Dental Tribune Italy

La contaminazione batterica dell’aria nella sala operativa durante un trattamento AIRFLOW

November 24, 2020

Dentisti e scienziati, supportati da EMS, hanno misurato la contaminazione batterica dell’aria durante un trattamento AIRFLOW® in due situazioni diverse (senza e con speciali misure di contenimento).

    Article written by:

  • Adrian Lussi
  • Klaus-Dieter Bastendorf
  • Magda Mensi
  • Marcel Donnet

Sebbene i risultati di questa indagine non possano essere trasferiti in modo analogo a una possibile carica virale (ad es. SARS-CoV-2) nell’aerosol, i dati mostrano un’impressionante riduzione della contaminazione batterica dell’aria ambiente se il trattamento AIRFLOW viene effettuato con adeguate misure preventive. I pazienti, il personale odontoiatrico e i dentisti sono esposti a batteri e virus, che possono portare a malattie infettive, soprattutto del cavo orale e delle vie respiratorie.

Chiunque abbia scelto una professione in odontoiatria è consapevole che le cure dentali comportano sempre il rischio di infezioni. In odontoiatria, la minima distanza dal cavo orale del paziente comporta un’esposizione alla saliva, al sangue, agli aerosol e al fluido crevicolare del paziente1. La principale via di trasmissione di batteri e virus è costituita dalle goccioline di saliva2, 3. Per questi motivi, in odontoiatria sono sempre state applicate norme igieniche molto severe.

Negli ultimi decenni, i dentisti hanno dominato il rischio di influenza, tubercolosi, epatite e AIDS. Oggi, anche il rischio della SARS-CoV-2 deve essere gestito con successo. Quasi tutti gli strumenti dentali utilizzati nei comuni trattamenti dentali generano aerosol: manipoli a bassa e/o alta velocità, turbine, dispositivi sonici e a ultrasuoni, dispositivi a getto d’acqua e aria e a getto d’acqua e polvere4. Gli aerosol si differenziano dalle goccioline e dalle nebbie spray. Grazie alle dimensioni ridotte delle particelle (<50 µm), gli aerosol possono essere trasportati a diversi metri di distanza e possono essere rilevati per periodi di tempo più lunghi nell’aria ambiente5. In odontoiatria, gli aerosol possono presentarsi sotto forma di particelle solide, polvere (non contaminata), spruzzi che si depositano rapidamente (contaminati), aerosol dei dispositivi (non contaminati), aerosol di trattamento (contaminati). Il rischio di contaminazione dipende dal tipo di trattamento, dal grado di infezione del paziente e dalle misure igieniche preventive per ridurre al minimo la trasmissione di aerosol contaminati.

Ad oggi, mancano prove scientifiche che dimostrino il rischio di aerosol e il pericolo che rappresentano per medici e pazienti6. Una delle ragioni è la difficoltà di misurare efficacemente il livello di contaminazione da batteri e virus trasportati in aerosol e il loro livello di contagiosità. Secondo le nostre ricerche, non esiste letteratura scientifica sulla contaminazione virale e batterica degli aerosol durante l’igiene professionale dei denti con AIRFLOW. Pertanto, abbiamo effettuato un’osservazione dell’applicazione in pratica per comprendere meglio il rischio di contaminazione da aerosol utilizzando la tecnologia AIRFLOW.

Obiettivo
Lo scopo dello studio osservazionale è quello di misurare la carica batterica dell’aria nella sala operativa durante un trattamento AIRFLOW al fine di ottenere informazioni per la valutazione del rischio di contaminazione da aerosol per gli operatori, il team dello studio e i pazienti durante l’uso della tecnologia AIRFLOW in diverse situazioni.

Materiali e metodi
I trattamenti AIRFLOW sono stati eseguiti nelle sale di profilassi della società EMS (Nyon, Svizzera) da una dentista (Dr. Neha Dixit, EMS). La procedura di misurazione e le condizioni generali per l’esecuzione della profilassi erano state precedentemente progettate dagli autori. In totale sono stati trattati 20 pazienti adulti di età compresa tra i 30 e i 45 anni. L’indice della placca Quigley- Hein modificato secondo Turesky [Turesky et al., 1970] era di 0,80. Le sessioni di profilassi si sono svolte in quattro giorni consecutivi con cinque pazienti ciascuna. Tra un trattamento e l’altro, le stanze sono state accuratamente ventilate per rimuovere gli aerosol rimasti e ripristinare una situazione neutrale per la sessione successiva. L’aerosol è stato misurato per dieci minuti esatti ad ogni trattamento AIRFLOW. Per raccogliere gli aerosol è stato utilizzato un sistema a ciclone (PRELECT, Medentex GmbH, Bielefeld, Germania) precaricato con acqua filtrata e collocato a 20 cm dalla bocca del paziente (Fig. 1).

Fig. 1 - Paziente del gruppo 3: Trattamento AIRFLOW® a due mani con aspirazione ad alto flusso e Optragate: un sistema a ciclone pre riempito con acqua filtrata (PRELECT, Medentex GmbH, Bielefeld, Germania) è stato posizionato a circa 20 cm a sinistra della bocca del paziente per raccogliere gli aerosol.

Con un sistema di aspirazione ad alto flusso da 900 l/min (Cattani Micro Smart, Parma, Italia) sono stati aspirati 9 m3 di miscela aria-aerosol durante i dieci minuti di trattamento. Subito dopo il trattamento, la contaminazione batterica dell’aerosol è stata misurata utilizzando un sistema adenosina trifosfato (ATP). Questo metodo permette di determinare la quantità di tutti i batteri viventi [Watanabe et al., 2019]. Per lo studio sono stati definiti tre gruppi di misura:

  • Gruppo 1 (controllo) - Misurazione dell’aria interna senza trattamento, misurazione della carica batterica di 9 m3 di aria nella stanza di trattamento prima di ogni trattamento del paziente (20 misurazioni);
  • Gruppo 2 - Misurazione dell’aria ambiente durante un trattamento AIRFLOW con aspirasaliva, senza collutorio, senza aspirazione ad alto volume (10 pazienti)
  • Gruppo 3 - Misurazione dell’aria ambiente durante un trattamento AIRFLOW con aspirasaliva, con collutorio, con aspirazione ad alto volume (10 pazienti).

Secondo il protocollo per la «Guided Biofilm Therapy» (GBT), ai pazienti è stato chiesto di sciacquare con clorexidina (BacterX, EMS, Nyon, Svizzera) per 60 secondi prima di iniziare il trattamento (solo gruppo 3). Dopo aver raccolto l’anamnesi del paziente e i dati diagnostici necessari, tutti i pazienti sono stati trattati con occhiali protettivi, aspirasaliva (Kaladent, San Gallo, Svizzera), Optragate (Ivoclar Vivadent, Schaan, Liechtenstein), inoltre per il gruppo 3 è stato utilizzata un’aspirazione ad alto volume Purevac® (Dentsply Sirona, York, Pennsylvania, U.S.A.). Il biofilm è stato localizzato (Biofilm Discloser, EMS) e reso visibile. È stato rimosso con l’AIRFLOW PROPHYLAXIS MASTER (AFPM) e il manipolo AIRFLOW con polvere PLUS a base di eritritolo (14 µm). L’unità AFPM è stata utilizzata con la potenza consigliata (livello 3) e la massima impostazione dell’acqua per la rimozione del biofilm.

Risultati e discussione
Con il metodo presentato siamo stati in grado di misurare in modo riproducibile la contaminazione batterica degli aerosol generati durante un trattamento AIRFLOW (Fig. 2). La misurazione dell’aria nell'ambiente durante i trattamenti AIRFLOW con la cannula aspirasaliva a basso flusso, il collutorio e l’aspiratore ad alto flusso (gruppo 3) ha mostrato lo stesso livello di contaminazione batterica riscontrato per il gruppo di controllo (p >0,05). Con l’uso del collutorio e l’aspiratore ad alto flusso il trattamento AIRFLOW non ha portato a un livello più elevato di contaminazione batterica da aerosol nell’aria della sala operativa. Il risultato del contributo del collutorio o dell’aspirazione ad alta velocità non è stato determinato. L’indagine non aveva lo scopo di raccogliere e misurare gocce più grandi. Questi rimangono nell’ambiente di trattamento e non fanno parte dell’aerosol. Il rischio di infezione da queste goccioline è l’infezione per contatto e non l’infezione da aerosol. L’infezione per contatto è nota da molto tempo ed è controllata dall’équipe odontoiatrica attraverso i dispositivi di protezione individuale7. È imperativo seguire rigorosamente le linee guida e le raccomandazioni ministeriali per i dispositivi di protezione individuale, per la disinfezione delle superfici, nonché per la corretta tecnologia e l’uso corretto delle apparecchiature.

Fig. 2 - Box plot dell’aerosol contaminato durante i dieci minuti di trattamento Gruppo 1: Nessun trattamento (controllo); Gruppo 2: Trattamento AIRFLOW® con aspirasaliva, senza collutorio, senza aspirazione ad alto flusso; Gruppo 3: Trattamento AIRFLOW® con aspirasaliva, con collutorio, con aspirazione ad alto flusso. N.S.: nessuna differenza significativa (P > 0,05); ***: differenza significativa (P < 0,001). Quelle: Klaus-Dieter Bastendorf.

Conclusione
Il trattamento AIRFLOW con l’uso di Optragate, un adeguato collutorio e l’aspirazione ad alto flusso non comportano un aumento del rischio di contaminazione batterica per l’équipe dello studio e per i pazienti. Inoltre, si potrebbe dimostrare che gli aerosol possono essere controllati efficacemente con la «tecnica di aspirazione a due mani» utilizzando un’aspirazione ad alto flusso nelle immediate vicinanze dell’area di trattamento.

Bibliografia

  1. Peng X, Xu X, Li Y, Cheng L, Zhou X, Pen B. Transmission routes of 2019-nCoV and controls in dental practice. Int J of Oral Sci. 2020, Vol. 12, 9, pp. 1-6.
  2. Yang HY, Duan GC. Analysis on the epidemic factors for the Corona Virus Disease. Zhonghua Yu Fang Yi Xue Za Zhi. Mar 2020, Vol. 3, 54.
  3. Szymanska, Jolanta. Microbiological risk factors in dentistry. Current status of knowledge. Ann Agric Environ Med. 2005, Vol. 12, pp. 157-163.
  4. Graetz C, Bielfeldt J, Tillner A, Plaumann A, Dörfer CE. Splatter contamination in dental practices – how can it be prevented? Rev Med Chir Soc Med Nat, Ia-i. 2014, Vol. 118, 4, pp. 1122-1134.
  5. Drisko CL, Cochran DL, Blieden T, Bouwsma OJ, Cohen RE, Damoulis P, Fine JB, Greenstein G, Hinrichs J,Somerman MJ, Iacono V, Genco RJ. Position paper: sonic and ultrasonic scalers in periodontics. J Periodontol. 2000, Vol. 71, 11, pp. 1792-1801.
  6. https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_Coronavirus/Steckbrief.html. [En ligne].
  7. Watanabe A, Tamaki N, Yokota K, Matsuyama M, Kokeguchi S. Use of ATP bioluminescence to survey the spread of aerosol and splatter during dental treatments. J Hazard Mater. 2019, Vol. 369, 5, pp. 684-690.

 

Nota degli autori
Ulteriori indagini attuali e non ancora pubblicate del gruppo di autori, condotte secondo lo stesso protocollo con l’ablatore piezoceramico PIEZON PS, dimostrano che anche questa tecnologia non comporta un aumento del rischio di contaminazione batterica per il personale odontoiatrico e per i pazienti quando si utilizzano le misure di protezione. Anche in questo caso il risciacquo con BacterX è stato effettuato prima del trattamento e si è fatto ricorso all’aspirazione ad alto flusso e alla tecnica a due mani. Il rapporto finale sarà pubblicato non appena i test saranno completati.

Ristampa – anche in estratti -, duplicazione, microcopia, memorizzazione in banche dati elettroniche e traduzione solo con l’autorizzazione di Deutscher Ärzteverlag GmbH, 50832 Colonia, Postfach 40 02 65.

L'articolo è stato pubblicato su Dental Tribune Italian Edition n. 10/20.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2021 - All rights reserved - Dental Tribune International