Dental Tribune Italy
Jacob Lund/Shutterstock

Come i dentisti e i farmacisti possono collaborare e migliorare la salute dei loro pazienti

By Brendan Day, Dental Tribune International
October 07, 2020

Docente presso la School of Pharmacy dell’Università del Queensland, il dottor Meng-Wong Taing è interessato ad espandere il ruolo dei farmacisti nel migliorare la salute dei loro pazienti, attraverso un approccio collaborativo. Naturalmente, questo approccio include la consulenza in merito a un’adeguata assistenza sanitaria orale. In questa intervista, Taing spiega perché la promozione della salute orale significa così tanto per lui e mostra come dentisti e farmacisti possono lavorare insieme per ottimizzare i risultati sulla salute dei pazienti.

Dottor Taing, come professionista con un background in farmacia, perché si è inizialmente interessato al mantenimento della salute orale?
Fin dalla mia giovinezza, ho avuto una predisposizione per le carie. I miei genitori ci facevano lavare i denti, quindi sono rimasto sorpreso di aver costantemente bisogno di otturazioni durante i miei controlli odontoiatrici scolastici annuali e anche più avanti nella vita.

Crescendo, ho sviluppato cattive abitudini di igiene orale e, col senno di poi, non mi sono lavato i denti correttamente. È stato solo quando ho trovato un dentista proattivo che mi ha istruito sull’identificazione della placca che ho sviluppato un maggiore interesse personale e una maggiore fiducia in una migliore gestione della mia salute orale. Seguendo semplici consigli sull’igiene orale, non mi riempio di carie da più di sei anni: è un record per me!

Quello che ho capito è stato quanto sia semplice prevenire la carie e promuovere una buona salute orale. Tutto quello che dovevo fare era apportare sottili cambiamenti nel modo in cui mi prendevo cura dei miei denti, qualcosa che avrei voluto sapere molto prima nella vita. Essendo più istruito nell’assistenza sanitaria orale, ora mi sento potenziato e fiducioso nel mantenere la mia salute orale e vorrei promuovere migliori pratiche di igiene orale per tutti, in particolare per gli svantaggiati, che corrono un rischio molto maggiore di avere una cattiva salute orale.

Quali sono i vantaggi di coinvolgere maggiormente i farmacisti per fornire consigli e servizi relativi all’assistenza sanitaria orale?
I farmacisti hanno un ottimo accesso ai pazienti all’interno della comunità, il che offre loro ampie opportunità di promuovere l’assistenza sanitaria orale e offrire consigli. L’australiano medio visita la farmacia della sua comunità circa 14 volte l’anno e sappiamo anche da vari studi che il personale della farmacia esprime un forte interesse a promuovere una migliore assistenza sanitaria orale all’interno delle loro comunità.

Nello specifico, i farmacisti potrebbero essere maggiormente coinvolti:

  • Nell’identificare i pazienti a rischio di cattiva salute orale;
  • Nell’attuare iniziative di prevenzione della salute orale e fornire consigli su una buona igiene e su problemi minori di salute orale;
  • Nel fornire prodotti per la salute orale e la consulenza basata su evidenze;
  • Nell’informare i pazienti sui farmaci che possono influire sulla salute orale, compresi i medicinali che aumentano il rischio di carie dentale;
  • Nell’implementare percorsi di valutazione e di richiamo;
  • Nell’organizzare attività ed eventi di promozione della salute orale e affrontare i fattori di rischio comuni nelle malattie croniche.

Cosa possono fare i professionisti del settore dentale per trasformare in realtà questo approccio collaborativo?
Credo che i principi alla base di una buona collaborazione siano fiducia, percorsi di comunicazione aperti e professionalità. I consigli che do ai miei colleghi farmacisti che possono essere ricambiati dai dentisti per promuovere i buoni di collaborazione sono:

  • Conosci il tuo farmacista locale se sei un dentista e viceversa. Entrate in contatto, condividete idee e sostenetevi a vicenda nelle vostre pratiche cliniche in modo da non essere isolati e sentirvi soli;
  • Rendetevi disponibili l’uno per l’altro ogni volta che ce n’è bisogno. Nei tuoi impegni, assicurati di fornire una risposta tempestiva se una chiamata viene persa o viene lasciato un messaggio;
  • Trovate modi in cui potete aiutarvi a vicenda. Parlando apertamente delle vostre rispettive esigenze, cercate di identificare dove potete supportare al meglio le reciproche pratiche e lavorare sodo per raggiungere questi obiettivi con il fine di migliorare i risultati dei pazienti.

Per rendere questo approccio collaborativo una realtà, c’è anche la necessità di crescenti partnership e collaborazioni tra le organizzazioni professionali dentali e farmaceutiche nazionali. Questi partenariati potrebbero supportare lo sviluppo e l’implementazione di linee guida per la pratica farmaceutica reciprocamente appropriate, percorsi di supporto decisionale e risorse educative interprofessionali.

Il vostro modello è specifico per l’Australia e per il suo approccio alla salute orale? È influenzato, ad esempio, dal fatto che solo il 53% degli australiani possiede una copertura odontoiatrica?
Attualmente, non esistono modelli di assistenza sanitaria orale consolidati nelle farmacie comunitarie australiane. Ciò che è necessario è lo sviluppo e la valutazione di modelli innovativi e collaborativi basati sulla farmacia per affrontare la cattiva salute orale sia nelle regioni rurali che metropolitane. Dobbiamo dimostrare che l’attuazione di qualsiasi modello proposto è fattibile, efficace e reciprocamente accettabile da entrambe le professioni. Sto lavorando con dentisti australiani, scuole di odontoiatria universitaria e dipartimenti sanitari governativi al fine di ottenere finanziamenti per lo sviluppo e la sperimentazione di modelli di assistenza sanitaria orale collaborativa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 10, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International