espositori di IDS possono aspettarsi quanto a presenza di acquirenti e di responsabili delle decisioni?
Oltre 155.000 visitatori provenienti da 156 paesi, con il 60% di visitatori dall’estero. I dati dell’ultimo evento dimostrano chiaramente dove si trovano i punti di forza e gli indicatori base delle prestazioni (IDP) dell’IDS: qualità di partecipanti, di visitatori ed espositori. IDS Colonia è una piattaforma di settore globale, dove il mondo dentale s’incontra. Questo status è sinonimo di una presenza eccezionalmente forte di decisori internazionali.

Quali sono le prospettive a lungo termine di IDS e cosa è necessario per continuare a organizzare un evento di tale successo?
Lo sviluppo e il successo di IDS negli ultimi anni ci consente di guardare al futuro con positività. Tuttavia, nessuno può permettersi di rimanere fermo nel nostro settore. Ecco perché poco dopo IDS 2019 ci riuniremo con la GFDI, l’impresa commerciale del VDDI, organizzatore di IDS, lavorando insieme su come allinearci per garantire la possibilità di portare avanti questo successo su basi sostenibili.

Da ultimo, IDS 2017 ha reso per cinque giorni Colonia capitale mondiale dell’odontoiatria. Con il mondo dentale in arrivo in città, come descriverebbe quello che la città ospite ha da offrire?
Anche se gli affari sono al centro di IDS, i visitatori e gli espositori senza dubbio esploreranno e apprezzeranno la cattedrale. Il cuore della metropoli, con oltre un milione di abitanti, si trova nelle immediate vicinanze del quartiere fieristico, separato solo dal Reno – ideale confine di vita di Colonia – con la sua cittadinanza liberale, amichevole e cosmopolita. Oltre ai luoghi di interesse culturale, che ripercorrono la lunga storia della città dagli insediamenti romani fino ai giorni nostri, lo stile di vita di Colonia può essere meglio vissuto nei numerosi ristoranti, nelle birrerie e pub. Noi e Colonia tutta non vediamo l’ora che arrivi IDS.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Content

February 19, 2019 | Italy | News

Per l’International Dental Show il 2019 si prospetta come un altro anno record

Colonia. Pronta per l’apertura del 12 marzo (fino al 16) la più grande vetrina al mondo dell’odontoiatria e tecnologia dentale. In 170.000 m² di spazio espositivo (ulteriormente ampliato) il 38° …

details
Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 10, 2019

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2019 - All rights reserved - Dental Tribune International