“La parodontologia è attualmente la specialità più attiva”

Search Dental Tribune

“La parodontologia è attualmente la specialità più attiva”

E-Newsletter

The latest news in dentistry free of charge.

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Prof. David Herrera.

In occasione di EuroPerio10, Dental Tribune International ha avuto l’opportunità di parlare con il Prof. David Herrera, presidente scientifico del congresso di quest’anno. È professore di parodontologia e preside associato delle cliniche odontoiatriche presso l’Università Complutense di Madrid, Spagna. È anche direttore del corso post-laurea dell’Università in parodontologia, che è accreditato dalla Federazione Europea di Parodontologia (EFP).

Prof. Herrera, essere presidente scientifico di EuroPerio10 sembra una bella sfida. Com’è stata la sua esperienza?
Sono stato coinvolto con l’EFP per molti anni. Essere il presidente scientifico di EuroPerio10 è stato il mio impegno più importante fino ad oggi. Sono stato responsabile dell’ideazione e dell’organizzazione del programma scientifico. Si tratta di un compito che di solito dura per i tre anni che intercorrono tra i congressi EuroPerio, ma naturalmente, a causa della pandemia e del rinvio del congresso, sono stato attivo per gli ultimi quattro anni. Come presidente scientifico, mi sono divertito molto. È una ricompensa lavorare con i migliori praticanti del mondo. È stato un lavoro molto impegnativo, non facile. Bisogna dare sempre il meglio di se, ma allo stesso tempo, è un privilegio poter lavorare con i migliori esperti del settore. Quando ho contattato alcuni di loro, mi aspettavo che non avrebbero avuto il tempo, che non sarebbero stati interessati a tenere una lezione di 20 minuti. Tuttavia, le cose non sono andate così. Prenotano le date di EuroPerio anni in anticipo e attendono l’invito. Anche i più grandi nomi lo fanno. Di solito non riceviamo risposte negative. Quest’anno vi hanno partecipato oltre 130 esperti di alto livello.

Le mancherà questa carica?
Con la chiusura di EuroPerio indosserò il cappello di presidente del comitato dei workshop della EFP. È il comitato che ha partecipato all’elaborazione delle linee guida dell’EFP sulla parodontite del quarto stadio.

L’EFP ha elaborato un programma scientifico completo con oltre 130 relatori per EuroPerio10. Potrebbe descriverci i punti salienti del congresso di quest’anno?
Gli interventi dal vivo sono sicuramente un punto culminante. Il prof. Giovanni Zucchelli effettuò il primo intervento chirurgico dal vivo presso l’Università di Copenhagen durante l’ultimo congresso EuroPerio ad Amsterdam nei Paesi Bassi. Quest’anno, in primo luogo, i partecipanti hanno potuto vedere e confrontare due diversi approcci al trattamento di molteplici aree di recessione gengivale. Il Dott. Ion Zabalegui di Bilbao (Spagna) e il Dott. Massimo de Sanctis di Milano (Italia) hanno effettuato lo stesso intervento dal vivo e i partecipanti sono stati guidati in ogni fase. L’altro intervento chirurgico dal vivo è stato eseguito dal dott. Istvan Urban di Budapest, Ungheria.

In occasione di EuroPerio10 è stata discussa la linea guida dell’EFP sulla terapia della parodontite di stadio IV. Quali sono le sfide più importanti al riguardo?
La parodontite dello stadio IV è la parodontite più grave, più avanzata. La distruzione ossea è pari o superiore al 50% e la differenza tra lo stadio IV e lo stadio III consiste nel fatto che ne derivano sequele. I denti si muovono, o si sono spostati in una posizione diversa. La funzione masticatoria non è buona, e potrebbero mancare più di cinque denti, quindi ci sono molti problemi che un paziente con parodontite al IV stadio deve affrontare. Anche se riuscissimo a curare l’infezione e il tessuto parodontale fosse di nuovo sano, la bocca non funzionerebbe correttamente. Quindi, ci sarà bisogno di qualcos’altro. Sarà necessaria una terapia parodontale.

In questa linea guida, descriviamo cos’altro è necessario fare per il paziente con parodontite di stadio IV. Cosa bisogna fare per ripristinare la funzione masticatoria? Potrebbero essere necessarie terapie ortodontiche, protesi o impianti dentali, qualsiasi cosa sia necessario fare quando il tessuto parodontale è di nuovo sano al fine di ottenere un ambiente stabile e ripristinare una bocca sana.

Pertanto, sembra essenziale avere un approccio interdisciplinare per quanto riguarda il trattamento della parodontite di stadio IV.
Esattamente. È molto importante. Ortodontisti, protesi e altri specialisti sembrano avere molta paura di questi casi perché ritengono che la prognosi sarà insufficiente e che non valga la pena investire tempo e denaro in questi pazienti. Tuttavia, sulla base delle prove e di quanto dimostra la linea guida, nella maggior parte dei casi è trattabile. Si può fare qualcosa e qualcosa di meglio che rimuovere i denti e inserire impianti, perché la ritenzione dentale ha una prognosi migliore della prognosi di un impianto. La linea guida fornisce raccomandazioni a parodontisti, ortodontisti e protesi affinché possano collaborare con successo per ottenere migliori risultati terapeutici.

I casi più gravi vengono solitamente trattati con l’estrazione completa, la protesi totale e gli impianti. Abbiamo dimostrato che questo può essere evitato. Naturalmente, per avere successo sono necessarie analisi e diagnosi più avanzate, ma si tratta di una soluzione fattibile e da esplorare. Alla fine, potrebbe comunque essere necessaria un’estrazione totale dei denti, ma questa linea guida fornisce un altro modo di esaminare un caso.

Come descriverebbe l’attuale direzione nel campo parodontale e i fattori che stanno determinando il cambiamento?
Nell’ambito delle specializzazioni odontoiatriche, ritengo che la parodontologia sia oggi la specialità più attiva in Europa. Dal punto di vista della pratica clinica, la domanda è elevata a causa dell’elevata prevalenza della parodontite. L’invecchiamento della popolazione è un altro fattore, poiché la parodontite è più frequente nelle popolazioni più anziane.

La parodontite è anche strettamente legata a quella che chiamerei scienza di base – microbiologia, biologia, istologia – più delle altre specialità. Direi che il 20% delle pubblicazioni scientifiche in odontoiatria riguarda la parodontologia come anche il 25% delle revisioni sistematiche.

Infine, la parodontite è facilmente curabile e le patologie associate agli impianti sono molto difficili da curare perché le superfici dei denti possono essere pulite, mentre la superficie dell’impianto è difficilmente curabile o decontaminata.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

advertisement
advertisement