Dental Tribune Italy

L’impronta digitale nell’odontoiatria moderna

By Iveta Ramonaite, Dental Tribune International
June 29, 2021

In un recente webinar incentrato sulle impronte dentali nell’odontoiatria moderna, il Dott. Pawel Szuba-Paszkiewicz, dentista con un profondo interesse per la protesi digitale, ha trattato i vantaggi e i difetti dell’impronta digitale e tradizionale. Prima della sua presentazione online, ha discusso di alcuni degli errori più comuni nell’impronta dentale e ha dato consigli ai professionisti del settore su come aggirare alcune delle limitazioni degli scanner intraorali.

Dott. Szuba-Paszkiewicz, quali sono alcuni degli errori più comuni che i dentisti fanno quando prendono le impronte dentali con tecnica tradizionale?
Gli errori più comuni sono le inadeguatezze nella mappatura superficiale dei materiali di stampa, comprese bolle d’aria, il restringimento o l’estensione del materiale etc. Il trattamento inoltre può risultare fastidioso per il paziente. Poiché esiste un solo approccio per l’impronta tradizionale, non è possibile apportare correzioni dopo che l’impronta è stata fatta.

Si dice che la presa dell’impronta digitale sia più veloce e più precisa rispetto alla presa tradizionali. Tuttavia, nonostante i vantaggi percepiti, gli scanner digitali presentano alcune limitazioni. Potresti citarne alcune e dare consigli ai professionisti su come superarle?
I limiti sono più evidenti quando si esegue la scansione di superfici altamente riflettenti o quando vi è un’elevata mobilità del tessuto. Questo è più comune quando si esegue la scansione di creste edentule, soprattutto nella regione mandibolare. I casi di impianto ad arco completo sono difficili da realizzare con sufficiente accuratezza e precisione. Tuttavia, ci sono alcuni trucchi che aiutano a immobilizzare i tessuti, ed è anche possibile eseguire la scansione per quadranti. I professionisti del settore odontoiatrico possono posizionare sul tessuto delle viti composite o in miniatura per fissare i punti di riferimento per lo scanner. In alternativa, grazie alla sua ultraprecisa passività per i restauri, gli odontoiatri possono utilizzare uno scanner fotogrammetrico per i casi di impianti ad arco completo.

In quali casi, a suo avviso, sarebbe più opportuno fare un’impronta analogica e perché?
L’impronta analogica è più appropriata nei casi in cui il tessuto rosa fisso o la cresta edentula non è sufficiente e lo scanner non può abbinare le superfici per ottenere un’immagine 3D precisa. Anche i ponti con più di tre impianti devono essere presi con un’impronta analogica.

Nota editoriale
«Digital impression in modern dentistry: The possibilities and limitations of actual procedures. Facing the challenges», è stato presentato in diretta martedì 22 giugno, alle ore 12.00 CEST, ed è ora possibile visionarlo on demand sull’FDI Oral Health Campus.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International