Dental Tribune Italy

Il supporto dell’Igienista dentale in chirurgia computer assistita

By Patrizia Biancucci
January 21, 2020

L’Igienista Dentale è l’operatore sanitario che, in possesso del titolo di studio abilitante alla professione (Corso di Laurea in Igiene Dentale), si occupa della prevenzione delle affezioni oro-dentali su indicazione degli odontoiatri o dei medici chirurghi abilitati alla professione di odontoiatria.

Questa è la definizione che troviamo sul sito dell’AIDI, Associazione Igienisti Dentali Italiani, di cui la dr.ssa Giuliana Bontà è attualmente vicepresidente e che, con la propria Mission, intende sviluppare il valore dell’Igienista dentale nel prendersi cura dell’igiene dentale e della salute del cavo orale della popolazione, con professionalità e senza mai dimenticare il sorriso! Oltre alla battaglia quotidiana contro l’abusivismo professionale, AIDI promuove una qualificata e continua preparazione professionale degli Igienisti Dentali, stimolando le occasioni di confronto e di aggiornamento, in collaborazione con il Ministero della Salute, le Regioni, le aziende sanitarie, gli organismi e le istituzioni sanitarie pubbliche. Nell’ambito del 7° Congresso dell’Istituto Stomatologico Toscano, “La riduzione dell’invasività nelle procedure odontoiatriche”, presso il Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio, il 24-25 gennaio 2020, la dr.ssa Bontà, docente presso università italiane e corsi di aggiornamento, tocca un tema delicato e attualissimo, vale a dire il valore dell’igienista all’interno dello studio odontoiatrico, con una relazione dal titolo “Il supporto dell’Igienista dentale in chirurgia computer assistita” e sulla quale abbiamo rivolto qualche domanda.

Dr.ssa Bontà, lei è vicepresidente AIDI e con il vostro Centro Studi avete realizzato un progetto per valorizzare l’Igienista Dentale. Quali punti di forza avete rilevato?
All’interno dello studio odontoiatrico l’igienista dentale può essere portatore di valore professionale, reputazionale ed economico e rappresentare un importante fulcro nella fidelizzazione dei pazienti mostrando attenzione ai suoi bisogni. È importante possedere doti comunicative che permettano di motivare ed educare i pazienti ad una maggiore attenzione alla prevenzione e all’igiene orale, che acquisisca elevate competenze professionali attraverso un aggiornamento continuo e che sia elemento di integrazione e stimolo al miglioramento continuo all’interno dello studio (tecnologie, strumenti, materiali, organizzazione e procedure). La creazione di adeguate condizioni bio-psico-sociali contribuisce a favorire il successo anche degli interventi dell’odontoiatra.

Cosa manca ancora alla categoria degli Igienisti per consolidare il proprio indiscutibile valore?
Può diventare figura di riferimento per il benessere dei pazienti organizzando anche incontri educativi rivolti agli stessi pazienti e promuovere sessioni di aggiornamento per il team odontoiatrico aggiungendo allo studio ulteriori servizi da proporre al paziente. Questo offre un’adeguata risposta ai centri dentistici low-cost che puntano ad una generale riduzione sia delle risorse professionali, inclusa quella dell’Igienista Dentale, sia della qualità del servizio.

Può l’igienista dentale essere di supporto al chirurgo nella progettazione del manufatto protesico del paziente?
È proprio in questa fase che è importante che ci sia collaborazione in quanto l’igienista dentale conosce la manualità del paziente nello svolgere le manovre di igiene orale domiciliare ed è in grado di stabilire fino a che punto il paziente riuscirà a mantenere accuratamente pulita la protesi che verrà realizzata. Inoltre potrà essere di supporto nel progettare una protesi che sia facilmente detergibile pur rispettando l’estetica e la funzionalità.

 Dr.ssa Bontà, ritiene che la chirurgia computer guidata, oltre ad essere una procedura meno invasiva per il paziente, offra reali vantaggi nel mantenimento dell’igiene orale domiciliare? La progettazione computerizzata del lavoro implanto-protesico permette di pre-visualizzare tridimensionalmente su di un monitor il manufatto finito. Questo consente di posizionare gli impianti nella posizione e con l’inclinazione adeguata a realizzare spazi interprossimali facilmente raggiungibili e tutti della stessa dimensione, così da limitare il numero di strumenti da usare dal paziente per la rimozione del biofilm batterico. Questo facilita la collaborazione da parte del paziente stesso nel mantenimento di una adeguata igiene orale domiciliare.

Lei certamente sa che in molti studi dentistici manca la figura dell’Igienista Dentale. Si è mai chiesta il perché?
Se fino a qualche anno fa erano pochi gli studi odontoiatrici che si avvalevano della collaborazione dell’igienista dentale, anche perché era ancora basso il numero di professionisti in Italia, oggi sono sempre di più gli studi dentistici che annoverano nel proprio staff l’igienista perché hanno compreso le potenzialità che questa collaborazione offre. Oggi i pazienti sono più attenti alla prevenzione e questo porta necessariamente ad adottare protocolli personalizzati e ad offrire prestazioni sempre più specialistiche, monitorando la salute del paziente costantemente nel tempo. La sua presenza nello studio favorisce la fidelizzazione dei pazienti determinando un aumento del numero delle prestazioni erogate.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International