Dental Tribune Italy
Sebbene le cure palliative nelle emergenze endodontiche apportino un sollievo immediato ai pazienti, non si tratta di una soluzione a lungo termine e le procedure che generano aerosol non possono essere evitate per sempre (Immagine: Dmitry Galaganov/Shutterstock).

Successo per le cure palliative per le emergenze endodontiche durante il lockdown

By Dental Tribune International
October 23, 2020

SAN ANTONIO, USA. In questa fase di pandemia da Covid-19, le procedure di generazione di aerosol in odontoiatria sono state limitate al fine di conformarsi a una raccomandazione dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), poiché queste procedure espongo ad alto rischio di contaminazione i professionisti dentali.

Ma come si possono gestire le emergenze endodontiche senza l’utilizzo del trapano? Uno studio ha indagato l’argomento e ha scoperto che le cure palliative sembrano essere la risposta. L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato la SARS-CoV-2 una pandemia l’11 marzo 2020. Poco dopo, i Paesi hanno iniziato a implementare blocchi, chiusura di attività commerciali e servizi non essenziali. Negli Stati Uniti, le procedure odontoiatriche elettive sono state sospese e, secondo il CDC, dovevano essere evitate le attività che generano aerosol. Ciò ha portato a sfide nella gestione dei pazienti che presentavano emergenze, nonché preoccupazione tra i dentisti per tutte le procedure in sospeso avviate prima delle chiusure in tutto il territorio.

Usare il trapano o no?
I ricercatori del Dipartimento di Endodonzia della Scuola di Odontoiatria dell’Università del Texas (UT) hanno condotto uno studio in due parti al fine di indagare come gli endodontisti potrebbero aggirare l’uso del trapano per gestire il dolore dei loro pazienti. I risultati della prima parte dello studio hanno mostrato come l’81% dei 21 pazienti che hanno presentato emergenze endodontiche durante il lockdown non hanno richiesto ulteriori trattamenti o interventi dopo le cure palliative con un tasso di follow-up del 96%.

Nella seconda parte dello studio, 31 denti avevano subito uno debridement parziale o totale del canale radicolare prima della chiusura totale delle attività nel Texas. Il tempo medio per il completamento del trattamento è stato di 13 settimane. Con un tasso di richiamo del 100%, il 77% dei denti non ha subito eventi avversi derivanti da ritardi nel completamento del trattamento. L’evento avverso più comune è stato la frattura di un restauro provvisorio (13,0%), seguito da una riacutizzazione dolorosa e/o infettiva (6,4%). Questi eventi sono stati gestiti in modo appropriato e quindi ritenuti di successo. Solo un dente è risultato fratturato e non ripristinabile (3%), portando all’inevitabile estrazione del dente. I restanti quattro esiti negativi (13%) erano dovuti alla riluttanza del paziente a sottoporsi al test del SARS-CoV-2 o alla riluttanza del paziente a continuare il trattamento a causa del rischio percepito di infezione da SARS-CoV-2.

In un’intervista con Dental Tribune International, il coautore dello studio, il dott. Biraj Patel, ha spiegato il ragionamento alla base di questo studio. «La scuola ha deciso di rinviare le procedure di generazione di aerosol in conformità con le linee guida statali. Abbiamo gestito i casi in modo molto diverso da quello che avremmo fatto di routine ed eravamo interessati a vedere quanto successo avremmo potuto avere. Inoltre, la letteratura dispone di dati limitati riguardanti le conseguenze di un ritardo nel trattamento endodontico e sui risultati della gestione palliativa della malattia endodontica. Il nostro rapporto sulla gestione delle emergenze endodontiche ha importanti implicazioni cliniche per la comunità dentale in tutto il mondo e mira a fornire una panoramica degli effetti della gestione conservativa delle emergenze endodontiche senza l’uso di procedure generatrici di aerosol».

Come hanno dimostrato i risultati, le cure palliative si sono dimostrate efficaci per i ricercatori UT, ma è importante notare che questo livello di gestione dell’emergenza endodontica è solo una soluzione temporanea e le procedure che generano aerosol non possono essere evitate per sempre. «Lo Stato è rimasto in lockdown dal 23 marzo 2020 al 20 maggio 2020 e le cure palliative hanno avuto successo nella gestione dei sintomi dei pazienti durante questo periodo. Tuttavia, se questo blocco fosse stato più lungo, avremmo dovuto rivalutare i pazienti se fossero diventati sintomatici e potenzialmente intervenire con procedure che generano aerosol», ha detto Patel.

Qual è la soluzione a lungo termine?
«Al momento, la nostra scuola riduce il rischio di trasmissione testando tutti i pazienti per SARS-CoV-2 utilizzando la reazione a catena della polimerasi di trascrizione inversa (RT-PCR) prima delle procedure di generazione di aerosol», ha aggiunto l’endodontista. «Ci assicuriamo di seguire le linee guida statali e dei CDC, soprattutto per quanto riguarda le misure di allontanamento sociale e l’equipaggiamento di protezione personale. Ci auguriamo che una migliore comprensione della trasmissione di SARS-CoV-2, insieme agli sviluppi nei test rapidi, alla fine ridurrà il rischio per gli operatori sanitari. Si spera che ciò si traduca in una minore necessità di chiudere le cliniche. La prospettiva è che vedremo ulteriori blocchi se i casi di Covid-19 diventeranno incontrollati. Si spera che i risultati del nostro studio potranno aiutare i dentisti a gestire i pazienti senza procedure che generano aerosol durante i periodi di blocco».

Lo studio, intitolato “To drill or not to drill: Management of endodontic emergencies and in-process patients during the COVID-19 pandemic”, è stato pubblicato il 22 agosto 2020 sul Journal of Endodontics.

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 11, 2020

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2020 - All rights reserved - Dental Tribune International