Dental Tribune Italy

Controllo del contatto prossimale con sistema Garrison Composi-Tight 3D Fusion Sectional Matrix

La predicibilità nello stabilire contatti stabili e anatomici è stata una complicazione dell’odontoiatria restaurativa diretta a partire dall’introduzione delle resine composite e l’incapacità di raccogliere e spostare lateralmente materiale simile per proprietà dell’amalgama. I sistemi a matrice di tipo Tofflemire sono circonferenziali, tuttavia presentano profili assiali che sono innaturalmente dritti e difficili da modificare per ricreare profili curvi ed anatomici. L’architettura delle Garrison Slick Bands presenta una curvatura media moderata, un ottimo compromesso tra quella prossimale con una convessità più pronunciata, come i sistemi di matrici sezionali Triodent/Palodent e una senza convessità. Ciò consente il montaggio in aree prossimali strette dove la vicinanza della radice è un problema e consente il posizionamento senza la necessità di ritoccare lo smalto del dente adiacente.

Razionale per gli approcci terapeutici
Il posizionamento di MOD o di restauri di parete prossimale doppia di Classe 2, sia sullo stesso dente che su denti adiacenti, porta a problemi di contatti aperti, allentati o inadeguati indipendentemente dalla curvatura assiale, presentando un rischio di carie ricorrente e l’insorgenza di problemi parodontali al dente, senza contare il rischio di deriva mesiale e la generazione di una situazione di disarmonia occlusale. Spesso, l’uso di una matrice circonferenziale o il posizionamento di sistemi a matrici sezionali back-to-back per ottenere contatti prossimali hanno lo svantaggio di ottenere un contatto accettabile e l’altro subottimale. L’approccio descritto prevede la ricostruzione di una singola parete alla volta, mirando a convertire, secondo un approccio a step, la lesione MOD di Classe 2 in una situazione di Classe 1, consentendo una valutazione tempestiva (es. filo interdentale a contatto) della parete appena costruita, immediatamente prima di passare al passo successivo. Il concetto è simile a una check-list pre-volo utilizzata nel mondo aeronautico. Ogni passaggio viene controllato prima di consentire il completamento della struttura anatomica occlusale che richiede tempo. Se una parete appena costruita non raggiunge lo standard desiderato, è sufficiente rilavorarla senza molto investimento di tempo o di sforzo.

Trattamento
Un fallimento parziale del trattamento è stato diagnosticato sul dente 19 rispetto a un precedente restauro in composito (Fig. 1). Il paziente da un mese si lamentava di una sensibilità al morso. Le preoccupazioni primarie riguardavano sia il micromovimento del vecchio restauro, ma anche la possibile presenza di fratture o microfratture, che potevano essere chiarite solo tramite un restauro esplorativo.

Il paziente è stato anestetizzato utilizzando una Lidocaina al 2% con epinefrina 1:100.000, dopodiché è stata posizionata una diga di gomma (NicTone). Eseguita la preparazione, il restauro è stato rimosso insieme a praticamente tutta la linea sottostante per permettere la valutazione del pavimento pulpare. Non sono state identificate crepe o microfratture ed è stato utilizzato un rilevatore di carie (rilevatore di carie, Kuraray) per garantire gli endpoints di rimozione della carie (Fig. 2). I margini sono stati smussati (0,5-1,0 mm) poiché più il margine è vicino alla superficie della cavità dell’apice della cuspide, più si tenterà di legarsi lateralmente ai prismi di smalto, mentre è più efficace legarsi alle estremità. La smussatura consente l’esposizione trasversale dei prismi e una migliore efficienza di mordenzatura e adesione. La microabrasione ad aria è stata eseguita isolando il dente adiacente con una striscia di metallo seghettato e utilizzando ossido di alluminio da 27 micron (Prep Start, Danville Engineering) a 2-3 bar di pressione. Questa operazione è stata completata prima del posizionamento di qualsiasi sistema di matrici sezionali poiché l’irruvidimento tipico della matrice unito all’uso di un adesivo automordenzante contenente 10-MDP (legami 10-MDP a metalli non preziosi) vedrà una rimozione della matrice più difficile dopo la costruzione della parete, spesso con residui del colore del rivestimento in Teflon della fascia lasciata aderente al restauro.

Per questo caso è stato scelto il Garrison Slick Bands (FX100) di dimensioni premolari, a causa della leggera microdonzia. Le dimensioni delle Slick Bands devono essere selezionate in modo tale che, a pieno posizionamento apicale, il limite occlusale della Band coincida o vada leggermente oltre il livello desiderato della cresta marginale. È stato posizionato un cuneo (FXYL) per fissare le Slick Bands e il sigillo marginale cervicale controllato in questa fase. Se dovessero verificarsi degli spazi vuoti con il posizionamento dell’anello di tensione (FX400), ciò richiederebbe la rimozione dell’anello e l’utilizzo del nastro in PTFE nell’area del vuoto prima di sostituire l’anello di tensione.

Come primo passo, si è scelto di ricostruire la parete mesiale (Fig. 3). Microstrati di un A2 fluido (Majesty esthetic, Kuraray Noritake) sono stati posizionati dopo un approccio di tipo total etch con MPa Bond (Clinicians Choice). A questo è stato permesso di disaccoppiarsi con il tempo per consentire la maturazione e l’ibridazione finale del legame alla dentina per il massimo rafforzamento del legame microtensile. La parete prossimale è stata ricostruita in strati orizzontali con incrementi di 1 mm in modo occlusale come prescritto dalla tecnica di Nikolaenko et al., consentendo valori massimi di forza di adesione microtensile. Dopo la polimerizzazione per una durata di 20 secondi, il gruppo della matrice sezionale è stato rimosso, l’anatomia del punto di contatto e la forza valutate con il filo interdentale prima dell’assemblaggio della matrice per ricostruire la parete prossimale in modo simile (Fig. 4). A seguito della costruzione della parete distale e dei relativi controlli, si è creata una situazione di Classe 1, priva di anelli di tensione e altri accessori che possono impedire l’accesso per la stratificazione occlusale (Fig. 5). La preferenza dell’autore di ricostruire una parete alla volta con matrici mesiali e distali posizionate separatamente attraverso il processo è in contrasto con i risultati della forza di contatto prossimale (PCS) di Sabre et al., che promuovono il posizionamento simultaneo di assemblaggi mesiali e distali. L’autore ritiene che il primo metodo sia più prevedibile soprattutto su denti più piccoli come i premolari, dove possono esserci difficoltà fisiche con il posizionamento simultaneo di matrici mesiali e distali a causa della necessità di sovrapporre Slick Bands insieme al rischio di comportamento a fisarmonica della matrice.

Il piano occlusale è stato anche microstratificato orizzontalmente con un composito fluido bianco opaco (tonalità Herculite Ultra Flowable XL2, KavoKerr) per bloccare la dentina scura (Fig. 5) prima del completamento della stratificazione si è usata una tonalità A2 di Voco Grandio SO. Le tinte occlusali sono state applicate utilizzando il marrone (Final Touch, Voco) (Fig. 6). Nel complesso, una sessione di restauro molto soddisfacente seguendo un protocollo graduale che riduce lo stress, aumenta la prevedibilità e consente prestazioni ottimali dei materiali e della ricostruzione estetica della struttura del dente mancante in una procedura piacevole sia per il paziente che per il medico (Fig. 7).

Riferimenti bibliografici

  • Keogh TP, Bertolotti RL. Creating tight, anatomically correct interproximal contacts. Dent Clin North Am. 2001 Jan;45(1):83-102. PMID: 11210702.
  • Nikolaenko SA, Lohbauer U, Roggendorf M, Petschelt A, Dasch W, Frankenberger R. Influence of c-factor and layering technique on microtensile bond strength to dentin. Dent Mater. 2004 Jul;20(6):579-85. doi: 10.1016/j.dental.2003.08.001. PMID: 15134946.
  • Saber MH, El-Badrawy W, Loomans BAC, Ahmed DR, Dorfer CE, El-Zohairy A. Creating Tight Proximal Contacts for MOD Resin Composite Restorations. Oper Dent. 2011;36(3):304-310.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International