Dental Tribune Italy
Uno studio condotto da ricercatori in Palestina suggerisce che il modello del medico odontoiatria potrebbe preparare meglio le équipe odontoiatriche per future crisi sanitarie (Immagine: DisobeyArt/Shutterstock).

Studi dimostrano che l’odontoiatria deve adattarsi per essere preparata alle future crisi

By Jeremy Booth, Dental Tribune International
April 28, 2021

GERUSALEMME, Palestina: un sondaggio del maggio 2020 ha chiesto ai dentisti situati nell’area della Cisgiordania la loro preparazione nel riprendere ad offrire cure dentistiche di routine dopo le chiusure degli studi rese necessarie dalla pandemia di SARS-CoV-2. I ricercatori hanno pubblicato uno studio nel febbraio di quest’anno che ha mostrato come le sfide emerse durante la pandemia hanno rivelato che l’odontoiatria doveva adattarsi per essere meglio preparata per le crisi future.

I ricercatori dell’Università Al-Quds di Gerusalemme, del Ministero della Salute palestinese a Ramallah e dell’Università dell’Iowa a Iowa City negli Stati Uniti hanno intervistato 488 dentisti che esercitano nella zona della Cisgiordania. Ai partecipanti è stato chiesto quale fosse la loro percezione dei rischi legati al Covid-19, il loro livello di preparazione a riprendere la fornitura di cure dentistiche elettive, quanto si sentissero sicuri nel trattare i pazienti che erano sospettati di essere contagiati dal Covid-19 e su una serie di fattori correlati al loro livello di fiducia. Lo studio ha anche esaminato le percezioni dei partecipanti sulla propria stabilità finanziaria e sul ruolo nella risposta alla pandemia.

Quasi il 60% degli intervistati ha affermato di sentirsi impreparato nel riaprire i propri studi dentistici. Sul tema del trattamento dei pazienti con Covid-19, circa il 13% degli intervistati ha affermato di non essere tranquillo e quasi due terzi (64%) ha affermato di essere da poco o moderatamente tranquillo. Gli autori hanno scoperto che i dentisti che avevano ricevuto una formazione sul controllo delle infezioni, o una formazione specifica relativa al Covid-19, hanno riportato livelli di fiducia più elevati. Quasi il 75% degli intervistati ha affermato che le difficoltà finanziarie che stavano affrontando erano così grandi da non poter rispettare i propri impegni finanziari nel mese corrente.

Gli autori hanno scoperto che i fattori finanziari ed etici erano i due principali fattori che spingevano i partecipanti a riprendere la fornitura di cure elettive. I dentisti in Palestina non erano stati chiamati a fornire assistenza nella risposta alla pandemia e più del 18% degli intervistati ha affermato che la loro offerta di assistenza non era stata accettata. Circa il 19% ha dichiarato di voler fare il volontariato nella risposta alla pandemia locale, ma non era sicuro di come poter essere coinvolto. La stragrande maggioranza (89,7%) degli intervistati ha ritenuto che il proprio ruolo nella risposta alla pandemia fosse stato quello di fornire cure odontoiatriche urgenti ai pazienti e di istruire gli altri sul Covid-19 (82,4%).

“[Il] modello di medico odontoiatra richiede che i dentisti siano competenti in molti aspetti medici della salute. Queste competenze preparerebbero i dentisti a essere più disposti e più tranquilli a servire in caso di pandemie e altre crisi sanitarie quando necessario"

– Dr Elham Kateeb, Al-Quds University

«I dati di questo studio evidenziano la fragilità dello studio dentistico privato in situazioni di emergenza. Le sfide etiche, sanitarie e finanziarie emerse durante Covid-19 richiedono ai dentisti di adattarsi ed essere meglio preparati ad affrontare le crisi future», hanno scritto gli autori. Hanno affermato che i risultati dello studio hanno evidenziato il fatto che l’odontoiatria viene eseguita separatamente da altre forme di assistenza sanitaria. Gli autori hanno sottolineato che i dentisti campione del sondaggio avevano raramente partecipato agli sforzi relativi alla risposta alla pandemia e che solo il 58% degli intervistati si era impegnato con colleghi medici per ottenere informazioni su SARS-CoV-2 e Covid-19.

«L’odontoiatria si è tradizionalmente concentrata quasi esclusivamente sul modello di cura riparativa e riabilitativa invece di promuovere la salute e il benessere delle persone, lasciando i dentisti con capacità limitate di rispondere o essere pienamente utilizzati in una grave crisi sanitaria», hanno affermato gli autori. «Il futuro riserva la sfida di integrare meglio le cure dentistiche con le cure mediche primarie e specialistiche. Tale integrazione permetterà di considerare la salute orale una parte importante della salute generale degli individui e non sarà ignorata», hanno concluso.

L’autore principale dello studio, il dottor Elham Kateeb, professore associato di salute pubblica dentale presso l’Università Al-Quds, ha dichiarato a Dental Tribune International: «I dentisti del nostro campione hanno considerato come loro ruolo principale nella pandemia quello di fornitori di cure odontoiatriche urgenti e in misura minore come operatori in prima linea insieme ai loro colleghi di altre professioni mediche. Penso che ciò sia semplicemente dovuto al modo in cui formiamo i nostri dentisti a livello globale, poiché l’educazione dentale è completamente separata dalla formazione medica nella maggior parte delle facoltà odontoiatriche».

Ha continuato: «Il modello attuale forma i dentisti per essere competenti nel restauro dei denti isolandoli dal resto del corpo. C’è poca attenzione al modello di medico odontoiatria che si occupa della valutazione del rischio, della diagnosi della malattia, della prevenzione, della minima invasività e dell’integrazione dei piani di trattamento della salute orale nei piani per la salute generale e il benessere delle persone. L’insegnamento del modello di medico odontoiatria richiede che i dentisti siano competenti in molti aspetti medici della salute. Queste competenze preparerebbero i dentisti ad essere più disponibili e più fiduciosi a prestare servizio in caso di pandemie e altre crisi sanitarie quando necessario».

«Sarebbe molto interessante valutare i curricula nelle diverse istituzioni per vedere quanto peso dell’apprendimento è dedicato alla formazione riparativa e riabilitativa e quanto è dedicato alla diagnosi della malattia, alla promozione della salute, alla salute pubblica e al collegamento sistemico-orale oltre a alla conoscenza di base delle malattie infettive e di altri aspetti generali essenziali della salute», ha commentato Kateeb.

Lo studio, intitolato “Reopening dental offices for routine care amid the Covid-19 pandemic: Report from Palestine”, è stato pubblicato online il 13 febbraio 2021 sull’International Dental Journal, prima dell’inclusione in un numero.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International