Dental Tribune Italy
Clinical
La terapia clinica e chirurgica delle perforazioni iatrogene

June 27, 2018

Le perforazioni sono comunicazioni iatrogene tra il sistema dei canali radicolari e l’apparato di sostegno del dente. Il clinico deve stare particolarmente attento per evitare di commettere tale danno nel corso della terapia endodontica, in quanto la perforazione richiede un trattamento addizionale non richiesto.

Rigenerazione Parodontale con membrana GUIDOR matrix barrier: difetti intraossei e forcazioni

June 20, 2018

La presenza di difetti parodontali intraossei e il coinvolgimento delle biforcazioni nel processo di riassorbimento e perdita ossea successivo all’instaurarsi della Parodontite rappresentano delle condizioni anatomiche che il Clinico spesso si ritrova a prendere in considerazione di correggere dopo aver messo sotto controllo sia il biofilm batterico attraverso le manovre di terapia non chirurgica (debridment radicolare) sia i fattori di rischio sistemici e locali del Paziente.

advertisement
Approccio preventivo e cosmetico per lesioni smalto post trattamento ortodontico. Case report

June 20, 2018

In prevenzione terziaria, la terapia odontoiatrica più legata alla bellezza di un sorriso è la terapia ortodontica.

Posizionamento di MTA con il sistema MAP di Produits Dentaires (PD)

June 6, 2018

Più di 20 anni fa, Torabinejad et al. (1993) hanno descritto per la prima volta un nuovo materiale per l’otturazione dei canali radicolari chiamato minerale triossido aggregato (MTA). MTA ha mostrato in vitro una migliore capacità di tenuta rispetto all’amalgama o al Super EBA se usato come materiale per l’otturazione dei canali radicolari. In seguito, diversi studi in vivo e in vitro hanno dimostrato un maggior numero di applicazioni per l’MTA.

advertisement
Sinergie tra odontoiatria e biorivolumetria: l’approccio terapeutico per tornare a sorriderSi

May 30, 2018

Per percepire la visione dell’odontoiatria quale percorso finalizzato al raggiungimento della salute e del benessere del paziente, si presenta un caso clinico che mostra i risultati prodotti dal lavoro combinato tra odontoiatria intra orale ed extra orale.

Estetica e funzione: approccio moderno alla riabilitazione del paziente totalmente edentulo

May 25, 2018

L’edentulia totale è una patologia ancora molto diffusa nel mondo. Nonostante i progressi nella prevenzione delle patologie cariose e parodontali, l’obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di ottenere la permanenza di almeno venti denti nei soggetti di 80 anni è lontano dall’essere raggiunto. A causa dell’innalzamento dell’età media della popolazione, il numero di arcate edentule, anche nei paesi più sviluppati come gli Stati Uniti è ancora in aumento. La riabilitazione dei pazienti totalmente edentuli (o in dentatura terminale) è predicibile ma non esiste un “trattamento ideale” dell’edentulia totale anche perché le valutazioni che vanno eseguite sono molteplici: dovrebbero essere valutati fattori relativi al paziente, fattori intra-orali e fattori extra-orali. Questa analisi orienterà il clinico alla scelta del tipo di protesi più opportuna per il trattamento di questa categoria di pazienti (protesi totale rimovibile o overdenture, protesi fissa su impianti di tipo ibrido o protesi fissa crown-design).

Applicazione del protocollo GBT nel trattamento di un caso di gengivite

May 23, 2018

Paziente di sesso femminile di anni 27 con anamnesi generale negativa e senza storia di malattia parodontale, si presenta in prima visita lamentando sanguinamento gengivale durante le normali procedure di igiene orale domiciliare. Viene quindi raccolta la documentazione fotografica ed effettuato lo screening PSR (Periodontal Screening and Recording), con risultato associabile a gengivite generalizzata (valore 1 e 2 per tutti i sestanti sia superiori che inferiori), con presenza di abbondanti depositi di placca e tartaro.

advertisement
Lesione gengivale bianca bilaterale non asportabile trattata con dispositivo Aquolab: case report

May 16, 2018

I soggetti fumatori hanno sicuramente maggiore probabilità di sviluppare infezioni fungine orali rispetto ai soggetti non fumatori1. La Candida è uno dei principali patogeni del cavo orale e può determinare infezione quando vi è uno squilibrio tra le difese dell'ospite e la maggiore aggressività del microorganismo2. La diagnosi della Candidosi orale è essenzialmente clinica3.

Utilizzo di L-PRF nelle procedure chirurgiche rigenerative: un caso clinico

May 9, 2018

La rigenerazione ossea guidata sfrutta i principi biologici della rigenerazione tissutale guidata (GTR) secondo cui la rigenerazione di un tessuto avviene quando, all’interno del difetto osseo, le cellule specifiche per la rigenerazione di quel tessuto iniziano a proliferare. Il razionale della tecnica consiste nella stabilizzazione del coagulo di derivazione ossea quindi potenzialmente ricco di cellule osteogeniche che accedono all’interno del difetto e l’esclusione meccanica di tessuti molli indesiderati.

Soluzione di una grave atrofia ossea, orizzontale e verticale, con tecnica della lamina corticale

May 2, 2018

La chirurgia rigenerativa ossea si occupa da più di vent’anni della soluzione delle atrofie ossee conseguenti alla perdita degli elementi dentali. Molte sono le tecniche e i materiali che sono stati utilizzati negli anni, ma nessuno si è mai affermato fino ad oggi in modo predominante.

Cross-bite monolaterale e mandibular-shift. Trattamento con espansore palatino al nickel-titanio

April 18, 2018

Il cross-bite rappresenta un alterato rapporto sul piano verticale di uno o più elementi dentari con l’inversione dei normali rapporti cuspide-fossa.

advertisement
Case report: protesi adesiva di paziente con grave usura dentale. Follow-up a 4 anni

April 11, 2018

In questo articolo viene presentato un caso clinico di un paziente affetto da grave usura dentale, riabilitato secondo le più recenti conoscenze in ambito restaurativo, al fine di conservare al massimo il tessuto dentale, sfruttando contestualmente nuovi materiali che permettano tecniche adesive e ottima estetica.

L’ozonoterapia nella gestione della Perimplantite: case report

April 4, 2018

I problemi di origine infiammatoria che attaccano gli impianti vengono distinti in letteratura come mucosite perimplantare, lesione infiammatoria reversibile dei tessuti limitrofi di un impianto funzionante, senza perdita di tessuto osseo e perimplantite intesa come una lesione infiammatoria irreversibile, caratterizzata dalla perdita di tessuto osseo intorno a un impianto precedentemente osteoinegrato1; da un punto di vista istopatologico tale situazione è caratterizzata da un’intensa reazione infiammatoria nel connettivo perimplantare che si associa a essudato purulento, detriti cellulari e presenza di placca sull’impianto2.

Rialzo di seno per via crestale con una pasta ossea di nuova generazione

March 30, 2018

L’atrofia del mascellare posteriore come conseguenza della perdita degli elementi dentali è una condizione piuttosto frequente nella pratica clinica. La sua gestione, in previsione della riabilitazione del paziente attraverso una protesi supportata da impianti, richiede un’oculata valutazione dell’anatomia sinusale, nonché una scelta razionale della tecnica chirurgica riabilitativa.

Foto-bio-modulazione in ortodonzia

March 28, 2018

Le apparecchiature laser sono state proposte in ortodonzia soprattutto per le loro ottime caratteristiche chirurgiche. In effetti i piccoli interventi eseguiti con i laser richiedono meno o nessun ricorso ai punti di sutura, hanno un decorso molto più delicato e sono ben accettati dai piccoli pazienti. Negli ultimi anni, tuttavia, gli studi sugli effetti foto-bio-modulatori del laser in ortodonzia sono notevolmente aumentati. Molto probabilmente in futuro, il laser verrà utilizzato per la biostimolazione del movimento ortodontico, per ridurre i tempi di trattamento.

Grande rialzo del seno con impianto contestuale

March 23, 2018

Paziente di 40 anni in buono stato di salute non fumatore si presenta alla mia attenzione con dolore alla pressione in zona 16 dove anni prima era stato inserito un impianto tipo Straumann. Alla lastra l’impianto appare in buono stato di salute ma clinicamente mobile (Fig. 1). Si decide quindi di procedere con estrazione dell’impianto e successiva toilette chirurgica del sito post estrattivo.

La tecnica Low Window nel grande rialzo di seno mascellare

March 21, 2018

La riabilitazione del mascellare posteriore atrofico spesso richiede l’esecuzione di un rialzo di seno mascellare. Nella sua esecuzione, l’apertura della finestra di accesso al seno rappresenta un passaggio cruciale: la posizione, le dimensioni e la forma dell’antrostomia possono infatti influenzare significativamente la successiva operatività chirurgica ed il decorso intra- e post-operatorio dell’intervento. In questo lavoro viene descritta una tecnica che, sfruttando i principi della chirurgia guidata computer-assistita, permette di disegnare la finestra di accesso al seno secondo principi di razionalità e ripetibilità volti a minimizzare le complicanze intra- e post-operatorie e a facilitare l’operatività sia del chirurgo che dell’assistente.

Conservazione del processo alveolare con sostituto osseo di origine equina a lento riassorbimento

March 14, 2018

Il caso illustrato presenta i risultati clinici, radiografici e istomorfometrici ottenuti impiegando un sostituto osseo equino, trattato ad alta temperatura, per l’esecuzione di un intervento esteso di ridge preservation nel mascellare superiore.

advertisement
Caso di estetica multidisciplinare

March 7, 2018

La paziente si è presentata alla mia osservazione chiedendo un miglioramento estetico del viso e del sorriso. Dopo aver raccolto tutti i dati clinici, anamnestici e strumentali necessari alla formulazione del piano di trattamento più consono alle richieste della paziente, abbiamo deciso di migliorare l’estetica del viso e delle labbra con un rimodellamento tramite iniezioni di acido ialuronico secondo i principi degli MD Codes® di Mauricio de Maio e con un trattamento di fotobiostimolazione e di fotoeudermia con un ciclo di applicazioni di Light Modulation® con luce led rossa ad alta potenza di provata efficacia dermatologica (Fig. 1).

Stress cronico e alterazioni funzionali dell’apparato oro-dentale

February 28, 2018

Il sistema Stress consiste in una meravigliosa struttura altamente utile ed efficace per l’adattamento a stimoli determinati da fattori interni ed esterni sul nostro organismo. Ogni situazione fuori dall’ordinario che dobbiamo fronteggiare, sia essa inattesa e repentina tipo un’improvvisa perdita di equilibrio e qualunque altro stato di emergenza, oppure una situazione prevista come un esame o un colloquio di lavoro, crea in noi uno stato di “allerta” che coinvolge tutto il nostro organismo in maniera istantanea e automatica alfine di adattarsi alla condizione del momento ed affrontarla al meglio.

Valutazioni preliminari di inserti in Zaffiro e laser a diodi 915nm in chirurgia implantare

February 21, 2018

Numerose procedure chirurgiche prevedono ancora oggi l’utilizzo di lame bisturi tradizionali in acciaio al carbonio inossidabile, esistono tuttavia diverse situazioni cliniche dove nuovi strumenti di precisione possono essere favorevolmente impiegati per il vantaggio biologico ottenibile1.

advertisement
Gestione multidisciplinare di paziente con agenesia

February 14, 2018

L’agenesia è la più frequente tra le anomalie dentarie che l’ortodontista o l’odontoiatra multispecialista si trova a dover fronteggiare1, 2. Le agenesie sono di grande interesse, oltre che per la frequenza elevata, anche per la complessità delle soluzioni terapeutiche che necessitano: la gravità è direttamente proporzionale all’estetica che riveste l’elemento colpito e nel complesso può essere inquadrata come patologia caratterizzata da forte disagio psicologico-relazionale del paziente affetto, in quanto influisce spesso sull’autostima e la sicurezza di sé.

LLLT domiciliare nella gestione del dolore post-chirurgico dei terzi molari mandibolari inclusi

February 13, 2018

Il periodo di guarigione di un intervento chirurgico di estrazione di un terzo molare mandibolare incluso o semi-incluso, è sempre associato a una importante reazione infiammatoria. Questo processo è causa di dolore, edema e trisma post-operatori, che hanno un pronunciato impatto negativo sulla qualità della vita dei pazienti nei giorni successivi all’intervento chirurgico. Questi segni e sintomi sono conseguenza della ferita chirurgica e della durata dell’intervento stesso, come risultato di un trauma diretto su vasi sanguigni e linfatici, e portano a una sofferenza orale transitoria che necessità di adeguata terapia.

Trattamento con ossigeno terapia locale di un caso di lingua villoso

February 7, 2018

La lingua villosa (LV) è una condizione benigna caratterizzata da un’alterazione di colore e da un aspetto villoso del dorso linguale. La prevalenza di LV non è nota perché il suo fenomeno è altamente variabile tra le diverse popolazioni e dipende da molti fattori; tuttavia, gli studi hanno dimostrato che la prevalenza può arrivare fino a 11,3% in alcune popolazioni1.

Contenzioso? No grazie! Come evitare in poche mosse rotte di collisione col paziente

February 2, 2018

Odontologa forense, eletta di recente Presidente nazionale dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Legale (Oelle), Maria Sofia Rini suggerisce, con questo case report legale, alcune regole per non dover far fronte al contenzioso, sempre in agguato, con il paziente.

Osseodensificazione, tecnica innovativa per l’elevazione crestale del seno mascellare: Case Report

January 31, 2018

Il mascellare posteriore presenta spesso limitazioni anatomiche al posizionamento di impianti in osso nativo, basato sulla graduale pneumatizzazione del seno mascellare e sul riassorbimento centripeto dell’osso alveolare in seguito all’estrazione degli elementi dentari1,2.

advertisement
Rialzo di seno con accesso laterale e innesto di impianti autofilettanti SPI in mascellare atrofico

January 26, 2018

In presenza di gravi atrofie ossee, spesso conseguenza di estrazioni effettuate in giovane età, la riabilitazione implanto-protesica può andare incontro a importanti criticità. Un caso ricorrente è la pneumatizzazione del seno mascellare con conseguente riduzione dell’altezza dell’osso basale necessario a stabilizzare gli impianti. Tra le tecniche che possono risolvere questa situazione vi è il rialzo di seno con accesso crestale o laterale1-2. Di seguito verrà presentato un caso di atrofia mascellare risolto con un grande rialzo di seno con accesso laterale e contestuale posizionamento di due impianti osteointegrati autofilettanti.

Simplified Apposition Technique, case series

January 24, 2018

Tecnica mininvasiva di aumento orizzontale associata a ricostruzione della cresta.

Ricostruzioni estetiche complesse: metodi digitali e protocolli operativi integrati

January 17, 2018

La ricostruzione estetica del sorriso rappresenta oggi un argomento di studio molto di tendenza. Le difficoltà che il clinico deve affrontare, sono fondamentalmente legate alla necessità di pre-visualizzare il risultato finale non solo dal punto di vista estetico ma anche da un punto di vista funzionale. L’odontotecnico è spesso abbandonato in questo processo e la quantità di dati a disposizione rende il suo lavoro estremamente complicato.

Latest Issues
E-paper

DT Italy No. 11, 2019

Open PDF Open E-paper All E-papers

© 2019 - All rights reserved - Dental Tribune International